A Rubano la “1^ tappa Central Est Europa di gaelic football” vinta da Rómhánaigh Augsburg Óg GAA e 4° in franchigia Ascaro Rovigo & Lazio; golden ladies Munich Colmicels, 3° Venetian Lionesses/ Nella Alpen Cup a Mardimago vince AscaroRO vs Vienna


11/04/2016

Basta estrapolare certe presenze istituzionali tra Rubano & Mardimago per capire quanto sia stata importante per la società Ascaro Rovigo questo straordinario week end targato Gaelic Football & Handball, sia maschile che femminile.
Ma ...basta leggere il reportage written by heart & mind da Raffaello Franco per capire anche tutta la soddisfazione ‘organizzativa’ per una manifestazione che targata Ascaro Rovigo e per un Evento di stampo internazionale che ha reso ancor più importante il quinto anno di attività della società rodigina.

MAIN NEWS ( di Raffaello Franco, mail 11.04.2016) / ROVIGO DOVE GLI SPORT GAELICI SONO DI CASA …TRA RUBANO – FOOTBALL E MARDIMAGO HANDBALL
Si è concluso con la conquista dell'Alpen Cup di handball il week end internazionale dedicato agli sport gaelici organizzato dalla New Ascaro Rovigo asd in collaborazione con il Rugby Roccia Rubano, la Polisportiva 4x4 e la Polisportiva Mardimago, un week end che già sabato aveva regalato un mare di soddisfazioni ai polesani grazie al terzo posto conquistato nella prima tappa del campionato Central Est Europa di gaelic football dalle Venetian Lionesses nel torneo riservato alle Ladies ed al quarto della franchigia schierata dall'Ascaro Rovigo GAA e dalla S.S. Lazio Calcio Gaelico nel torneo maschile.

Per le Venetian Lionesses una gran bella soddisfazione! Unico club italiano iscritto al torneo, ha affrontato la competizione addirittura con due squadre. Il team "cremison" inserito nel gruppo A ed il team "gold" nel gruppo B. Una vittoria con Bratislava e una sconfitta con le Munich Colmicels, squadra poi vincitrice del torneo, il ruolino delle "lionesses cremison" nel girone di qualificazione, due sconfitte di misura con Vienna e la franchigia Berlino/Praga per il team "gold", poi sconfitte di misura anche dal Bratislava che si è così aggiudicato il 5° posto nel primo torneo del 2016.

Per la squadra "cremison" una semifinale con il forte team Vienna Gaels giocata con orgoglio dalle "leonesse venete" ma che ha portato una sconfitta di misura dovuta più alla stanchezza accumulata nei precedenti incontri, che da una vera e propria supremazia delle austriache, team che, vale la pena sottolineare, ha una forte presenza di giocatrici irlandesi tra le proprie fila.

Comunque un'ottima prestazione per le ragazze di coach Franco che poi, nella "finalina" con la franchigia Berlino/Praga, si è tolta la soddisfazione di conquistare il terzo gradino del podio con una prestazione superlativa sottolineata da una netta vittoria.

Nel torneo maschile molto buono anche il risultato ottenuto dai ragazzi guidati dall'irlandese del Rovigo Kevin Curran che dopo un brillante girone di qualificazione e una semifinale molto ben giocata, hanno perso di misura anche la "finalina" per il 3° posto con gli Samrocks di Bratislava. Per la cronaca il torneo è stato vinto dai Rómhánaigh Augsburg Óg GAA, il team tedesco della città di Augusta costituitosi solo lo scorso anno ma che ha già dimostrato di essere in grado di competere ad altissimo livello in Europa.

Composto praticamente da tutti giocatori irlandesi, ha messo in campo qualità tecniche fuori del comune, qualità di squadra ed individuali che hanno permesso al club tedesco di far man bassa nel torneo giocato a Rubano tanto da conquistare anche il titolo di MVP con John Fitzgerald.

Per le Ladies, come miglior giocatrice, è stata premiata Anne Buck del Monaco di Baviera. I quattro arbitri italiani chiamati dal designatore europeo Tom McGrath a gestire, per la prima volta in completa autonomia, un torneo internazionale, hanno superato brillantemente l'esame ricevendo i complimenti un pò da tutti. I direttori di gara hanno assegnato il premio Fair Play del Panathlon Club Rovigo alla franchigia femminile Berlino/Praga che nel corso di tutto il torneo ha dimostrato d'incarnare quelli che sono i principi base dello sport.

Tutte le premiazioni sono state effettuate alla presenza del Sindaco Sabrina Doni e di Alberto Rampado assessore allo sport del comune di Rubano che non hanno voluto far mancare il loro saluto ai circa 200 atleti convenuti da mezz'Europa per onorare l'impegno con questo "strano" torneo rodigino organizzato in provincia di Padova.

Istituzioni che non hanno voluto far mancare il loro saluto agli ospiti stranieri nemmeno domenica quando a MARDIMAGO,  presso la locale palestra comunale, è andata in scena la prima edizione dell'Alpen Cup, la sfida di gaelic handball, specialità one-wall, giocata tra Ascaro Rovigo GAA e Vienna Gaels.

La gradita presenza di Paolo Avezzù, Presidente del Consiglio Comunale di Rovigo ed amico di lungo corso dell'handball rodigino, ha portato bene ai ragazzi ed alle ragazze dell'Ascaro che hanno dominato il confronto a squadre imponendosi con un netto 12-3. La formula della competizione ha visto la disputa di 15 incontri. Per l'Ascaro sono arrivate 4 vittorie sui 6 incontri disputati nel singolare maschile, 2 su 3 nel doppio maschile, 4 su 4 nel singolare femminile, ladies che hanno fatto l'en plain anche nel doppio con 2 vittorie sui 2 incontri disputati.

Storica affermazione, che alla vigilia non era poi così scontata nemmeno nelle proporzioni del punteggio viste le assenze di alcuni dei migliori handballers dell'Ascaro, protagonisti in molti degli appuntamenti internazionali disputati dai rossoblu negli ultimi anni, quali Fabio Cavallini, Riccardo Giolo, Giovanni Previato, Nicola Secchiero ed Andrea Zangirolami.

Questi i protagonisti della storica sfida italo-austriaca: Raffaello Franco, Donato Marabese, Matteo Borgato, Jessica Tamiuzzi, Angela Masiero, Alberto Olimpieri, Mirko Monti (Ascaro Rovigo GAA); Barry Guihan, Bernard Motal, Simon Deignan, Jennifer Nolan, Jimmy Cunningham, Rebecca Adeline, Barry Keeney, Chris O'Reilley, Lucy McMahon, Katie Reiley (Vienna Gaels GAA).

Indubbiamente per l'Ascaro Rovigo, quello appena trascorso, sarà uno dei week end da ricordare a lungo, una degna celebrazione per questi primi 5 anni di sport gaelici in Polesine.

EXTRATIME by SS/ La cover è per i trofei ‘icona’ Handball sul tavolo di Mardimago.
Poi per quanto riguarda la fotogallery ripartiamo da Mardimago location “One wall” proponendo in poker da sx Simon Deignan, Raffaello Franco, Mirko Monti, Alberto Olimpieri e a seguire in versione poste gli all player griffati Asacaro Rovigo insieme ai Vienna Gaels con Paolo Avezzu ( in maglione blu in rappresentanza istituzionale.
Per quanto invece il Gaelic football by Rubano, vi proponiamo by Giampaolo Defanti alcune significative immagini con tanto di nome nel file.
Partendo dal red team Ascaro & Lazio in franchigia, quindi la premiazione dei winners Rómhánaigh Augsburg Óg GAA effettuata dal sindaco Sabrina Doni.
A seguire tre azioni sul campo by Venetian Lionesses che poi vi proponiamo in team poter ‘cremison’, mentre coach Raffaello Franco + poi smile ( primo a dx) insieme alle ragazze Venetian Lionesses di biancoazzurro vestite.

 

Con riferimento alle premiazioni ecco ANNE BUCK ( MONACO) premiata MVP by sindaco Sabrina Doni, la stessa che poi premia la capitana della franchigia Berlino-Praga col premio Fair Play assegnato by Panathlon Rovigo.
Mentre dulcis in fundo proponiamo la premiazione del team winner Minich Colmcilles, col capitano che riceve il trofeo dalle mani dell’assessore  Alberto Rampado, con sfondo coach Raffaello Franco altresì organizzatore nel nome New Ascaro Rovigo e soprattutto italian promoter of Gaelic Football & Handball.



Raffaello Franco & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it