Adriatic LNG col suo terminale di rigassificazione e nell’ambito del "Piano di Emergenza" by Ministero Sviluppo Economico offre il servizio di Peak Shaving/ Avviata la gara per individuare soggetti disponibili a fornire GNL ( Gas Naturale Liquefatto)


Anche per quest’anno Adriatic LNG, la società di Porto Viro ( Rovigo) che gestisce il rigassificatore situato al largo di Porto Levante, offrirà il servizio di Peak Shaving per fronteggiare nel periodo invernale particolari situazioni sfavorevoli e garantire la sicurezza del sistema del gas nazionale. Tutto questo nell’interesse generale dell’economia italiana, sia dal punto di vista industrial che del consumo così detto privato.
Perciò Il rigassificatore di Adriatic LNG si conferma dunque sempre più strategico per rispondere ai fabbisogni di gas del Paese.
Anche perché , a giusta ragione, il servizio di Peak Shaving è una misura facente parte del "Piano di Emergenza" disposto con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico ed è finalizzato a rendere disponibile, nel primo trimestre del 2016, il gas precedentemente scaricato e stoccato nei serbatoi del Terminale per fronteggiare un eventuale surplus di domanda. Come ben spiega la mail trasmessaci da Angela Trevisol ( SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali  - PR e Ufficio stampa Adriatic LNG ) con relativa fotogallery.
Per parte nostra aggiungiamo in Appendice un focus storico sull’Adriatic Lng fin dalla metà dell’anno 2009, quando il sopracitato terminale di rigassificazione entrò in funzione,

 
MAIN NEWS ( di Angela Trevisol, mail 21.10.2015)/ IL TERMINALE DI RIGASSIFICATORE ADRIATIC LNG OFFRE IL SERVIZIO DI PEAK SHAVING
Il terminale di rigassificazione Adriatic LNG offre il servizio di Peak Shaving:
avvio della gara per l’individuazione dei soggetti disponibili a fornire GNL

•    La scelta del Mise per il secondo anno conferma la strategicità dell’infrastruttura         per il sistema italiano del gas

Milano, 21 ottobre 2015 – Dopo il successo dell’anno scorso, Adriatic LNG, la società che gestisce il rigassificatore a largo delle coste venete, ha pubblicato la procedura per fornire il servizio di Peak Shaving per il prossimo inverno per un quantitativo di GNL (Gas Naturale Liquefatto) compreso tra un minimo di 60.000 metri cubi ed un massimo di 65.000 metri cubi.
La documentazione per la partecipazione alla gara è disponibile sul sito aziendale.
Adriatic LNG sarà il primo tra i soggetti coinvolti per i servizi di rigassificazione dal “Piano di Emergenza” a chiudere la gara, il prossimo 13 novembre; la discarica dovrà effettuarsi nel mese di dicembre 2015. Esperienza comprovata nel gestire l’approdo e scarico delle metaniere più diffuse sul mercato del GNL, affidabilità del servizio, certezza dei costi sono i grandi vantaggi di Adriatic LNG.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha scelto anche quest’anno di avvalersi del rigassificatore Adriatic LNG per il servizio di Peak Shaving come misura del "Piano di Emergenza” per fronteggiare nel periodo invernale dell'anno termico 2015-2016 particolari situazioni sfavorevoli e garantire la sicurezza del sistema del gas nazionale (delibera 488/2015/R/gas). Per l’anno termico 2015-16 il Ministero ha confermato per Adriatic LNG la stessa capacità offerta lo scorso anno.
Il servizio di Peak Shaving è finalizzato a rendere disponibile, nel primo trimestre del 2016, il gas precedentemente scaricato e stoccato nei serbatoi del Terminale per fronteggiare un eventuale picco di domanda durante il periodo invernale.
Il rigassificatore di Adriatic LNG si conferma dunque sempre più strategico per rispondere ai fabbisogni di gas del Paese.

 

APPENDICE FLASH STORY/ADRIATIC LNG TERMINALE RIGASSIFICATORE SINCE 2009/ 
Entrato in esercizio nella seconda metà del 2009, il terminale di rigassificazione Adriatic LNG assicura all’Italia il 10% dei consumi nazionali di gas. Infrastruttura strategica per il Paese per il suo contributo alla diversificazione dell’approvvigionamento energetico, Adriatic LNG ad oggi ha contribuito a soddisfare i consumi nazionali di gas naturale immettendo nella rete nazionale gasdotti oltre 33 miliardi di metri cubi di gas (pari ad oltre la metà del consumo nazionale del 2014) proveniente via nave da 5 Paesi (Qatar, Egitto, Trinidad&Tobago, Guinea Equatoriale e Norvegia).
Adriatic LNG è co-controllata da EMIGAS (affiliata del gruppo ExxonMobil) e QTL (affiliata del gruppo Qatar Petroleum).
L’organico di Adriatic LNG è composto da 125 persone. I dipendenti che provengono dal Veneto sono 43 mentre sono 60 le imprese venete che dall’inizio del progetto fino ad oggi sono state coinvolte nell’indotto.

Adriatic LNG è da sempre impegnata nello sviluppo economico del territorio polesano con numerose e importanti sponsorizzazioni e attraverso il sostegno a vari progetti e iniziative delle comunità locali. Adriatic LNG dal 2009 contribuisce a far crescere l’innovazione e la cultura della sicurezza nel territorio, con un occhio di riguardo verso l’ambiente (oltre 100 le campagne di controllo effettuate in mare da Ispra e certificate da Arpav), puntando a coinvolgere sempre di più la comunità locale nella conoscenza delle proprie attività.

EXTRATIME by SS/ In fotogallery due panoramiche del rigassificatore Adriatic Lng di Porto Viro, nel Mare Adriatico al largo di Porto Levante.

Angela Trevisol & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it