Aia Rovigo & 2° incontro formativo 2015/ Coi video quiz ‘regolamentari’ by Avv. Gianluca Baciga - S.T.Naz.


Dove vai e da dove vieni? Eterno dilemma dell’Uomo bambino che poi diventa adulto maturando in sé stesso e tra gli altri. Questo è l’arbitro di calcio che …verrà.
Ma per arrivarci al meglio occorre preparazione e attenta analisi da metabolizzare sempre più per decidere al meglio in tempi stretti.
Perciò, ecco che per il secondo incontro tecnico in casa Aia Rovigo il presidente Sergio Sica della Sezione rodigina ha avuto opportunamente come ospite Gianluca Baciga , avvocato veronese già presidente dell’Aia Verona ( vedi Appendice News) e ora componente del Settore Tecnico AIA presieduto da Alfredo Trentalange.
Un incontro al passo coi tempi, compreso l’utilizzo di tecnologie moderne che servono all’arbitro e non viceversa, sulla base di testimonianze di vita ed esperienze dinamiche.
Come dimostrano i concetti e le valutazioni che emergono dal reportage written by Samuel Vegro vp della Sezione rodigina che ovviamente troverete anche sul sito della citata associazione polesana.
Per parte nostra, e giusto per citare la ‘forza’ attuale dell’Aia  Rovigo vi proponiamo altresì in fotogallery i relativi punti di riferimento, con nomi e ruoli di competenza, giusto per aggiungere nomi e …campo operativo dove possono lievitare concetti e soluzioni sviscerate by Gianluca Baciga nel suo recente incontro rodigino.



MAIN NEWS ( di Samuel Vegro, mail 25.10.2015 ) /AIA ROVIGO & SECONDA RIUNIONE TECNICA STAGIONALE GRAZIE AI TEST REGOLAMENTARI CON BACIGA DEL SETTORE TECNICO DELL' A.I.A
La seconda riunione tecnica stagionale ha visto gli arbitri rodigini severamente impegnati in una serata dedicata a "video test"  su complessi casi regolamentari , presentati dal veronese Gianluca Baciga, avvocato praticante ed ex Presidente della Sezione Arbitrale scaligera (per otto anni, dal 2004 al 2012).
Poi osservatore arbitrale a livello nazionale e attualmente componente del Settore Tecnico dell' Associazione Italiana Arbitri, ossia l' organismo dell' A.I.A. presieduto da Alfredo Trentalange che ha la funzione di dettare le linee guida sull' interpretazione delle regole del giuoco del calcio in Italia:  il fine, naturalmente, è sempre quello di tendere all' uniformità della loro applicazione.
Dieci filmati in visione consecutiva, ciascuno da vedere una sola volta e, quindi, solamente due-tre secondi a disposizione per i numerosi e attenti arbitri rodigini per decidere tra tutte le combinazioni possibili : calcio di punizione/rigore o nessun provvedimento tecnico? Ammonizione/espulsione oppure nessuna sanzione disciplinare?
Si sono visti casi di chiara ed evidente opportunità si segnare una rete, situazioni di posizione di fuorigioco punibile o meno, tocchi di mano da giudicare se commessi con volontarietà.
Già il tempo ristretto per decidere la combinazione risolutiva dei casi che scorrevano veloci sullo schermo, insieme alla molteplicità delle ipotesi sul tavolo può rendere l' idea della concentrazione necessaria per decidere correttamente.
Appassionato e acceso il dibattito che ne è poi scaturito: relatore e platea si sono confrontati per analizzare ciascun caso ed arrivare così, attraverso le motivazioni regolamentari a supporto di una decisione piuttosto che ad un' altra, a chiarire la soluzione di situazioni di gioco molto difficili da decifrare e che hanno messo a dura prova anche gli arbitri più esperti.
L' incontro è stato così utile per comprendere quanto difficile sia il raggiungimento dell' agognata uniformità nell' applicazione delle regole da parte di tutti gli arbitri chiamati a giudicare lo stesso caso: l' obiettivo del Settore Tecnico dell' A.I.A. è proprio lavorare per indicare quale sia la strada da intraprendere per tendere, se non all' unanimità, ad un' elevata percentuale di decisioni uguali in presenza di casistiche identiche e di per sé non banali.

 

APPENDICE NEWS ( di Valerio Meneghello, by www.aia-figc.it , 18.11.2011)/ AIA VERONA & RIUNIONE CON DINO TOMMASI E OMAR GAVA/

Qualche anno fa ha calcato il campo di una squadra dilettante veronese dimostrando grandi doti tecniche ed atletiche all’allora osservatore Baciga Gianluca, l’attuale Presidente della Sezione di Verona, aggiungendo naturalezza e tranquillità nel dirigere quella gara.
E' tornato in terra scaligera da arbitro in forza all' organico della Commissione CAN B, per tenere riunione tecnica dello scorso lunedì 7 novembre: lui è Dino Tommasi di Bassano del Grappa, gradito ospite arrivato con il collega altrettanto meritevole di elogi, l’ assistente arbitrale CAN B Omar Gava di Conegliano.
La loro lezione, improntata sulla lettura della gara, ha puntato il dito sui primi minuti dell' incontro, fondamentali per tarare il metro di valutazione di falli e scorrettezze, per gestire la gara nel miglior modo possibile dal punto di vista disciplinare e per aumentare la propria credibilità e rispetto.
La visione di episodi con valutazione tecnico-disciplinare direttamente dal raduno CAN B hanno fatto da cornice ad una brillante, ed allo stesso tempo semplice, relazione, che ha entusiasmato la platea, in particolare i giovani associati, i quali hanno potuto apprezzare tanto la professionalità quanto la disponibilità dei due ospiti, i quali hanno concluso esortando tutti a svolgere la propria attività con sacrificio, ma divertendosi, in campo ed anche fuori: solo così si ottengono i risultati con serenità.

EXTRATIME by SS/ In cover e in fotogallery in versione poster last photo, l’unica immagine trasmessaci. Cioè il saluto del Presidente Sezionale Sergio Sica ( sx) a Gianluca Baciga , Componente del Settore Tecnico dell’ A.I.A.

Invece in fotogallery , e con riferimento alla Appendice News datata 2011, vi proponiamo a l’allora Presidente della Sezione di Verona, cioè Gianluca Baciga, al centro tra l' arbitro Dino Tommasi e l' assistente arbitrale Omar Gava, entrambi in forza alla CAN B.
E a completamento per segnalare la ‘forza, dell’Aia Rovigo eccovi in flash il relativo organigramma operativo, in campo per l’attuale quadriennio olimpico e con le relative funzioni sezionali, come punto di riferimento per gli arbitri e gli assistenti rodigini.

 

Samuel Vegro & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it