Bedendo Pierluigi ‘Made Aia Rovigo’ tra Calcio a 11 e calcio a 5. Arbitrerà Pescara – Lazio (play off scudetto)


05/05/2011

E sulle sue orme c'é Edoardo Pinna! Ma più che la Montagna o Maometto è la news che arriva, ti prende per mano e ti porta alla storia. Lunedì sera ho ‘incrociato’ “Quelli dell’Aia Rovigo” dal presidente Ivan Colopi a Giuriola e a Berti consigliere regionale, da Marika Ferracin a Rizzato, da Astolfi a Sattin etc. Poi due giorni ho reincontrato Maurizio Giuriola ( due volte presidente Aia Rovigo, nel 1978/82 e nel 1985/89) e abbiamo parlato di …calcio a 5, degli arbitri di ieri e di oggi.
Spunti di riflessione che mi aiutano a vivere… lo sport.
Così basta che mi (ieri) mi arrivi la mail by Samuel Vegro/Aia Rovigo e allora, in linea con quanto mi ha sottolineato Ilie Rizzato, è ‘giusto’ passare dalla news alla storia.
Come ha fatto appunto Pierluigi Bedendo al TOP tra gli arbitri del ‘futsal’ come ha fatto Roberto Astolfi e dove si muovono in escalation anche Edoardo Pinna e la new generation a partire da Daniele Giuriola & company.
Perciò eccovi il kit story frutto delle due news ‘correlate’, la prima è la segnalazione mail by Vegro e la seconda è il ‘cammeo-story’ by Cristiano Aggio sempre su Pierluigi Bedendo, e pubblicato nel libro Aia Story “75 anni di passione – 1931-2006” peraltro scritto a quattro mani col sottoscritto.
PRIMA NEWS ( by Samuel Vegro) / A.I.A. ROVIGO: IMPORTANTE FINALE DI STAGIONE ( BEDENDO PIERLUIGI dirige nei play-off di Calcio a Cinque, PINNA EDOARDO debutta in Eccellenza)/

<< La Sezione A.I.A. di Rovigo presieduta da Ivan Colopi si appresta a vivere un finale di stagione che la vedrà protagonista, attraverso i propri associati, sui più importanti campi regionali e nazionali. Il prossimo fine settimana vedrà infatti i fischietti rodigini Pierluigi Bedendo e Edoardo Pinna impegnati a dirigere sfide calcistiche di alto livello.
Sabato 7 maggio Bedendo sarà il primo arbitro di Pescara-Lazio, gara di andata dei Play Off Scudetto di Calcio a Cinque. L’ incontro, che si terrà alle ore 20 presso il Palazzetto dello Sport “PalaRigopiano” di Pescara, sulla carta è forse la sfida più dura e incerta, contrapponendo gli ambiziosi abruzzesi ai laziali freschi vincitori della Coppa Italia. Bedendo, trentanove anni, è elemento di provata esperienza e sicuro affidamento, arbitrando ai massimi livelli del cosiddetto “futsal” ormai da sette anni e avendo già collezionato due gettoni di presenza negli spareggi-scudetto.
Pinna invece debutterà in Eccellenza il giorno successivo, domenica 8 maggio. L’ appuntamento è fissato per le 16.30 allo stadio “Vallini” di Piove di Sacco (Padova), dove si sfideranno Piovese e Liapiave, ultima giornata del girone B del massimo campionato regionale. La gara sarà ricordata in modo particolare perché il giovanissimo Pinna, diciassettenne studente al quarto anno di Liceo Scientifico, arbitra solamente da tre anni e nel corso di questa stagione ha fatto il bis di esordi, dopo quello in Promozione avvenuto lo scorso febbraio.
Bedendo e Pinna incassano così i complimenti del Presidente degli arbitri rodigini Colopi: "E’ un’ altra conferma dello spessore tecnico della nostra Sezione. In bocca al lupo ai ragazzi che si sono guadagnati questa importante affermazione, auspicando che sia preludio ad un finale di stagione importante per tutto il nostro movimento arbitrale”.>>

SECONDA NEWS / BEDENDO PIERLUIGI STORY by Cristiano Aggio (dal Libro dell’AIA Rovigo “ 75 anni di Passione / 1931-2006, scritto appunto da Cristiano Aggio e Sergio Sottovia) 
<< La domanda che di solito viene rivolta a chi pratica questo sport è:”Perché hai scelto di fare l’arbitro?”
Le risposte possono essere: per caso, un po’ per scherzo, un po’ per provare, un po’ per la tessera che ti consente di entrare negli stadi gratis, magari anche per i rimborsi spesa e per altri motivi.
Quella di Pierluigi Bedendo arbitro rodigino, classe 1971, che il 25 settembre del 2004 ha esordito nel campionato nazionale di serie B di calcio a 5 è decisamente originale e da “applaudire” per la sincerità.
“Era l’ottobre del 1991, e c’era una ragazza che mi piaceva che si iscrisse ( e penso fosse la prima ragazza rodigina ad iscriversi al corso di arbitro) e così la seguii.” Nel 1992, a 21 anni Pierluigi comincia la sua “carriera” tra gli arbitri, facendo la prima partita negli Esordienti, insomma, la classica trafila.
Con il passaggio  a Organo tecnico regionale arriva ad arbitrare in Promozione ed in Eccellenza, dove debutta in una Coppa Italia a San Martino Buonalbergo. Fa esperienza anche con la Berretti, con la juniores nazionale, arbitrando gare con squadre del settore giovanile professionistico.
“Ho dovuto un po’ rincorrere l’età, poi addio al calcio a 11 per cominciare col calcio a 5”.

E’ l’anno 1999 e Pierluigi comincia con il calcio indoor, dalla serie D.
“Se c’è una cosa che mi manca è la platea; il calcio a 5 è in rapido sviluppo, ma quello a 11 rappresenta logicamente l’originale. Ricordo una gara in Promozione a Castelnuovo del Garda dove ho invitato gli spettatori, che stavano tirando in campo un sacco di ortaggi, a raccoglierli in una cassetta e a darmeli a fine gara. Un motivo per spezzare l’esasperazione che  a volte, può portare a brutti episodi anche in partite di categoria inferiore. In quel caso lì, finì con una bella risata tra pseudo ultras”.
Ti sei abituato ora al calcio a 5?
“Sì, decisamente. All’inizio non mi piaceva, ora sono contento dio poter arbitrare gare di una certa importanza. Come sempre, cerco di fare del mio meglio nei confronti dei calciatori, dei dirigenti, dei massaggiatori; ho sempre prediletto il dialogo in campo e di risultati sono sempre stati più che positivi”.>>

EXTRATIME by SS/ La cover è a favore di Pierluigi Bedendo, poi l’apertura della fotogallery è per la ‘testina d’oro’ di Edoardo Pinna. Quindi, giusto per passare dalla new alla storia, ecco la full immersion con Bedendo arbitro di calcio a 5 nel 2004 in solitaria e con Roberto Astolfi ( Bolzano, 25.09.2004). Ma vogliamo chiudere onorando la memoria di Polonio Frezzato proponendolo da ‘gran signore con la cravatta rossa’ attorniato dai suoi ragazzi/arbitri, in seeding con gli storici Giuriola, Govoni, Coltro, Giubin. Filippo Ongaro, Carli e compagnia bella. 



Samuel Vegro & Cristiano Aggio & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it