Big River Moto Club, una Expo a Castelmassa nel nome di Paolo Bellini. E del ‘suo’ progetto motore GTP 754 con l’ingegner Tomezzoli


28/11/2010

La passione e la professionalità di Paolo Bellini, purtroppo mancherà a tutto il molndo dello speedway. Paolo è prematuramente scomparso lasciando una incompiuta. Cioè quel suo ‘progetto-motore’ di cui stavano già testando quest’anno l’evoluzione i piloti Andrea Maida e Mattia Cavicchi oli, i suoi due amici polesani. Un veterano e un giovane, cioè Maida e Cavicchioli guarda caso due polesani come lui, giusto per mixare esperienza e nuove potenzialità.
Ma a Castelmassa, i suoi amici compaesani, non vogliono che il progetto di Paolo Bellini resti una incompiuta. Questo il senso del recente MOTO EXPO nella cittadina altopolesana.
E noi vi spieghiamo cronaca e filosofia attraverso il puntuale resoconto di Michele Guerra, con relativi titoli e sottotitoli, plaudendo i dirigenti del moto club per l’idea e la concretezza progettata.

<< Successo del moto club di Castelmassa nel suo Expo-Show/
BIG RIVER MOTO CLUB RIEVOCA PAOLO BELLINI
Nella cittadina altopolesana la voglia di speedway è ancora tanta/
Casrelmassa – Nello spettacolare spazio motori allestito nella scorsa fiera di S.Martino a Castelmassa, il moto club locale Big River è riuscito a materializzare una piccola ma attrezzata Moto Expo, che si è rivelata visitatissima da un pubblico di ogni età, appassionato di motori e semplici visitatori incuriositi.

Tra i vari stand che presentavano i propri piloti  ed esponevano moto ed accessori delle specialità motociclistiche intraprese dal moto club Big River, velocità, motocross e off-road, attirava una certa curiosità lo spazio dedicato allo speedway, che a cavallo degli anni ’70 e ’80 nella cittadina massese era presente con una pista situata nel vecchio impianto sportivo, teatro di molteplici eventi di carattere nazionale ed internazionale.

Che lo speedway a Castelmassa sia ancora oggi un motivo di piacevoli ricordi e forti emozioni è una cosa risaputa, ma quello che si è voluto fare è stato rendere omaggio ad un ex pilota e amico qual’ è stato Paolo Bellini, recentemente scomparso. La volontà di tutti è poter dare un’ aiuto per portare avanti una idea tanto amata di Paolo dopo aver abbandonato le corse, quella di creare un motore da speedway. Progetto che ha già delle solide basi, in cui Bellini in questa stagione ha potuto contare sul supporto tecnico dall’ingegnere e collaboratore Giampietro Tomezzoli e le prove in pista con il veterano Andrea Maida e il giovane Mattia Cavicchioli.

Lo stand attrezzato da molte foto che ritraevano Paolo Bellini in pista e un gigantografia che raccontava una breve ma marcata cronistoria in ricordo, in cui nella parte sottostante sono state raccolte molte firme di quanti hanno voluto aderire all’iniziativa. Diversi i prototipi in mostra realizzati da Paolo Bellini stanno a dimostrare quanto sia stata forte la sua volontà di creare un propulsore tutto suo per uno sport motociclistico in cui ha dato tutto se stesso.


L’ultimo motore in ordine di tempo il GTP 754  (7°progetto, 500cc., 4 valvole con doppio albero a camme in testa) sviluppa una potenza di 74 cv., sceso in pista quest’anno nel campionato Triveneto con Maida e Cavicchioli, non fermerà la sua corsa allo sviluppo ma potrà continuare per impegno e volontà della famiglia Bellini, l’ingegnere Tomezzoli e i tanti amici che collaboreranno a portare a termine il progetto tanto desiderato da Paolo.>>



EXTRATIME by SS/ La cover è dedicata a Paolo Bellini ‘ progettista’ . E poi , in attesa di onorare gli ‘innominati’ dirigenti del Big River Moto Club del presidente Walter Di Pasquale Vi rimandiamo al loro sito, mentre nella fotogallery a scalare ‘onoriamo’ l’Expo partendo dallo  proponiamo “Massa in Moto” . E poi col primo piano del motore GPT 754 e il blocco frizione davanti alla  moto di Mattia Cavicchioli. Quindi , dopo il logo del Moto Club Big River, la gigantografia dedicata a Paolo Bellini , ed infine la moto di Andrea Maida con il GPT 754 che ha partecipato al Campionato Triveneto di speedway.



Michele Guerra
www.polesinesport.it