Canaro “Insieme per festeggiare Sara Zanca” e i suoi 20 anni di successi FISDIR Europei e Mondiali/ Show ed emozioni con Luca Bonati, Enrico & Greta Barotti, Elisa Michelotto & Michela Franceschini, Matilda Gibin & Gianluca Ruzza


Quando mi ha telefonato l’amico Sergio Dal Ben per ‘partecipare’ alla Festa qui a Canaro per celebrare i 20 anni di attività e di successi di Sara Zanca, ho detto subito di sì precisando che avrei parlato pochissimo.
Questo perché …qui SARA è nota a tutti e non ha troppo bisogno di ‘presentazioni’ , tant’è che si sta meritando tutti i festeggiamenti di un Evento come questo organizzato nel suo Comune con tanta sensibilità.
Basta guardare anche la speciale partecipazione di altri protagonisti presenti e orgoglio di CANARO, come mi ha spiegato anche per telefono la pro-sindaca Elena Manfrin, segnalandomi la ‘scaletta’ del programma, giusto per restare nei tempi col mio intervento-presentazione di Sara Zanca.
Così… ALLA DOMANDA fattami sul palco da Fabrizio Descrovi, su…Quando ho conosciuto Sara Zanca e quando mi sono appassionato alla vita di Sara? - prima di leggere il testo che vi propongo sulla Sara Zanca Story - ho RISPOSTO che l’ho ‘seguita’ da subito, ad inizio Terzo Millennio, fin dalle sue prime vittorie da nuotatrice FISDIR e perché la sua ‘Vita sportiva e familiare’ aveva tutte le caratteristiche per essere un prototipo di ‘vicende umane’.
Perché? Perché erano quelle da memorizzare per ‘sensibilizzare’ il Mondo Sport e le Istituzioni attraverso il racconto della sua Storia.
Questo deve fare chi fa ‘giornalismo’ e, soprattutto attraverso le STORIE si dovrebbe ‘servire’ lo Sport, per conoscerlo e promuovere quanto di buono e associativo c’è ‘sotto e dietro’ un evento sportivo…. VALE anche per quello di Oggi …
Ho sempre cercato di fare così fin da quando negli anni Settanta venivo a Canaro per le partite di CALCIO , come ho fatto per tanti anni ‘raccontando’ anche per Delta Radio quello che succedeva col Grande Canaro.

 

 

 

Una SQUADRA, un gioco di squadra, in evoluzione dai tempi del presidente Rodolfo Garbellini, poi Ghirello e Buzzi, dei ‘campioni’ Piter Previati e Girotti , dei Pavani, Guerra, degli Allegro, dei Breda… ma anche dell’amico Claudio Garbellini de il Gazzettino e poi sindaco di Canaro col quale si parlava di tutto e… di storie.
Insomma ERA il CALCIO CANARO dei tanti dirigenti che conoscevo, e che era un piacere fotografare, partendo dai Cirella ai Montagnana, dai Zangherati a papà Allegro fino ai fratelli Valieri,… tutti da raccontare e onorare per la loro passione, spirito di servizio e volontariato.
LA "SARA ZANCA STORY" / Per questo, TORNANDO a Sara Zanca, l’ho proposta molto presto per alcune ‘premiazioni’ sia istituzionali ( come la Provincia di Rovigo ) che Associative ( come Panathlon e Coni) quando mi hanno chiesto di segnalare’ dei nomi di Campioni meritevoli… e Sara Zanca era già vincente nel Mondo FISDIR da ottima nuotatrice.
Da allora, per Sara è stata una escalation di successi, frutto della immensa ‘voglia di vincere’ e assistita dalla sua famiglia e dal Mondo del Volontariato, come Unisport, Uguali Diversamente e Asd Pettirosso…, con in primis Nicoletta Carnevale che possiamo dire ‘da sempre’ al fianco di Sara, come sportiva e bambina diventata ragazza e adulta.

 

 

 

Per TUTTO QUESTO ho voluto raccontare la Storia di Sara Zanca sia nel Libro per i 60 Anni del Panathlon Club Rovigo che sul sito www.polesinesport.it , dopo averla seguita sempre in tutte le sue performance.  Come ho fatto peraltro con Stefania Chiarioni, altro orgoglio di Canaro, la già pallavolista e poi nuotatrice che ha partecipato alle Paralimpiadi di Londra 2008.
Ritornando a Sara Zanca, ricordiamo che è stata grande protagonista anche sui Mass Media, sia per le sue premiazioni Sportive che come Donna Eccellente oltre che nel Cinema e in Televisione.
A questo punto, e rispetto a quanto già raccontato, è difficile ‘RIASSUMERE IN POCHE PAROLE’ tutto il Curriculum Vitae di Sara Zanca , nata a Ferrara il 10 agosto 1989 e per ben 20 anni ‘vincente’ a livello internazionale  e per questo, ripeto ancora, orgoglio di tutta la Gente di Canaro e dello Sport non solo Paralimpico.
SINTETICAMENTE PERO’ POSSIAMO SOTTOLINEARE CHE SARA ZANCA è stata protagonista in tante discipline , dal suo amato Nuoto fino…all’attuale karatè con prospettive Europee…

 

 

 

COSI’ IN SEQUENZA PARTENDO DAL NUOTO, ricordiamo che la sua prima medaglia , l’ha conquistata nel 2001 , dopo soli 2 mesi di allenamenti, al Plebiscito di Padova dove Sara vinse ORO nei 25 DS qualificandosi al suo primo Campionato Italiano SPECIAL OLIMPICS.
Poi il suo medagliere gli regala tanti ori e tanti podi ai vari Campionati Italiani disputati a Caorle 2002, Fiuggi 2003, Pescara e Roma 2004, senza contare che nel giugno 2004 a SCIACCA a soli 12 anni la versatile SARA si laurea Campionessa d’Italia anche nell’ATLETICA nella categoria Junior “sotto gli occhi di mamma Franca orgogliosa quanto la campionessa”.
Un orgoglio condiviso anche dalla CITTA’ DI CANARO che , grazie a mamma Franca riesce ad organizzare nel 2005 in collaborazione con la AMMINISTRAZIONE COMUNALE la serata conclusiva dei Campionati Italiani DIR.P. che in Polesine ha visto coinvolti ben 670 persone tra atleti e relativi accompagnatori.
A questo punto SOPRASSIEDO dal segnalarvi i tanti Titoli italiani e medaglie conquistate dalla nuotatrice Sara Zanca da Roma 2005 fino a Terni 2006 , peraltro l’anno in cui finalmente SARA viene convocata come RISERVA ai CAMPIONATI MONDIALI di SHANGAI 2006.
Insomma Sara nel NUOTO è dominante in Italia e così in escalation dopo i Titoli italiani anche studenteschi , nel 2010 a Foggia domina sia nei 200 che nei 400 e 800 SL, qualificandosi per i MONDIALI DI TAIPEI (Taiwan).

 

 

 

Dove la gioia è immensa perché sotto gli occhi di mamma Franca e papà Franco va a podio in modo speciale: cioè Staffetta 4x100 ORO ; staffetta 4x50 argento, 400 misti bronzo, Staffetta 4x200 SL argento, 400 SL e 800 SL doppio ottavo posto ( finali non disputate).
TRALASCIO tutti gli altri aspetti personali non sportivi, dal Diploma alla Scuola Alberghiero di Ferrara agli aspetti lavorativi con la Famiglia Rossetto , perché qui a Canaro sono tutti ben noti, come le sue partecipazioni televisive e le premiazioni nazionali.
Continuando sportivamente, SARA nel 2011 è superstar ai CAMPIONATI EUROPEI in PORTOGALLO dove conquista 2 Ori + 2 argenti + 1 bronzo e 2 open sia a livello individuale che in staffetta.
Poi SARA …sarà protagonista con ottimi piazzamenti nelle sue solite specialità anche ai MONDIALI 2012 svoltisi a LOANO.
E allora , visto che Sara Zanca continua a mietere allori nazionali in sequenza anche negli anni successivi, ecco che il CT Marco Peciarolo la convoca in NAZIONALE a luglio 2016 per il TRISOME GAMES di Firenze, le prime Olimpiadi per atleti con sindrome di down.
E cosa succede a Firenze? SARA gareggia nelle Staffette 4x50 e 4x100 e conquista 2 ori con 2 record mondiali a staffetta, oltre ad un bronzo individuale.

 

 

 

Ovviamente alla versatile  SARA ZANCA , piace variare e così eccola provare nel 2017 il NUOTO SINCRONIZZATO dove arriveranno altri titoli tricolori; mentre altra emozione grande per SARA sarà la visita fatta a febbraio 2017 in Vaticano a Papa Francesco assieme ai ragazzi della Down Dadi di Adria.
Di solito nel nuoto l’età conta e si esce presto dal giro dei Mondiali, però SARA è speciale; e allora , a sorpresa ma non tanto, il solito CT Peciarolo la convoca per i Mondiali in Canada a luglio 2018.
Là dove la piccola grande SARA, accompagnata da mamma Franca, non salirà sul podio ma avrà la soddisfazione di  fare il suo nuovo record personale nei 50 SL.

Fermo restando che in piscina ancora oggi SARA è competitiva, ci piace a questo punto sottolineare che la sua mentalità vincente l’ha trasferita poi nel “Nuoto Sincronizzato” , allenata da Oxana Samotolkova, conquistando nel 2019 anche il titolo italiano a squadre;  ma divertendosi anche al Circolo Ippico Alessia Jumping Team a Occhiobello, allenata da Cristina Garbellini.

 

 

 

Senza contare che per Sara & Family continua il feeling speciale con la Asd Pettirosso  di Nicoletta Carnevale & Jari Trivellato Friends, dove oltre a divertirsi tra cucina e dintorni, si sta allenando a San Bellino con la squadra di KARATE del maestro Sergio Baire assistito da Greta Ferracin.
Conquistando peraltro, in periodo di Covid, la medaglia ORO ‘on line’ all’ISTRIA OPEN a giugno 2021 e il titolo italiano, in presenza a dicembre 2021 ad Alzano Lombardo con la Federazione UKS Italia.
Però SARA ha continuato ancora col suo amato Nuoto , tant’è che nonostante i mancati allenamenti , a settembre 2021 a Pesaro, SARA si porta a casa 1 Bronzo nei 100 SL + 1 Argento nei 200 misti.
A questo punto io mi fermo qui , col suo sintetico CURRICULUM SPORTIVO, però con SARA le sorprese sono sempre dietro l’angolo; anche perché in questi giorni gli addetti ai lavori mi hanno parlato delle nuove performance di SARA e del fatto che a Livorno ci saranno i prossimi Campionati Europei di Karate…;
Perciò non mi sorprenderò se dovrò ancora aggiornare il suo Curriculum, ad onore e gloria di Sara Zanca, la Vostra “Campionessa” festeggiata oggi qui a Canaro con tanto affetto.
Perciò BRAVA Sara, brava la FAMIGLIA ZANCA , e BRAVA CANARO tutta.

___________________________________________________________________________________________________________

 

 

 


LA FESTA PER SARA ZANCA/ A questo punto ecco un doveroso reportage sulla Festa per Sara Zanca in viaggio tra programma-scaletta trasmessami e doverosa informazione sull’Evento ad onore e gloria sia di Sara che degli ‘ospiti’ protagonisti sul palco insieme agli Organizzatori.
Anche perché è stata davvero una Festa “Show & Emozioni”, tanto più che il sottoscritto già nei saluti pre-evento è stato coinvolti con i saluti alla famiglia Zanca oltre che ad altri amici ‘calciofili’ ( Sergio Dal Ben e Paolo Allegro, in primis) e gli stessi istituzionali Alberto Davì sindaco di Canaro e Enrico Ferrarese presidente della Provincia di Rovigo, senza contare Jari Trivellato e Nicoletta Carnevale della Pettirosso Asd.
Così ad introdurre l’Evento partito dalle ore 17 al Teatro Parrocchiale di Canaro , nel rispetto di una ‘scaletta’ durato sostanzialmente 90 minuti, ci hanno pensato i “Tre Conduttori” , cioè Elena Manfrin, Mattia Barotti e Fabrizio Descrovi, che hanno chiamato subito sul palco per un saluto ‘generale’ gli ATLETI , di corsa da dietro il sipario con sottofondo la ‘significativa’ canzone sanremese di Gianni Morandi.
Quindi nell’apertura della Giornata Particolare i “Conduttori” hanno spiegato il “perché siamo qui”, sottolineato dai ringraziamenti alla platea , agli atleti  e alle autorità , col sindaco Davì e il ‘canarino’ Enrico Ferrarese presidente della Provincia di Rovigo significativamente partecipi e alla mano’ oltre gli obblighi del cerimoniale
Anche nelle risposte alle domande dei conduttori e nel partecipare alla consegna degli omaggi agli atleti stessi e dei loro collaboratori e staff tecnico sportivo.
Poi ha subito scaldato l’ambiente la ‘performance’ di Sara Zanca nel karate assieme alla sua allenatrice Greta Ferracin , il ‘nuovo sport’ dove Sara si sta impegnando tantissimo per raggiungere nuovi risultati speciali e internazionali.

 

 

 

Uno Sport, il karate, che poi ha registrato la performance anche di LUCA BONATI ( anche lui di Canaro) , tanto concentrato nel duetto con la sua allenatrice Greta Ferracin quanto particolarmente coinvolgente anche con la platea, mentre spiegava quante volte si allenava durante la settimana.
Per la cronaca e per la Storia , con riferimento al suo Curriculum, la pro-sindaca Elena Manfrin ha ricordato che Luca Bonati fin dall’età dei 5 anni ha cominciato il suo ‘percorso’ con il nuoto, dove si allena 3 volte la settimana con gli stessi insegnanti di Sara. Finché Luca nel 2018 ha cominciato a gareggiare nella categoria promozionali e in varie occasioni è stato campione regionale nei 50 stile libero, dorso e 25 farfalla. Mentre in questo 2022 ha conquistato la medaglia d'argento ai nazionali di karate nella disciplina kata, allenandosi una volta la settimana, perché …pratica anche atletica e calcio.

Fermo restando che possiamo parlare davvero di Sport / Valori sociali, come hanno sottolineato a questo punto sia Nicoletta Carnevale che Jari Trivellato ( della Pettirosso Asd)  e la stessa Greta Ferracin che hanno parlato delle ‘qualità eccezionali’ dei ragazzi della Pettirosso Asd, ai quali cercano di dare tanto ma dai quali nel contempo hanno ricevuto tantissimo.
E riflettendo su Sport e disabilità, la stessa Nicoletta Carnevale ha sottolineato più volte col termine “pazzesco” per sottolineare il loro coinvolgimento e la loro sorprendente partecipazione e risultati oltre le aspettative, sia sportive che di socializzazione.

 

 

 

E’ stata poi la volta della doppia esibizione di MATILDA GIBIN E GIANLUCA RUZZA ( di cui vi proponiamo in Appendice lo specifico curriculum) , una coppia di ballerini che ho seguito ascoltando i commenti di Franco Zanca anche perché … la giovane Marilda Gibin è sua nipote ( figlia di Mascia Zanca).
E dopo l’esibizione in alcuni “Balli Latini” , la coppia Matilda e Gianluca ha risposto alle domande di Elena Manfrin,  parlando delle loro preferenze, e della voglia di tornare a ballare a Canaro, da dove sono partiti 5 anni fa, conciliando Sport, scuola e tempo libero.

A questo punto ci ha pensato Mattia ‘gran conduttore’ Barotti a presentare , come ballerini, i suoi fratelli ENRICO E GRETA BAROTTI ( significativo il suo importante curriculum, partendo come tanti dai ‘primi passi’ con la locale ASD Circolo Paradise della maestra Katy Brusco) , che si sono esibiti in ‘ballo di coppia’ sulle note “Dirty Dancing” .
Fermo restando che poi il conduttore Mattia ha coinvolto il fratello Enrico su come è nata la sua passione per il ballo, su com’è ballare con la sorella ( ha risposto ‘stupendo’) , sugli allenamenti e …se ha mai fatto ballare la mamma. Quando poi Mattia ha intervistato anche la 17enne sorella Greta su come sia nata l’idea di ballare con suo fratello, lei ha risposto che …’ha un fratello meraviglioso ed è bellissimo ballare assieme, conciliando divertimento, sport, scuola e amici’.

 

 

 

Sintonia speciale anche nella successiva performance, tra spettacolo e simbiosi, con MICHELA FRANCESCHINI ballerina di flamenco ed ELISA MICHELOTTO ( ho salutato suo padre, ottimo calciatore all’epoca di Lauro Pomaro…), la pittrice che in diretta ha ‘caratterizzato’ in un disegno speciale la performance di Michela, oltre ad aver esposto una sua serie di quadri all’ingresso del Teatro Parrocchiale anche perché Elisa ha partecipato a diverse mostre.

Nella successiva intervista poi Elisa e Michela hanno spiegato il tema della loro esibizione,  su come Elisa si è avvicinata al flamenco di Michela e come si è perfezionato il loro rapporto artistico.
Peraltro Elisa Michelotto ha ricordato che “ha  iniziato a dipingere dal 2016 , ha frequentato una scuola ad indirizzo grafico pubblicitario, seguendo dal 2019 il corso di flamenco di Michela come ispirazione artistica per i suoi quadri”.

 

 

A seguire, dopo una seconda esibizione della coppia di ballo latino con MATILDA GIBIN e GIANLUCA RUZZA ( liscio unificato) , sono stati chiamati sul palco tutti i ‘partecipanti’ alla FESTA per SARA ZANCA, tutti premiato con un omaggio floreale, mentre a conclusione della giornata è stato proiettato un ‘video’ dedicato a Sara e al suo Mondo Sportivo con interviste anche a mamma Franca e alla stessa Sara Zanca, eclettica come sempre.
Praticamente è Festa di quasi 2 ore, ma che ha avuto un impegno organizzativo da ‘onda lunga’ – hanno spiegato sia il sindaco Davì che la pro-sindaca Elena Manfrin e i sonsiglieri Sergio Dal Ben e Giulio Trondoli che si occupano della 'Tematica Sport' -  perché onorare in modo adeguato i propri cittadini benemeriti rappresenta orgoglio per tutta la Comunità, ma anche ringraziamento alle Associazioni del territorio oltre che esempio e stimolo per i giovani.

Fermo restando che poi in tanti, compreso il sottoscritto, sono rimasti a ...dimostrare tanto affetto a Sara Zanca e farsi fotografare con Lei e gli altri partecipanti, a dimostrazione di un evento che ha avuto un suo speciale carattere affettivo e  di considerazione anche per le varie Associazioni di Volontariato.

 

 

 

APPENDICE FLASH – CURRICULUM GIANLUCA RUZZA E MATILDA GIBIN
Gianluca e Matilda crescono insieme fin dal Nido che iniziano a frequentare ad 1 anno, per proseguire insieme nel percorso scolastico fino alla 3° media sempre nella stessa classe.
Si avvicinano al ballo all’età di nove anni e mezzo con partner diversi presso il Circolo Paradise di Canaro con la Maestra Katy Brusco. Ben presto capiscono che il loro obbiettivo è di fare del loro hobby una passione vera e propria e quindi di trasformarla in DANZA SPORTIVA iniziando a fare agonismo.
Si forma la coppia Gianluca-Matilda che viene creata su intuizione della Maestra Evelina Gobbo, tecnico della NEW STARS di DUE CARRARE (PD), società sportiva a cui i ragazzi entrano a far parte dal 2017.
Da quel momento sono Alberto Pregnolato ed Evelina Gobbo, pluri-campioni Italiani, finalisti a Campionati del Mondo, e preparatori di fama internazionale, a prendere in carico la formazione di Matilda e Gianluca , con la specialità delle danze internazionali, 10 balli standard e latino americano, per arrivare al 2019 con le prime grandi soddisfazioni:

 

 

 

- Campioni regionali classe C categoria 12/13 sia danze standard che danze latine
- Semifinalisti ai Campionati Italiani di Categoria FIDS combinata 10 balli
- Vincono la Coppa Italia di Liscio Unificato
Con l’arrivo della pandemia, nel 2020, le competizioni si fermano, ma i loro allenamenti non del tutto.
Quindi i loro Maestri decidono di iniziare ad investire sulla crescita sportiva e usano il 2020 per una formazione di alto livello.
A gennaio 2021 i ragazzi entrano nella classe A, alto agonismo della FIDS, dove inizia il primo anno di esperienze su un parquet del tutto nuovo per loro, che li porta anche all’iscrizione di diritto alla WDFS per competizioni internazionali.
Purtroppo, in questo ultimo periodo il loro percorso è stato segnato da importanti infortuni di Matilda, che li ha costretti a fermarsi.
Oggi, hanno deciso di esibirsi nel loro paese, dopo uno STOP lungo 4 mesi.

 

 

 

 

EXTRATIME by SS/ In cover il manifesto della FESTA  “Insieme per festeggiare SARA” , andata in scena al Teatro Parrocchiale di Canaro domenica 13 cm.
Quindi in apertura di fotogallery  partiamo dal palco con la presentazione-saluto dell’evento, da parte della Top Five  con da sx Elena Manfrin, Mattia Barotti, Fabrizio Descrovi ( trio presentatori), Enrico Ferrarese presidente Provincia Rovigo, Alberto Davì sindaco di Canaro.
Per al cronaca è stata simpatica la battuta dell’amico Descrovi ( ottimo attore della locale Compagnia teatrale “Briciole d’arte” ) al presidente provinciale Ferrarese originario di Canaro, perché gli ha ricordato che “da calciatore era stato ceduto in prestito alla Stientese ma poi …non è più ritornato”.
Quindi proponiamo in un flash sul pubblico in platea mettendo al centro della scena la famiglia Zanca con da sx mamma Franca Desiderati e a dx Franco Zanca, sempre in disparte ma sempre protagonisti , anche se non ci sono in foto assiema alla ‘Campionessa’ perché – ha detto mamma Franca – “oggi è la Festa di Sara”, ed è giusto che sia Sara la ‘prima donna’.

 

 

 

Passando alla festa -show ecco dal palco la prima esibizione di Sara Zanca nel karate insieme alla sua allenatrice Greta Ferracin ma anche in kit con sé stessa e in versione nuoto, la disciplina che l’ha promossa superstar.
Anche il suo amico Luca Bonati è in versione ‘karate’ ( si è esibito sempre con Greta Ferracin) e sul palco col segno ‘vittoria’ a fianco del tandem Nicoletta Carnevale e Jari Trivellato della ‘Pettirosso Asd’ intervistati da Mattia Barotti ed Elena Manfrin.
Praticamente un altro ‘campione di karate, come dimostra la successiva foto podio internazionale con Luca Bonati ‘argento’ al fianco della sua allenatrice Greta Ferracin.
Seguendo la ‘scaletta programma’ proponiamo quindi il ‘primo ballo’ sdi Matilda Gibin & Gianluca Ruzza  e poi in tandem i fratelli ballerini Enrico & Greta Barotti, mentre si intravvede a sx il professionale presentare orgoglioso dei suoi fratelli ‘cuore famiglia’.

 

 

 


Come storia artistica e di amicizia è anche quella che proponiamo con Michela Franceschini impegnata nel flamenco mentre Elisa Michelotto l’ha ritratta in un disegno durante la sua performance. Come ha fatto altre volte e come certifichiamo con uno dei disegni esporti all’ingresso del Teatro Parrocchiale, dedicati anche al flamenco.
A questo punto ecco il ‘secondo ballo’ di Gianluca Ruzza & Matilda Gibin che proponiamo anche in kit con un a precedente performance.
Per una “Festa per Sara Zanca” che si è conclusa sul palco col saluto di tutti gli “Otto Protagonisti” dello show, con relativo omaggio floreale e con le immagini degli ‘esultanti’ Luca Bonati e la stessa Sara Zanca con tanto di ‘targa celebrativa’ della Festa stessa..
Tutti applauditi nel parterre della prima fila platea  e in particolare dal trio Jari Trivellato Nicoletta Carnevale, Greta Ferracin ( coi fiori) e più staccato Enrico Ferrarese.

 

 

 

 

Lo stesso che poi ho chiamato su richiesta di mamma Franca ( ma pro figlia) per la foto ufficiale “Six… Nations” che vede da sx  Jari Trivellato, Greta Ferracin, Sara Zanca, Nicoletta Carnevale, Enrico Ferrarese, Luca Bonati.
Mentre per il poster ‘organizzativo’ made in Canaro ecco la Top Eight con da sx Greta Ferracin, Elena Manfrin, Sara Zanca, Nicoletta Carnevale, sindaco Alberto Davì, Sergio Dal Ben, Jari Trivellato.

Tanto più che la stessa Elena Mancin che ha sottolineato :<< Lo spirito della Festa per Sara è che è una festa ‘di e per Sara che in realtà è stata la festa di tutti’. Abbiamo scoperto strada facendo che Canaro è abitato da tanti talenti e tanti sportivi; perciò abbiamo unito artisti e atleti con disabilità e atleti normodotati perché, come è stato ricordato il 4 febbraio in occasione della ‘Festa dei calzini spaiati’ , la diversità è ricchezza … e questa festa ha arricchito il cuore di tutti>>.

Anche per questo, dulcis in fundo onoriamo Sara Zanca, orgoglio del suo paese Canaro e del Polesine , perciò insieme al sindaco Davì e al presidente Ferrarese, perché hanno la ‘sensibilità’ per mixare sport e solidarietà anche verso le associazioni ( come la Pettirosso) che insieme alle loro famiglie sono fondamentali per l’andamento lento ma normalmente veloce di ragazzi “Speciali/Pazzeschi” come Sara Zanca che, attraverso lo Sport, …sono meravigliosi.

Elena Manfrin & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it