Da “Calcio Marcio” a “Lo Sport, Scuola di Vita” by Provincia di Rovigo. Da Lauro Pomaro/Lucio Taschin alla Zanetti & i “43 premiati 2011”e …


27/06/2011

Yesterday & Tomorrow. Avevamo chiuso sul campo la stagione 2010-11 con le promozioni targate Delta 2000 & Scardovari e relative ‘onorificenze istituzionali” by Figc & Comuni Locali.
Adesso è ‘summertime’ (vedi i mister Tessarin & Veneziani...) e così mixiamo schegge e blog da spiaggia con le news dei quotidiani però collegate e pensieri “Yesterday e Tomorrow”. Così , pronti via, segnalo che da venerdì mattina sono approdato a Marina di Carrara dove Paolo Dazzi & il Panathlon di Carrara e Massa (non viceversa) hanno organizzato i relativi Campionati Italiani di Tennis e dove c’è stato il massimo Meeting organizzativo del Panathlon Italia dove il suo presidente Gianni da Jesi con tutti i Governatori delle varie Aree italiane, compreso il Veneto di Massimo Rosa, quello di Rovigo con GF Frigato e quello di Adria col presidente Alberto Doni, quindi il Dainese governatore dell’Emilia Marche che …papà da Codigoro e mamma da Sabbioni di Corbola mi ha parlato di Caterino Bertaglia, di Franco Succi Cimentini, Michele Paramatti, Beppe Pregnolato mister del Fano.
Certo abbiamo parlato anche delle mondiali Vezzali e Di Francesco, ma anche di Gigi Buffon dei suoi alberghi a tot stelle e dei …bagni di Ronchi oltre che della sua Gran Festa di Nozze e dei vari Pirlo.
Ma fermiamoci qui, citando soltanto che c’era anche Ardesi (ho beccato il solito 9-0 …perché è sempre capitano della nazionale italiana di tennis Over 60 che andrà ai prossimi Mondiali in Turchia). E che in ‘football summertime’ si è parlato anche della Carrarese neo promossa in C1 e del Sarzana giusto perché eravamo ai confini tra Toscana e Liguria.
 
Ma nel frattempo cosa hanno raccontato i …Quotidiani del Polesine? Ecco qualche Flash da summertime ‘stimolanti di alcune considerazioni che lascio liberi ai nostri Lettori , ai quali peraltro propongo due flash tra il Calcio di Ieri e di Oggi. Visto che ritengo doveroso ricordare da dove siamo partiti (perciò ecco il Baricetta ‘prototipo’ 2006 e in controcampo i problemi del Calcio Marcio sempre 2006) per aiutarci a capire (associazioni e d istituzioni ) cosa dobbiamo fare per camminare al meglio sui nuovi sentieri sportivi che il mondo d’oggi ci propone, con la sua società in evoluzione. Promettendovi però a parte  Torneo Pasquino today by Giannese e , non solo tanto par ridare’ un flash Festa San Pio X by  Mar-Tina time tra… beach e wine.
Perciò, rientrando in Summer Tema, ecco il kit col poker di sequenze news, prima di ‘onorare’ i premiati 2011 “Lo Sport, Scuola di Vita” by Provincia di Rovigo citati giustamente sul relativo sito ufficiale.

PRIMA NEWS/ TRA SUMMERTIME & CALCIOMERCATO, TRA SPORT & SPETTACOLO, SAGRE E FESTE DI QUARTIERE E PAESANE. TRA RELAX E GIOCHI FAMILIARI

Miscellanea e antologia. Intanto all’Union At comincia l’era di Cristian Veneziani, il mister originario di Castelmassa che però è maturato sul veronese. Il resto lo faranno il ds Cristiano Masotti e il tandem dirigenziale Alessandro Stocco e Mauro Bellinato, perciò di loro come dell’Union At e di tutte le altre squadre new look parleremo a bocce ferme.
Tra i dati certi quindi riportiamo Sandro Tessarin neo mister alla corte della Tagliolese, senza scendere negli altri particolari del calcio mercato, ma soffermandoci a segnalare che tutto ruota attorno ai vari tornei estivi. E così si gioca di notte al Campo della Marcona a Ceregnano, col Lapecer che tesse le fila di tanti discorsi da viaggio. Idem a Porto Viro dove alle Murazze, tra le foto dei premiati troviamo quelli della Edilferro Mara Mode Recuadro ( nella Champions Cup Tumiatti Impianti) e quelli del Cà Lino nella Friends Cup Pollo Delta. Poi come giocatori i soliti noti Luca Guarnieri ( miglior giocatore della finale), Alex Bellemeo ( miglior giocatore Champions), Davide Pizzo ( capocannoniere della Champions) Massimo Zanirato ( miglior portiere Champions), Andrea Moretto ( miglior Under 21 Champions, quindi nella Friends Cup come miglior giocatore Patrik Boscolo, miglior portiere Sebastiano Barchieri, capocannoniere Alberto Zanon tutti del Cà Lino superstar marinante – winner.
Ovviamente potremmo snocciolarvi tante altre news di altri sport, ma …preferiamo le storie e lasciarvi navigare dentro altri SITI dove si parla con più conoscenza di causa delle performance ‘canoa’ di Ilenia Padoan alla Coppa del Mondo di Maratona, di Rovigo capitale regionale con le gare di atletica leggera al campo Coni “Tullio Biscuola” di Rovigo, di Laura Roversi protagonista ai nazionali di Kata ad Ostia ( Roma) , di sara zanca medaglia d’poro Nuoto Fisdir ai Campionati Italiani, di Luca banin ( Ciclistica Polesana di Porto Viro) winner giovanile a campagna Lupia ( VE). Oppure dell’Ilcea sempre più leader nella serie A di baseball, con Filippo Crepaldi & Company sempre guidati da coach Reinoso e Sera. Senza contare il beach tennis al palazzo Rosso di Polesella dove il trio Stefano Bellinazzi, Alessandro Colombo e Francesco Fusetti stanno ‘promuovendo’ questa nuova specialità con qualificata gestione manageriale tecnico/sportiva.
Mettiamoci anche il podismo protagonista tra le ville della gara di Polesella oltre che Luca Favaro solito winner stavolta ad Anguillara. Ovviamente passando da ‘casa rurby’, da quello Mondiale giovanile Under 20 al Battaglini di Rovigo dove l’Italia di coach Casellato si è salvata dalla retrocessione internazionale battendo infine il Tonga, fino ai tornei ad Adria dove i francesi del “Departement de l’Aude’ hanno vinto il ‘Città di Adroia’.
Ovviamente sono citazione ‘alte’ mentre la vita viaggia tra alti e bassi. Come a Rovigo dove Scerra presidente sta soffrendo le decisioni della Figc oppure ad Adria dove sta soffrendo ancora il presidente Olivo Frizzarin.  Question i di montagne russe, come in Argentina dove il River Plate è retrocesso per la prima volta nei suoi 110 anni di storia e dove purtroppo la tifoseria ( ho visto stamattina le scene televisive nei telegiornali) hanno sfogato anche nelle strade ‘intemperanze inconsulte’. Anche per questo chi rappresenta lo Sport e le Istituzioni ha compiti ingrati, comunque responsabilità di ‘indirizzo’, vale per quelli del Calcio Marcio come per i Premiati “Lo Sport, Scuola di Vita’ o quelli delle Feste Sagre/Quartieri/Paesi sia che si chiamino Baricetta o San Pio X o … Real Madrid/ o Roma, Milan o Inter o quelli della fusione attuata tra Fluminense, La Vittoriosa, Nuova Maddalenese.

SECONDA NEWS ( giugno 2006, by Sergio Sottovia su un Mensile / Magazine / CALCIO MARCIO / Nel Professionismo e nel Dilettantismo / Occorre una ' regolata' e meno discrezionalità.

<< Politichese, sindacalese, calcese… Quando il povero va dal dentista può succedere che non gli venga fatta neppure una anestesia, mentre alla 'signora' si sta ben attenti a ..non spettinarla. Nel calcio, come nella vita, il timore reverenziale non assume rilevanza giuridica. Invece a volte la 'Signora' esagera e, poiché paga, forza le regole. Ecco quando si forzano le regole si alterano le regole fondamentali della ' MAGNA CARTA sportiva e si alterano i risultati. Adesso attorno a Moggi si è sviluppato un polverone CALCIO GATE e CALCIO MARCIO. Ebbene cerchiamo di essere meno banali o qualunquisti e diciamo la nostra. Così ricordiamo che Lippi rimbrottò Zeman quando parlò di doping sollecitandolo a fare nomi e cognomi. Come se uno facesse un esposto e …oltre agli 'indizi' dovesse produrre gli 'elementi probatori'. Così ricordiamo che …le intercettazioni telefoniche riproducono atti-fatti-misfatti inconfutabili e che sono servite ad alterare la 'sportività' del campo ed alterare i risultati, facendo pressioni dirette e ripetute sul mondo arbitrale.  Non è che questo succeda la prima volta. Ne ho parlato con diversi arbitri polesani, quando quanche mese fa ho scritto assieme a Cristiano Aggio il Libro Story dei '75 anni di Passione' della Sezione Aia di Rovigo. Ed è successo che in un campo del Sud un personaggio che non doveva essere in campo abbia funzionato da 'garante della sicurezza pubblica'. Ed è successo che ci sia stato un tentativo di corruzione in Toscana fatto all'arbitro prima di un match decisivo per la salvezza. Ed è successo che ad Empoli ci siano state attenzioni di 'riguardo' prima di un match.  Tutte situazioni che gli arbitri hanno dichiarato di aver segnalato a chi di dovere. E ricordiamo il caso degli 'orologi speciali' regalati dalla Roma di Sensi agli arbitri. Ricordiamo il Calcio scommesse degli anni '80, e una retrocessione del Catania e del Verona di Garonzi per molto meno di quello che sta accadendo oggi in casa Juventus. Questione di responsabilità oggettiva. Ma dopo il caso del medico imputato a titolo personale sulle sostanze dopanti, adesso sarà colpa del solo Moggi? Di sicuro il calcio con tutte le SUE dimissioni, da Carraro a Mazzini, da Lanese a Zamparini ha le SUE colpe e va rifondato con delle REGOLE che frenino gli inquinamenti.
Giusto quindi limitare il raggio d'azione dei procuratori sportivi, vale per la Gea ma deve essere una regola. Giusto che i magistrati non abbiamo cariche 'responsabili' sportive. Sarebbe come un liquidatore della società ne fosse il consulente. E' già successo in certe Grandi Aziende. Come è possibile che chi è lautamente pagato da consulente dica che l'Azienda non va bene? : il giorno dopo sarebbe licenziato perché non farebbe parte di un sistema …Parmalat. Quindi, nello sport come nelle società, certi poteri non devono essere 'sovrapposti' in capo alla stessa persona. Insomma certe situazioni sono state il …prodotto di un sistema. Quando mi hanno detto di scrivere questo articolo sul Calcio Marcio ho cercato 'memorie scientifiche'.  Poi giovedì 8 giugno ho letto un titolo : Ulivieri:<<Scrivere nuove regole? Applichiamo quelle che esistono>> . E sottotitolo <<Purtroppo vedo che fa scandalo chiedere il rispetto delle norme>> . Beh, la mia stima per Renzaccio - presidente Aiac resta immutata, ma non mi pare che la regola sia giusta se poi …le fidejussioni (troppe ) sono false e comunque prodotte da garanti sostanzialmente inadeguati. E' normale che poi Quelle società 'scoppino' l'anno dopo per effetti di bilanci in rosso.
Ma voglio dire DUE - TRE cose sul Calcio Dilettanti, visto che ne parlo spesso, ma coi dirigenti 'cooptati dall'alto' è fatica che servano da base - proposta perché ' apparirebbero' accusatori contro chi li ha scelto, cioè i …capostipiti della filiera. Due anni fa il Cento vinse i Play Off di serie D e non fu ammesso alla serie C. Insomma non era previsto il passaggio per …diritto sportivo sul campo. Sempre Due anni fa il Thiene fu inserito a comporre ( come diciassettesimo) un girone di Eccellenza Veneto dopo che era già stato stilato il calendario. Appena due anni prima erano stati retrocessi il Lonigo e la Nova Gens, perché avevano ottenuto favori a livelli Figc Veneto dove una 'talpa' aveva cancellato 'ammonizioni' a carico giocatori che così non raggiungevano la soglia della squalifica.
Che si sappia ( e in sede Figc non sono in mille) …nessuno ha pagato. Un mese fa, Arrigo Sacchi in vena di confidenze al Panathlon di Adria evidenziava che un match Arsenal - Inter non sembrerebbe per niente un match tra inglesi e italiani perché troppi giocatori erano di altra nazionalità. E quando Amedeo Bordina della Sezione Aia di Adria gli ha chiesto un parere sugli arbitri italiani, Arrigo l'Universale ha parlato diel ...valore degli arbitri italiani e della loro professionalità. Anche quando un interista gli ha ricordato il famoso rigore negato a Ronaldo, che scatenò l'ira del pacifico mister Simoni. Non poteva certo pensare Sacchi che di lì a poco succedesse il ...finimondo.
Insomma la sentenza Bosnam è garanzia di libertà, ma troppa libertà è …liberismo dannoso dei valori sportivi e del blasone. Ma tant'è, succede quasi altrettanto nel DILETTANTISMO, dove ci sono troppe finestre di calcio mercato durante la stagione agonistica. E guarda caso per due tre volte l'anno un giocatore ha la …testa altrove. O addirittura può succedere che la domenica successiva incontri la squadra da cui è stato ceduto. Pensate nessun limite ai trasferimenti. Non c'è un limite ad esempio al massimo a tre-quattro trasferimenti. Così chi ha soldi e il vizio di ..cambiare può presentare in campo una squadra ex novo, alla faccia della preparazione curata dagli allenatori. E così può succedere che a Mestre e a Chioggia ( è già successo) ci sia una squadra di argentini o sudamericani, anche se la laguna è rinomata per la produzione di campioni di calcio. E può succedere quel che é successo quest'anno nelle due finali Play off di Terza categoria: in una c'era la terna arbitrale, nell'altra no.  Si dice …chi è senza peccato scagli la prima pietra. Una volta ho partecipato, in commissione, ad un concorso. E ho pensato bene di non aprire il bando la sera prima perché, dissi, …non mi fidavo del sottoscritto. Ecco se facciamo delle REGOLE , almeno avremo la coscienza di non aver chiuso gli occhi di fronte al Calcio Marcio.>>


TERZA NEWS ( by Sergio Sottovia, 05.06.2006, su La Voce di Rovigo / CALCIO GIOVANILE / Gran Galà di fine stagione per l'Associazione Sportiva Baricetta

Una serata speciale dedicata a tutti i protagonisti del sodalizio adriese.
L'immagine di una piccola comunità trova spesso 'accelerazioni speciali' dall'attività ricreativa-formativa promosse delle Associazioni sportive locali il suo 'gancio trainante'.
Per questo la serata-incontro di fine stagione per l'Associazione Sportiva Baricetta, presieduta da Giorgio Zanellato , è servita a motivare ancor più uno staff dirigenziale /tecnico che al di là dei risultati sportivi ha sicuramente dato valore aggiunto alla formazione dei giovani che frequentano il campo e dintorni. Così la serata si è trasformata in una specie di happening familiare con Maura Pozzato conduttrice - specialist, con le premiazioni inserite nel contesto di due esibizioni delle ragazze guidate dalla maestra Ilaria Barella; e cioè quella iniziale di Hip Hop (vedi foto) con 12 ragazze e  quella finale del gruppo Energy Funk ( una decina di ragazze). Nel clou della serata, presenti Clelio Mazzo e Luca Pastorello (presidente e segretario Figc Rovigo) le premiazioni dei calciatori che anno partecipato quest'anno al Campionato Giovanissimi, ai quali è stato consegnato un gagliardetto con la foto ricordo della loro squadra. Un movimento quello calcistico del Baricetta, che dopo i primi 4 anni nel CSI si è affacciato alla Figc ( da due anni) condotto amorevolmente per mano da Mauro Manfron che col suo Fair Play promozione ha calamitato giovani e genitori (vedi Orlando Zaia, Stefano Osti, Renato Rodella, Maurizio Faccini, Rodolfo Osti, Mauro Ferrari, Roberto Crepaldi), con particolare attenzione al comportamento e alla Coppa Disciplina, tanto che ne è stato redatto un regolamento interno. E viaggiando s questa lunghezza d'onda, ci sono state delle premiazioni speciali. Come quella di Stefano Faccini e Simone Formaggio che - ha precisato Mauro Manfron - hanno partecipato a 78 allenamenti su 80 nell'arco della stagione. Come quella del capitano Mauro Casetto premiato come miglior giocatore. Come la premiazione da parte del presidente Zanellato a Mirco Manfron che ha emozionato e sorpreso papà Mauro. Una serata che tra l'altro aveva avuto un festoso prologo pomeridiano col '5° Memorial Mirko Caranti', nel quale i Giovanissimi del Baricetta hanno affrontato   i pari età del Lape Ceregnano e dello Scardovari, al di fuori degli interessi di classifica. In evidenza , tra i locali anche il portiere Luca Ferrari (classe 93), tra l'altro titolare delle Rappresentativa Giovanissimi provinciali) recentemente sconfitta soltanto ai rigori nella finale regionale contro il Verona), e che il talent scout Giorgio Molon del Padova ha già notato. Simpatica la consegna a tutti di un gadget 'calcolatrice righello' e di una cinquantina di cappellini frutto dell'attenzione e della sensibilità della Fidas-Pados presieduta da Antonio Doria.
Una serata pertanto che è stata un punto di arrivo ma anche un punto di partenza per l'Associazione Sportiva Baricetta, dove sulla spina dorsale dell'attività calcistica degli Amatori allenati da Armando Tomasi ( l'anno scorso campioni prov.li Csi e quest'anno usciti in semifinale) si sono aggregate persone e attività, come ad esempio le meno acerbe signore della Ginnastica Dolce, in sintonia con quel senso di appartenenza ad una comunità, che a Baricetta cementa formazione e valore associativo.
Non a caso Artem, il ragazzino del Kazakistan che aspettava vicino all'edicola  e che nel Baricetta ha anche giocato due scampoli di partita, quando con la sua mamma è tornato a casa, ha mandato a Mauro Manfron questo testuale significativo Sms:" Le persone come voi, rimangono sempre  nostro cuore!". 

TERZA NEWS ( 25.06.2011, sito www.provincia.rovigo.it) LA PASSIONE NEI TANTI VOLTI DELLO SPORT (SONO 43 RICONOSCIMENTI IN QUESTO 2011 PER UN TOTALE DI 343 NEI 7 ANNI DEL CONCORSO) 

Con il calcio ad accaparrarsi 18 riconoscimenti sui 43 consegnati si è conclusa stamani a Palazzo Celio la settima edizione del premio “Sport scuola di vista” istituito nel 2005 dall’allora assessore Tiziana Virgili per dire “grazie”a dirigenti, tecnici, genitori a atleti per il loro impegno.

Assieme alla presidente Tiziana Virgili e all’assessore Leonardo Raito, si sono succeduti nelle premiazioni sindaci, assessori, presidente e vice presidente del Coni, l’assessore di Rovigo Anna Paola Nezzo presidenti di federazione, enti di promozione sportiva e rappresentanti delle realtà locali che con i 43 attestati consegnati stamani hanno portato a 343 il numero dei riconoscimenti in questi 7 anni del concorso. Da questa edizione è stata introdotta la variante del “lungo periodo” chiedendo alle società uno sforzo maggiore. E la risposta non è tardata ad arrivare: se del 1938 sono solo due i premiati, tra gli anni Quaranta e Cinquanta passano a 26, scendono poi a 8 negli anni Sessanta, per ridursi a 4 negli anni Settanta ed Ottanta. Questo l’elenco dei premiati. Sergio Altieri, di Arquà Polesine, calcio; Claudio Antoniolli e Maria Bernardetta Cavaler, di Castelmassa, atletica leggera; Giancarlo Avanzi, di Stienta, discipline varie; Maria Grazia Bellinazzi, di Rovigo, pallacanestro e basket in carrozzina; Fabrizio Biasiolo, di Crespino, calcio; Giorgio Bonaguro, di Fiesso Umbertiano, calcio; Pietro Bonvento, di Bosaro, calcio; Pierluigi Braga, di Giacciano con Baruchella, karate; Chiara Brazzorotto, di Pontecchio Polesine, kickboxing; Silvestro Formentin, di Anguillara Veneta, tiro a segno; Romeo Fortini, di Polesella, calcio; Edgardo Fregnan, di Porto Viro, calcio; Roberto Frigatti, di Adria, ciclismo; Cristina Gazzabin, di Rovigo, baseball-softball; Oscar Ghirardello, di Frassinelle Polesine, tennis; Renzo Guarnieri, di Adria, canoa kayak; Giuseppe Linio, di Castelguglielmo, tennis; Gianantonio Marotto, di Adria, calcio; Giuseppe "Pino" Mazzucco, di Lendinara, pesistica; Luigi Milan, di Rovigo - Grignano, ciclismo; Paolo Miola, di Frassinelle Polesine, rugby; Mauro Moretti, di Taglio di Po, calcio; Gianluigi Napoli, di Villadose, calcio; Paolo Negrini, di Abano Terme, atletica leggera; Ivo Pasqualini, di Trecenta, calcio; Renzo Penolazzi, di Rovigo, atletica leggera; Giuseppe Piccolo, di Rovigo, csi e pallavolo; Gianni Piva, di Villadose, arbitro di calcio; Lauro Pomaro, di Polesella, calcio; Massimo Pradella, di Lendinara, pallacanestro; Federico Saccardin, di Rovigo, pattinaggio; Luca Santato, di Costa di Rovigo, calcio; Virgilio Sartin, di Rovigo, atletica leggera; Elia Sarto, di Ariano nel Polesine - Rivà, calcio; Angelo Scanavacca, di Castelnovo Bariano, calcio; Giuseppe Seno, di Lusia, pallacanestro; Benvenuto Gianni Taschin, di Rovigo, calcio; Lucio Taschin, di Rovigo, baseball; Gino Trombini, di Adria, calcio e pallavolo; Antonio Vigna, di Villanova del Ghebbo, calcio; Tonino Zambello, di Villanova Marchesana, pallavolo; Antonio Zanellato, di Porto Tolle - Tolle, calcio e atletica; Maddalena Zanetti, di Lendinara, scherma. >>

EXTRATIME by SS/ Va segnalato che da quando è stata introdotta la variante del “lungo periodo” chiedendo alle società uno sforzo maggiore, la ‘risposta’ non è tardata ad arrivare. Infatti se 1938 sono solo due sono stati i premiati, tra gli anni Quaranta e Cinquanta passano a 26, scendono poi a 8 negli anni Sessanta, per ridursi a 4 negli anni Settanta ed Ottanta. E così sabato scorso 25 giugno 2011, nel salone consigliare di Palazzo Celio a Rovigo, presentati da Daniela Melle di Telestense, e “grazie” a dirigenti, tecnici, genitori a atleti per il loro impegno, il presidente della Provincia Tiziana Virgili, l’assessore allo sport Leonardo Raito e il presidente del Coni Bruno Piva, si sono succeduti nelle premiazioni con i rappresentanti delle realtà locali e gli enti di promozione sportiva.
Ed è a tanti di loro che, grazie alle foto trasmesseci da Vittorino ‘friend’ Gasparetto, dedichiamo la significativa fotogallery nel cerimoniale delle premiazioni assieme ai rappresentanti istituzionali.
A partire dalla cover ( by me da campo come la mia coperta di Linus, perché l’ho scattata nel paddock dell’Autodromo di Adria a Lucio Taschin & Son in base-compagnia con Raffaello Franco) … fino a tutto il rosario di ‘perle e coralli’ dei premiati by Provincia  in versione istituzionale- smile.

Aggiungendo, all’inizio della fotogallery, la foto di Don Rossano sorridente con Valter Giacomelli in ‘casa San Pio X, sulla sua bicicletta dono della Polisportiva in stile Don Matteo, quindi la storica foto che feci allo staff del Baricetta on the road 2007.
A seguire tutta la fotogallery delle premiazioni, in stile windows a scendere.
Iniziando dal tavolo-cerimoniale col trio Bruno Piva, Tiziana Virgili e Leonardo Raito e tutto lo staff dei presidenti sportivi interdisciplinari presenti.
Quindi mostrando tutto il salone dei premiati, con in prima fila (sempre da sx) il trio Luigi Milan, Graziano Barbierato, Clelio Mazzo.
E come prima foto ‘targata’ ecco la premiazione di Lauro Pomaro in habitat Polesella (Raito e assessore sport comunale) . Quindi il primo adriese premiato tra il suo assessore Federico Simoni e quello provinciale Raito. E il secondo, Roberto Frigatti ‘ciclismo’ perciò premiato da Graziano Barbierato presidente provinciale e da Raito che in successione premia anche Lucio Taschin (assieme a Boniolo del baseball). Poi e Pieluigi Braga (karate, in maglia rossa da Baruchella, il premiato nella sua location e da Oscar Tosini che poi è ben contento di premiare il bosarese Pietro Bonvento in maglia azzurra assieme a Cavallaro. A questo punto è la volta di GL napoli deus ex machina della Fulgor Crespino premiato tra Clelio Mazzo ( pres. Figc) e Andrea Martello (assessore crespinese).
A seguire il fiessese Giorgio Bonaguro (occhiali e maglia azzurra) , poi Luca Santato da Costa (maglia a righe), Antonio Zanellato premiato tra Provino Piva e il suo assessore portotollese Roberto Pizzoli. Anche Elia Sarto da Rivà (calcio) è premiato dal suo assessore miss Taschini, mentre Gianni Piva da Villadose è assieme anche al nostro mister flash Vittorino Gasparetto. Lo stesso che ci ha mandato anche le ultime due foto dei premiati. Cioè Federico Saccardin signore del pattinaggio applaudito da Tiziana Virgili (che tra l’altro ne ha preso il testimone da presidente della Provincia di Rovigo). E il portovirese Edorado Fregnan premiato tra Clelio Mazzo e miss Maura Veronese suo assessore comunale. Prima di chiudere coi premiati, la signora in giallo Maddalena Zanelli storica maistra di vita nella scherma, devo rendervi conto di una cosa. Eccola!
A tutti loro, come Friend Staff di www.polesinesport.it, dedichiamo gli oltre 60.000 contatti ricevuti e che regolarmente documentiamo anche con le certificazioni estere, perché …quando abbiamo pensato a LORO lo abbiamo fatto non tanto per replicarli in Polesine quanto per proporli’ in the world story.



Sergio Sottovia
www.polesinesport.it