Da Dublino & Croke Park reportage sui “Renault Gaelic Athletic Association World Games 2019” / Dal diario di bordo “Day by Day” di Tello ‘Ascaro’ Buoso player della matricola Italia del CT Niall Boyle argento nel girone Plate


Dublino nello splendido palcoscenico del Croke Park, l’Irlanda tra Sport & Fair Play vista da vicino fino alla finalissima. E raccontata da Donatello Buoso, player azzurro con l’Italia
protagonista ai Mondiali GAA, fino al suo pensierino finale stile  fair play che perciò vi proponiamo tout court: << Ci siamo sentiti come a casa, al pari di uno qualsiasi dei loro tifosi, che per un club GAA sono sinonimo di famiglia, abbiamo assistito al match che ha opposto l’Ardmore ai padroni di casa del Clashmore Kinsalebeg, match valevole per il Senior Football Championship e preceduto da un vin d’honneur offerto a noi “cari amici italiani”. Una magica emozione.  Lo sport, quello vero, è tutto qui! >>.
E allora , grazie a supervisor Raffaello Franco ‘anima e promoter degli Sport Gaelici in Italia, eccovi in sequenza News, tra Anteprima e Man New e in stile Day by Day, tutto il focus speciale by Tello Buoso ‘argento’ con l’Italia del CT irlandese Niall Boyle nel torneo Plate.
Per un Mondiale che ha visto 0in ca,po’ sia Football Gaelico che Hurling, ma anche Ladies Football e Camogie, la terza edizione della kermesse iridata organizzata dalla Gaelic Athletic Association.
Caratterizzato nel Football Gaelico , da un torneo con 24 team partecipanti, inizialmente inseriti in 4 gironi, peraltro suddivisi in 6 raggruppamenti da 4 squadre ciascuno, e che si sono affrontati con formula all'italiana e con incontri di andata e ritorno.

Thanking Raffaello Franco che ci ha scritto “se può interessare a Polesine Sport ti invio qualche foto e la story raccontata con diario di bordo style del mondiale gaelico di Donatello Buoso” .
Per una Storytelling da Memoria e Futuro , che gratifica questo sito che ha solo il merito di essere disponibile ad ospitare ‘cantastorie ‘ Raffaello Franco, fin dalla nascita di questo sito, e le sue speciali storie di Sport Irlandese oltre che di Personaggi Story Made in Polesine che ci stimolano a vivere…forever incompiuti e  debitori.
.

ANTEPRIMA NEWS ( di Raffaello Franco, mail 28.07.2019) / PRE EVENTO: PARTE STASERA A WATERFORD CITY LA TERZA EDIZIONE DEI MONDIALI DI SPORT GAELICI 

Nuovo girone nuova avventura/ Parte con la Cerimonia d'apertura, in programma a Waterford City nella serata di oggi, la terza edizione dei Mondiali degli sport gaelici che nel torneo maschile di football riservato ai "native" (atleti di nazionalità "non irlandese"), vedrà per la prima volta ai nastri di partenza anche la nazionale Italiana, una selezione azzurra a trazione laziale ma che potrà contare anche sull'apporto di atleti veneti tra i quali spicca il nome del rodigino Donatello Buoso. Gli uomini del CT irlandese Niall Boyle questa mattina hanno svolto l'ultimo allenamento di rifinitura presso lo Sports Campus del Waterford Institute of Technology di Carriganore in attesa del debutto nella competizione programmato domani alle 12.30 locali sul campo numero 6 del grande centro sportivo universitario di Waterford che ospiterà la prima fase del torneo iridato in attesa delle finali che si giocheranno a Dublino nello splendido palcoscenico del Croke Park, lo stadio tempio degli sport gaelici capace di 83000 spettatori.

 

Nel frattempo il comitato organizzatore di questa edizione dei Renault GAA World Games, nei giorni scorsi aveva provveduto a rimescolare le carte definendo il calendario e la formula definitiva del mondiale gaelico. Contrariamente a quanto previsto dalla bozza originale, per mettere un pizzico di pepe in più al torneo, i 24 team partecipanti, inizialmente inseriti in 4 gironi, sono stati suddivisi in 6 raggruppamenti da 4 squadre ciascuno che si affronteranno con formula all'italiana e con incontri di andata e ritorno. Gli azzurri avranno così una partita in più da giocare per aumentare le loro chance di qualificazione alla seconda fase che resta sostanzialmente invariata rispetto a quanto previsto nella bozza iniziale del regolamento. Inseriti nel Gruppo C, unica squadra europea in un girone tutto americano, se la vedranno al debutto con l'Argentina e nel pomeriggio con i canadesi della selezione di Toronto. Martedì poi sarà il turno degli statunitensi del team Eire Og prima di iniziare il girone di ritorno che li vedrà, nel pomeriggio di martedì, affrontare ancora l'Argentina per chiudere poi la prima fase di qualificazione, nella giornata di mercoledì 31 luglio, con le due formazioni nord americane.
L'obiettivo minimo è quello di evitare il "cucchiaio di legno" vista la maggiore esperienza delle avversarie. Il piano di gioco pensato da Boyle vedrà scendere in campo un'Italia aggressiva su tutti i palloni per togliere spazio ed iniziativa agli avversari.  Comunque andrà a finire, per il giovane movimento italiano del football gaelico, essere domani in campo a Waterford sarà già un successo straordinario! In bocca al lupo ragazzi!
RENAULT GAA WORLD GAMES 2019 - TORNEO MASCHILE DI FOOTBALL GAELICO
GRUPPO A: Australasia - Sud Africa - Guascogna - Sean McDermotts (Birmingham, UK)
GRUPPO B: Bretagna (FRA) - Cusack's (San Francisco - USA) - New York Freedom (USA) - Spagna
GRUPPO C: Eire OG (USA) - Toronto (CAN) - Argentina - Italia
GRUPPO D: Pearse (USA) - New York Liberty (USA) - Asia Dragons - Galizia (SPA)
GRUPPO E: Tir Chonaill Gaels (Londra, UK) - Germania - Canada Est - Occitania (FRA)
GRUPPO F: Europa Ovest - Francia - Charlotte James Connolys (USA) - San Isidro (Buenos Aires, ARG)
IL CALENDARIO DEGLI AZZURRI
Lunedì 29.7.2019 ore 12.30*  Argentina v Italia
Lunedì 29.7.2019 ore 16.30* Toronto v Italia
Martedì 30.7.2019 ore 11.00* Eire Og (USA) v Italia
Martedì 30.7.2019 ore 15.30* Italia v Argentina
Mercoledì 31.7.2019 ore 11.30* Italia v Toronto
Mercoledì 31.7.2019 ore 15.00* Italia v Eire Og (USA)
*ora locale

 

 

MAIN NEWS ( di Raffaello Franco, mail 13.08.2019) / POST EVENTO : REPORTAGE “DIARIO DI BORDO STYLE” WRITTEN BY DONATELLO BUOSO “AZZURRO PLAYER BY ASCARO ROVIGO” , DALL’IRLANDA DAY BY DAY , SUL IL PRIMO STORICO MONDIALE DELL’ITALIA GAELICA

Quando sbarca dall’aereo, in una calda domenica d’Agosto, Donatello “Tello”  Buoso è un fiume in piena. Ha un sacco di cose da raccontare e non vede l’ora di condividere con gli amici di sempre le emozioni di una storia personale che ha qualcosa di straordinario. E’ chiaro che l’adrenalina gli scorre ancora copiosa nelle vene, cosa normale per uno che al collo ha una medaglia luccicante ed ha appena concluso una delle più grandi avventure che un atleta possa vivere nella sua carriera sportiva: partecipare ad un mondiale e che mondiale! Football Gaelico e Hurling, ma anche Ladies Football e Camogie, la terza edizione della kermesse iridata organizzata dalla Gaelic Athletic Association riservata agli sport della tradizione Irlandese, giochi che per centinaia di anni sono rimasti relegati nella loro Isola di Smeraldo e che pian piano stanno prendendo sempre più piede anche nel resto del mondo.
Appassionanti, dinamici, duri……molto duri, ricchi di storia, cultura e tradizione, giocati dagli irlandesi che per i più svariati motivi vivono al di fuori dai confini patri ma anche dagli “indigeni” che amano le cose legate alla cultura celtica. Per Tello e per quel pugno di ragazzi italiani volati in Irlanda, tuffarsi in questa magica atmosfera è stato come entrare in un’altra dimensione. Partiti senza troppe pretese sono tornati con una medaglia di metallo prezioso, una medaglia conquistata dopo quattro giornate infernali nel corso delle quali hanno affrontato alcune tra le più forti squadre del pianeta senza mai abbassare la testa o perdersi d’animo. Non avevano nulla da perdere. Anche loro erano li a Waterford, la città più antica d’Irlanda, nel ruolo di “attori non protagonisti”, praticamente senza nessuna speranza di vestire almeno i panni di underdog team e con il concreto rischio, invece, di figurare come una squadra materasso. Invece sono riusciti a dimostrare che anche loro avevano tutto il diritto di essere li tra i grandi. Missione compiuta!

DIARIO DI BORDO

DAY 1 – July 29th, 2019
Finalmente ci siamo! Il primo Mondiale degli azzurri ha inizio. Argentina, Toronto ed i californiani del  Eire Óg sono le squadre con le quali incrociare i nostri destini nel Gruppo C del torneo “native” di football gaelico. Non avevamo la benché minima idea del livello di queste squadre provenienti dall’altra parte dell’Atlantico. Giornata fresca, un po’ coperta. Il caldo soffocante di questi ultimi giorni di luglio l’abbiamo lasciato, fortunatamente, in Italia. Coach Boyle ci ha intrattenuto a dovere su quello che è il piano di gioco disegnato nella sua mente. Siamo pronti: andiamo in scena! Ricevuto il battesimo del fuoco con l’Argentina, una sconfitta comunque onorevole contro una squadra tosta che adotta una tattica di gioco molto “calcistica” e che alla fine, sconfiggendo la Bretagna nella finale Shield, si laureerà Campione del Mondo tra le squadre Tier 2, affrontiamo con un po’ più di serenità i canadesi del Toronto, un team che potrebbe essere anche alla nostra portata se solo avessimo la possibilità di sfruttare più occasioni di giocare assieme nel corso dell’anno. Niente da dire: l’esordio assoluto nella competizione iridata non è stato dei più facili tant’è vero che la prima giornata si chiude con due sconfitte, onorevoli, ma pur sempre sconfitte. Abbiamo pagato lo scotto del debutto! Domani è un altro giorno e ci attendono altre due sfide a dir poco infuocate.
GIRONE C – prima Giornata
Eire Óg (USA) 2-05 (11) v Toronto (CAN) 1-03 (6)
Argentina 5-05 (20) v Italia 1-01 (4)
Eire Óg (USA) 2-05 (11) v Argentina 1-03 (6)
Toronto (CAN) 1-06 (9) v Italia 0-04 (4)
NOTE: Dopo due partite la classifica provvisoria del girone C vede gli statunitensi del team Eire Óg a punteggio pieno, seguiti da Argentina e Toronto con una vittoria a testa. A chiudere gli azzurri ancora a secco nonostante le buonissime prestazioni sfoderate.

 

DAY 2 – July 30th, 2019
Anche la nostra seconda giornata si chiude con due sconfitte. Il livello della competizione, come previsto alla vigilia del torneo, risulta essere molto elevato e questo banco di prova risulterà essere per noi comunque un’esperienza straordinaria della quale fare tesoro e mettere a frutto per il futuro di tutto il nostro movimento. Per noi, poterci confrontare nel corso della stagione con atleti d’alto livello come quelli affrontati in questi giorni a Waterford è cosa rara, un’occasione quindi, più unica che rara, da sfruttare e dalla quale attingere a piene mani. I californiani dell’Eire Óg, come tutti i giocatori delle squadre statunitensi che abbiamo visto all’opera in questi giorni, rappresentano un movimento di atleti che giocano come da manuale del football gaelico. Davvero troppo per il nostro attuale livello. Pensate solo che nella finalissima giocata al Croke Park sono approdate due formazioni di New York, un derby gaelico della Grande Mela a Dublino. Semplicemente straordinario!
GIRONE C – seconda Giornata
Eire Óg (USA) 5-06 (21) v Italia 0-02 (2)
Toronto (CAN) 1-03 (6) v Argentina 0-05 (5)
Eire Óg (USA) 1-06 (9) v Toronto (CAN) 2-03 (9)
Argentina 5-08 (23) v Italia 0-02 (2)
NOTE: Alla fine del secondo turno, sono gli statunitensi del team Eire Óg a guidare la classifica con tre vittorie ed un pareggio, ottenuto in maniera rocambolesca, con i canadesi del Toronto che occupano la seconda piazza del girone. Con le due vittorie conseguite sull’Italia, gli albiceleste dell’Argentina, con ancora intatte tutte le loro chance di agguantare la seconda posizione, consolidano il terzo posto che, alla vigilia dell’ultima giornata in programma domani, non potrà più essere insidiata dagli azzurri che restano relegati all’ultimo posto.
Seconda Giornata – Classifica Girone C
Eire Óg (USA) P.ti 7 – Toronto (CAN) 5 – Argentina 4 – Italia 0

DAY 3 – July 31th, 2019
Si conclude con altre due sconfitte la prima fase del nostro primo mondiale di football gaelico. Chiudiamo così all’ultimo posto il Girone C che nella terza giornata ha riservato un bel pò di sorprese e spettacolo grazie all’inatteso successo dell’Argentina ottenuto sui californiani del team Eire Óg, un risultato per certi versi inaspettato che aveva rimescolato la classifica in attesa di giocare l’ultimo turno. L’Argentina, padrona del proprio destino, ha però perso di misura, in maniera rocambolesca, la partita decisiva con i canadesi del Toronto che hanno così appaiato in vetta alla graduatoria gli statunitensi del team Eire Óg.
Per noi, rappresentanti di un movimento sportivo che in Italia ha visto la luce solo nel 2011, le squadre affrontate in questa prima fase del torneo sono ancora troppo forti e tecnicamente smaliziate, team composti da giocatori molto più esperti ed abituati ai ritmi infernali di questo sport molto duro sia dal punto di vista atletico che fisico, squadre insomma, bisogna essere onesti, ancora al di fuori dalla nostra portata. Siamo comunque molto fiduciosi: il nostro vero mondiale inizierà infatti domani!
GIRONE C – terza Giornata
Eire Óg (USA) 0-04 (4) v Argentina 2-06 (12)
Toronto (CAN) 4-08 (20) v Italia 0-02 (2)
Eire Óg (USA) 4-08 (20) v Italia 0-00 (0)
Toronto (CAN) 2-03 (9) v Argentina 1-03 (6)
Terza Giornata – Classifica finale girone C
Eire Óg (USA) P.ti 9 – Toronto (CAN) 9 – Argentina 6 – Italia 0

 

LA FASE FINALE

Si è infranto purtroppo contro lo scoglio della Guascogna il nostro sogno iridato. Siamo arrivati in Irlanda con l’unico obiettivo di fare esperienza e, se possibile, di evitare di essere considerati come la squadra materasso di un torneo forse troppo competitivo per quello che può esprimere oggi il movimento del football gaelico nostrano. Dopo tre giorni difficili ed intensi, nel corso dei quali abbiamo subito 6 sconfitte su altrettanti match giocati nel girone di qualificazione, oggi abbiamo sfiorato il colpaccio conquistando una meritatissima medaglia d’argento nel torneo Plate riservato alle squadre di Tier 3.
La giornata era iniziata nel migliore dei modi. Tra la sorpresa generale gli avversari del team Asia Dragons, un team cinese che avremmo dovuto affrontare nei quarti di finale, comunicavano agli organizzatori la loro indisponibilità a scendere in campo per disputare il match. Troppi gli infortuni subiti nella prima fase del torneo iridato, nel corso del quale avevano incrociato il loro destino con quello di alcune delle migliori squadre al mondo, per poter riuscire a sostenere un altro incontro così impegnativo. La sfortuna dei Dragons vale un colpo di fortuna straordinario per noi: siamo in semifinale! Possiamo riposarci un po’ e recuperare energie ma soprattutto possiamo sfruttare al meglio l’inaspettata pausa per preparare la semifinale “Plate”. Per puntare alla finale dobbiamo superare il San Isidro Gaelico, ancora una sfida con un team argentino per decidere il nostro destino. Con San Isidro abbiamo tirato fuori tutto: la grinta, l’orgoglio e le poche energie rimaste dopo le “tre giornate infernali”. Coach Boyle ci ha spronati, minuto dopo minuto, per non farci perdere la concentrazione. Eravamo andati in vantaggio e stavamo incrementando il divario. Serviva tutta la nostra energia residua per portare a termine il match e centrare la vittoria, la prima assoluta di una nazionale italiana di football gaelico della storia! Grazie alla nostra determinazione, ci siamo riusciti per davvero a schiantare le velleità della selezione di Buenos Aires con un risultato che non lascia dubbi sulla qualità ed il volume di gioco espressi. Chi l’avrebbe mai detto? Una medaglia alla prima partecipazione ai mondiali GAA non era stata preventivata nemmeno dai più ottimisti! Adesso bisognerà vedere, alla fine dei giochi, di quale colore sarà questa sorprendente quanto meritata medaglia.
Ad attenderci in finale i baschi della Guascogna che nella loro semifinale hanno superato la Germania con il punteggio di 4-06 (18) a 1-03 (6). Con un team così coriaceo, espressione di quel movimento francese che negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale, c’è stato poco da fare. Questa volta non sono bastati la nostra grinta ed il carattere per fermare le folate dell’attacco basco che ha messo sotto pressione la nostra difesa fin dai primi minuti di gioco. Così è stato il capitano della Guascogna ad alzare il trofeo senza però dimenticarsi di spendere parole di elogio per la nostra prestazione. La finale è stata forse la partita più dura che abbiamo giocato al mondiale. L’agonismo messo in campo dalle nostre due squadre, ha regalato al pubblico uno spettacolo degno di questo sport, velocità e scontri duri nel più puro spirito del gaelic football. Adesso però è giunto il momento di dare spazio ai festeggiamenti, festeggiamenti con dedica al nostro sfortunato Paolo Ialongo. Il presidente e giocatore della S.S. Lazio Calcio Gaelico nei mesi scorsi era stato il principale promotore della spedizione azzurra in terra d’Irlanda, doveva essere il nostro capitano a Waterford ma in un maledetto mercoledì, alla vigilia della partenza per Waterford, nel corso dell’ultimo allenamento di rifinitura si è fratturato la clavicola, un infortunio che l’ha tolto dai giochi e costretto a rimanere a casa. Un pensiero doveroso per colui che è stato il motore di questa straordinaria esperienza!

TORNEO “PLATE” – RENAULT GAA WORLD GAMES – Waterford august 1st, 2019

Quarti di Finale
Guascogna (FRA) 1-10 (13) v Spagna 0-02 (2)
Italia (vince a tavolino) v Asia Dragons

Semifinali
Germania 1-03 (6) v Guascogna (FRA) 4-06 (18)
San Isidro (ARG) 0-02 (2) v Italia 3-09 (18)

Finale
Italia 0-05 (5) v Guascogna (FRA) 2-12 (18)

 

GAELIC TIME

Nel vocabolario non si trovano parole sufficienti per descrivere l’atmosfera magica di questa edizione dei Renault GAA World Games. La Gaelic Athletic Association ha fatto le cose davvero in grande. Un’organizzazione perfetta sotto ogni punto di vista: trasporti garantiti per i componenti di tutti i team partecipanti dagli alloggi ai campi di gioco, staff medico pronto ad intervenire nelle emergenze operativo per tutta la durata della competizione, servizio di fisioterapia e la regolarità di tutti gli incontri disputati garantita da direttori di gara, guardialinee ed umpire irlandesi messi a disposizione dalla GAA. Nulla è stato lasciato al caso, nemmeno la distribuzione dei punti ristoro, l’organizzazione delle finali a Dublino e, ciliegina sulla torta, la cena di gala, le premiazioni e la straordinaria festa che ha fatto calare il sipario su questa edizione dei mondiali gaelici coinvolgendo atleti, tecnici e accompagnatori ospitati nelle splendide sale, riservate ai grandi eventi, situate nel cuore del tempio Croke Park sotto le imponenti tribune del grande e glorioso stadio che è parte della storia d’Irlanda. Una terra che fa dell’accoglienza, dell’ospitalità e dell’amicizia un segno distintivo.  Siamo stati accolti con simpatia, guardati si con un po’ di curiosità, ma introdotti come degli eroi anche nella club hause del Clashmore Kinsalebeg GAA,  Club della contea di Waterford fondato nel 1885 e da oggi gemellato con la nostra nazionale. Ci siamo sentiti come a casa, al pari di uno qualsiasi dei loro tifosi, che per un club GAA sono sinonimo di famiglia, abbiamo assistito al match che ha opposto l’Ardmore ai padroni di casa del Clashmore Kinsalebeg, match valevole per il Senior Football Championship e preceduto da un vin d’honneur offerto a noi “cari amici italiani”. Una magica emozione.  Lo sport, quello vero, è tutto qui!

EXTRATIME by SS/ In cover Donatello Buoso in crop azzurro Italia con tanto di bandiera tricolore.
Quindi in apertura di fotogallery partiamo dai Mondiali Irlandesi che certificano la valenza sempre più internazionale della manifestazione GAA World Games 2019, proponendo in versione poster tutti i rappresentanti delle squadre partecipanti.
Invece per quanto riguarda  l’ITALIA partiamo proponendovi in versione poster “Azzurri Italia” nel post match vs  Argentina GAA, prima assoluta ai Mondiali di football gaelico.
A seguire l’immagine del cerimoniale  del gemellaggio della Nazionale Italiana, ospite del Clashmore Kinsalebeg GAA Club.
Con la specifica relativa ‘targa di legno’ in cui è onorato anche la Ascaro Rovigo.
Mentre dulcis in fundo vi proponiamo il poster dell’Italia ‘argento’ nel girone Plate a Dublino, come da seguente didascalia: in piedi da sx Erik BOLNER, Luca WULZER, Riccardo MOSCARDO, Daniele GIANNARINI, Riccardo PINTO, Denis CONTE, Niall BOYLE (CT); In ginocchio da sx: Alberto RENZELLI, Andrea MUSUMECI, Nicholas TONDELLO, Donatello BUOSO, Edoardo BUOSO, Brian O CUIV e Salvatore BONFIGLIO.

Donatello Buoso, Raffaello Franco & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it