Dalla “Lettera di Federico Saccardin” presidente Skating Club Rovigo al Comune di Rovigo ( Città delle Rose) contro la “pratica del silenzio” in merito al …Pattinodromo delle Rose e ‘doveri pubblici’


Si può essere Tommy senza essere …Ponzio Pilato? Noi ci proviamo, anche in considerazione della mail trasmessaci by Asd Skating Club Rovigo e da Chi , come vicepresidente societario e come giornalista –cronista internazionale, è anche di casa qui su questo sito, ci ha scritto in premessa quanto segue:<< Spett/le Redazione, Vi alleghiamo comunicato stampa sulla "inesistente considerazione" avuta dal Comune di Rovigo a fronte di alcune piccole richieste in merito al Pattinodromo delle Rose. Non abbiamo mai avuto alcuna risposta. Alleghiamo foto del recente Memorial Ponzetti, della venuta degli atleti polacchi degli studenti del Paleocapa…. Grazie per lo spazio che vorrete riservare./ Cordialmente .>>

Ebbene, per passare come sempre dalla News alla Story dovremmo metterci, come sempre del nostro’ per documentare e approfondire quanto trasmessoci. Ma stavolta ci ritroveremmo nei meandri di un labirinto politichese ( compreso il busillis sul ‘silenzio-assenso’) , nel quali ci ritroveremmo risucchiati in quel vortice che…hanno portato Bob Dylan a cantare il suo ‘Blowin’ the wind”.
E allora, convinti della bontà storica delle affermazioni e delle pretese dello Skating Club Rovigo ve le proponiamo tout court premettendovi in Anteprima News quando abbiamo scritto nel così detto ‘editoriale’ di apertura per questa rubrica Tommy datato 08.11.2009, praticamente il mese di ‘apertura’ di questo sito www.polesinesport.it che ha già superato gli oltre 400/mila contatti e le oltre 650/mila pagine viste.
Per questione di credibilità e di affidabilità sportiva, che risulta tale solo quando si ‘attiene’ ai risultati del campo ( compresa impiantistica) come quelli peraltro prestigiosi maturati in tanti anni di attività dalla ASD SKATING CLUB ROVIGO e che meriterebbe sempre …un minimo di attenzione da parte dei Rappresentanti del Comune di riferimento.
Laddove esistono certamente le priorità e le compatibilità di bilancio, ma dove Ogni Amministrazione ( in senso lato) , Ogni Sindaco ( anche quelli ‘candidati’…) e Ogni Commissario che lo amministri ha il dovere di ‘rispondere’ per evitare quantomeno di venire ‘canzonato’ , non dico da Tommy, ma certamente da …Bob Dylan.

ANTEPRIMA NEWS ( di Sergio Sottovia by www.polesinesport.it , editoriale d’apertura datato 8.11.2009 per questa rubrica “la Verità di Tommy”/

LA VERITA’ DI TOMMY / CHI ERA LUI? GIORNALISTA O NO?
<< Tommaso credeva solo se vedeva. Tommy adesso è giornalista. Un ‘cagnolino’ che racconta e commenta anche quello che non vede. E’ lui, Tommy, il titolare di questa rubrica. Fedele amico dell’uomo sportivo, che scodinzola, che abbaia, che guarda la tv, che sbircia i giornali, che corre nei giardini e che gioca coi bambini. Tommy che scodinzola la coda. Tommy siamo noi, giornalisti per sentito dire, traduttori dei traduttori di Omero.
Tommy tra verità e interpretazione autentica. Ancor prima del giusto e della verità. Tanto poi la verità è una sola. Ma Tommy deve scrivere, presto e subito. E così la verità ‘striscia fuori dalla notizia.
Una volta anzi più volte, dissi in radio ‘Arianese’ mentre commentavo l’Adriese, Era su Delta Radio. Un’altra volta a Rovigo c’era la Spal e, intervistato da un amico, dissi Arianese invece di Rovigo. Un’altra volta mi dissero che un allenatore era stato esonerato e c’era in arrivo un altro allenatore. Fonte affidabile (giornalista) e lo dissi nella mia rubrica settimanale su Telestense. Mi telefonarono per la smentita , per dire che non era vero, così andai a chiedere scusa a chi di dovere rendendo …onore al merito. Cercando di viaggiare più rallenty, di fare più verifiche incrociate, come quando ho fatto per 4 anni la rubrica ‘Polesine Gol’ su un sito sportivo. Ebbene leggevo tutte e tre i quotidiani sportivi locali ( Il Resto del Carlino, Il Gazzettino, La Voce di Rovigo), con rispetto delle opinioni di tutti. Ma a volte anche gli incroci ti portano fuori strada.

 

Così Tommy, cercherà di affidarsi alle fonti autentiche, prendendo per buone più le notizie raccontate dagli inviati presenti sul campo che le notizie indirette o frutto di ‘copia incolla’. Tutto questo Tommy lo sa, compreso il fatto che l’errore in buona fede fa parte del gioco. Perciò , qualora Tommy raccontasse delle cose improprie, beh accetto segnalazioni e rettifiche perché le considero dette da un amico. Questo per far sì che la verità di Tommy sia il più possibile la verità del www.polesinesport.it. Per questo, di settimana in settimana, guardate pure con occhio critico quanto racconterò su questo sito. Perché ciò che conta non è trovare il colpevole ma segnalare l’errore per arrivare alla verità. Un esempio recente? Domenica scorsa ho visto il match Loreo – Union At ed è finita 2-2. Ebbene per me in avvio Alessandro Zennaro , attaccante del Loreo, ha fatto slalom e convergenza, poi si è allungato male la palla in area ed ha regalato un assist ravvicinato a Bertipaglia: sinistro rasoterra sul secondo palo e nulla da fare per Tognolo.  In settimana un amico serio e professionale ha scritto che ..aveva segnato Alessandro Zennaro. Al sabato c’è stata l’occasione di segnalare la mia ‘idea’ pensando che il collega avesse agganciato una informazione sbagliata. Invece Tommy è rimasto con la sua verità ( vedi il mio incipit) mentre anche la fonte del collega era autentica e affidabile (cioè il ds) . E allora ? Qual’è la verità?  Quella di Tommy? Capite perché ho titolato questa rubrica ‘la verità di Tommy’?  Perché Tommy & Polesinesport hanno bisogno del Vostro aiuto per arrivare alla verità assoluta. Se mai ci arriveremo, però nel frattempo rispettiamoci a vicenda, segnaliamo la nostra verità, ma pensiamo al GRANDE POLESINE che ha bisogno di tutti. E soprattutto di una ‘informazione open’ , in una casa open dove le parolacce e le offese non potranno avere dimora neppure temporanea.
Parlando più di fatti positivi e di far play che di eventi da …cronaca nera. Perché Tommy è un buono, perché ormai è vecchio, e perché,  “Memoria e Futuro’ possano vivere felici e contenti, secondo educazione civica. Giusto gestendo assieme a Voi, amici miei, tutto il patrimonio di ‘Polesinesport’ – ieri oggi e domani. In una specie di ‘work in progress’ che ascolterà e darà spazio alle Vostre idee anche attraverso nuove rubriche.
E poi …chiedete e Vi sarà dato, perché per questo Tommy è bello più dare più che ricevere. Perché tutto diventi una ‘goccia continua nel mare di POLESINESPORT al servizio dei giovani e della gente.
Intanto, nella speranza ‘folle’ che ci ancora in giro qualche altro collaboratore a ‘zero lire’, pubblicheremo le vostre foto, le Vostre news, i Vostri ricordi , qui a ‘CASA POLESINE’ : giusto per lasciarli in patrimonio ai Vostri figli e ai Vostri amici. Troppi discorsi da romantico idealista, vero? Guardate Tommy come si muove ! >>

MAIN NEWS ( di Paolo Ponzetti, mail Rovigo 26.05.2015) / PATTINODROMO DELLE ROSE / VENTRICE PROMETTE REGALI , MA A  NOI NON SI E' NEMMENO DEGNATO DI RISPONDERE

"Non volevamo i regali che ha promesso di fare prima di lasciare l'incarico di commissario, ma un minimo di attenzione e quanto meno la delicatezza di risponderci. Invece non abbiamo avuto nemmeno questa piccola soddisfazione".
Parole di delusione e rammarico del presidente dello Skating Club Rovigo, Federico Saccardin, dopo aver atteso invano un cenno da Claudio Ventrice su alcune questioni ben precise in merito al Pattinodromo delle Rose Adriatic LNG, l'impianto sportivo che la società sta costruendo in Largo Atleti Azzurri d'Italia.
Piccole questioni, ma importanti per un club che con le proprie forze sta curando tutti gli aspetti inerenti un impianto sportivo d'eccellenza, fiore all'occhiello della città, non solo per il pattinaggio, ma anche per tutti gli altri sport che già si praticano.
Saccardin racconta le mosse fatte, sempre in punta di piedi, con lettere protocollate al Comune, indirizzate al commissario Ventrice e per conoscenza ai dirigenti comunali competenti. "Abbiamo scritto il 28 luglio chiedendo che il Comune, che per l'impianto ha messo a disposizione l'area, ma poi non ha sborsato nemmeno un euro, si accollasse, in qualità di proprietario, l'onere per lo “postamento contatore/nuovo allaccio” per l'allacciamento idrico con Polesine Acque spa e quello relativo all'”allacciamento alla rete del gas” con Asm Dg srl. Poche migliaia di euro come da preventivi che abbiamo chiesto e poi girato al Comune. Non abbiamo mai avuto risposta, ne allora nè in una seconda lettera inviata di fine marzo".
Il presidente dello Skating Club Rovigo rileva che la "pratica del silenzio" nei confronti dello Skating Club Rovigo è una prassi consueta. "Forze perchè non strilliamo, non minacciamo e non ci lamentiamo continuamente, forse perchè siamo sempre andati avanti nonostante tutto. Nemmeno la richiesta di rimborso di spese che non ci competevano (la rete di recinzione-separazione con la scuola letteralmente sparita prima dell’apertura del cantiere; lo smaltimento di vari elementi di amianto; lo spostamento di una torre faro e poco altro) ha mai avuto risposta. Nemmeno negativa. Avevano chiesto che queste spese venissero compensate con i costi che dobbiamo sostenere per l'affitto del Pattinodromo Ponzetti e del campo Coni, ma nemmeno in questo caso abbiamo avuto risposte, nè dall'Amministrazione Piva nè dal Commissario che è stato sollecitato in due occasioni, sempre per iscritto".
Un solo segnale è stato dato. "A fronte di queste spese di 16.393,5 € grazie all'assessore Bimbatti ci è stato concesso un primo e unico rimborso (delibera del 13 agosto 2013) pari a 3.183,77, erano 3.665,87 € ma ci venne rapidamente trattenuto quanto da noi dovuto come canone d'utilizzo del  Pattinodromo A. Ponzetti di via Malipiero per il I. Semestre 2013".
Insomma, una società che sta costruendo un impianto sportivo comunale, utilizzato anche dagli studenti del Paleocapa rimasti per mesi senza palestra, frequentata da pattinatori di tutto il mondo, dal proprietario dell'impianto viene ignorata, per non dire altro. "Ora temiamo un'altra beffa, diciamo così, siamo tra i destinatari dei contributi la cui graduatoria è stata diramata il 6 marzo scorso, non vorremmo che anche questi soldi non ci arrivassero, perché non siamo morosi con il Comune, vorremmo solo delle risposte",
Lo Skating Club Rovigo vede vicino il traguardo dell'ultimazione degli spogliatoi nonostante i notevoli ritardi nel flusso finanziario dei contributi della Regione, ma la gioia e la soddisfazione nel vedere "i risultati per quanto ci siamo impegnati seguendo l’unica strada possibile per la costruzione di un impianto sportivo d’eccellenza - costo 1,4 milioni di euro - aprendo un modo nuovo, per noi molto oneroso ma anche ricco di soddisfazioni nel vederlo apprezzato dai rodigini, in Italia e all’estero" è lenita dal fatto che "dall’Amministrazione Comunale ci saremmo aspettati un pizzico di considerazione (almeno le risposte alle nostre lettere), di intervento (sostegno in spese non inerenti l’impianto) e collaborazione (assunzione di spese per gli allacciamenti). Senza che si debba strillare, lamentarsi o minacciare, perchè questo non è il nostro modo di fare".

EXTRATIME by SS/ Cover e fotogallery ve le presentiamo questa volta in poker flash con le immagini ( peraltro già didascalizzate in altre occasioni, coi nomi dei Campioni e dei Pattinatori internazionali presenti, come i Polacchi in foto) significative dell’importanza della Asd Skating Club Rovigo e del ‘suo’ Pattinodromo delle Rose, guarda caso con riferimento nel nome a Rovigo etimologicamente Città delle Rose.

Mettiamoci anche che recentemente lo Skating Club Rovigo è stato premiato con la Stella d'Oro by Coni Nazionale e allora ...speriamo che almeno Tommy serva a sensibilizzare Ogni Sindaco di qualsiasi colore esso sia, altrimenti parafrasando Bob Dylan avremmo trovato, almeno in Casa Comune a Rovigo, un altro ...Ponzio Pilato, magari sordo-muto per quanto riguarda le richieste dello Skating Club con riferimento al Pattinodromo delel Rose.

Paolo Ponzetti & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it