DEFIBRILLATORI in ben 16 strutture sportive a Porto Viro, Taglio di Po, Corbola, Loreo, Porto Tolle/ Grazie a Coni, Adriatic Lng, ConSviPo


19/11/2016  

Se Roma con Romolo & Remo, per nascere, ha ringraziato mamma Silvia ( non chiamatela Rea…) , anche il  Bassopolesine per vedere nascere 16 defibrillatori in altrettante sue strutture sportive, deve ringraziare la sua Silvia ( ma chiamatela Gennari). Perciò , in questa rubrica Intitolata Mail & fair Play, vale subito la pena di dire …Brava Silvia Gennari e bravo Lucio Taschin & Coni Point Rovigo , brava poi Adriatic Lng e bravo il ConSviPo che in sinergia hanno permesso la consegna di ben 16 DEFIBLILLATORI nelle 16 strutture sportive del Bassopolesine dove mancavano ancora.
Bravi tutti e bravi anche il …Defiblillatore che vi proporremo alla prima occasione da qualcuna delle strutture in cui sarà presente e vigile per intervenire all’occorrenza.
Perciò chapeau al Defiblillatore e a Chi l’ha inventato e a chi ha permesso che svolga il suo ‘ruolo di salvaguardia’ al servizio degli Sportivi Bassopolesani e del territorio di riferimento, dove lo Sport si sposa spesso con la Solidarietà abbinata al Wellness.
Come spiega il seguente reportage che vi proponiamo in Main News come da comunicazione by P.R. addetto stampa Coni Point Rovigo che col suo Delegato Lucio Taschin & staff si sta dimostrando ‘gancio educational’ trovando risorse e sensibilità pro Sport Made in Polesine basato soprattutto sul volontariato.

MAIN NEWS ( di Poalo Romagnolo , mail Rovigo, 18.11.2016) / PROGETTO COORDINATO BY CONI POINT ROVIGO: CONSEGNATI 16 DEFIBRILLATORI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI DI 5 COMUNI DEL BASSO POLESINE GRAZIE AL PREZIOSO SOSTEGNO DI ADRIATIC LNG E DEL CONSVIPO
L’unione fa la forza. E può salvare la vita. A poche settimane dall’entrata in vigore della “legge Balduzzi”, si concretizza l’importante progetto coordinato dal Coni Point di Rovigo, con il fondamentale sostegno di Adriatic LNG, la società che gestisce il terminale di rigassificazione al largo delle coste venete, e del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine, finalizzato a dotare di defibrillatori semiautomatici gli impianti sportivi di cinque Comuni del Delta del Po.

Troppo deficitaria la situazione nella zona basso-polesana rispetto alla normativa che impone l’inserimento del fondamentale strumento salvavita in ogni struttura in cui si svolga con continuità attività sportiva. Il quadro carente era emerso in origine da un’indagine svolta dal Comune di Porto Viro che aveva coinvolto anche i territori limitrofi.
I risultati avevano evidenziato la mancanza di defibrillatori in ben 16 strutture distribuite nei Comuni di Porto Viro, Taglio di Po, Corbola, Loreo e Porto Tolle. Impianti in gran parte utilizzati al mattino dalle scuole per le lezioni di educazione fisica e nel resto della giornata da associazioni sportive con tesserati di tutte le età.
Prontamente coinvolto, il delegato provinciale del Coni Point di Rovigo Lucio Taschin ha trovato in Adriatic LNG e nel Consorzio per lo Sviluppo del Polesine due preziosi alleati per tendere una robusta mano alle amministrazioni comunali, consentendo loro l’acquisto in tempo utile dei defibrillatori.
Entro la scadenza della nuova proroga alla “legge Balduzzi”, ora fissata all’1 gennaio 2017, sarà quindi possibile procedere all’installazione degli strumenti salvavita e adempiere agli altri obblighi previsti dal decreto.
“Per Adriatic LNG il tema della sicurezza è parte integrante della cultura aziendale – commenta Adriano Gambetta, responsabile della Base di Terra di Adriatic LNG – E’ per questo motivo che siamo orgogliosi di poter contribuire alla crescita e alla formazione degli sportivi e degli operatori del settore, assicurando un pronto intervento ai soggetti che dovessero incorrere in una situazione critica”.
Un intervento di prevenzione rivolto non solo al movimento sportivo dei territori comunali coinvolti, ma all’intera cittadinanza che, attraverso la mappatura di tutti i defibrillatori presenti nella provincia, nei casi di emergenza potrà notevolmente accorciare la “catena della sopravvivenza”. Da parte di Adriatic LNG e del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine l’ennesima dimostrazione di attenzione e disponibilità verso le esigenze del Polesine, che in questo caso si traducono nella necessità di diffondere una sana cultura sportiva che non può prescindere dal considerare primario il tema della sicurezza.

L’iniziativa è stata presentata nel dettaglio questa mattina nella sede del Comitato Coni di Rovigo. “Da più di un anno si parla di obblighi relativi ai DAE e ci sono state molte proroghe, una recente – ha esordito il delegato provinciale Lucio Taschin – Come Coni siano sempre stati attenti al tema della prevenzione, a partire dal convegno organizzato lo scorso anno proprio sul tema dei defibrillatori, passando per i convegni dedicati alla responsabilità dei dirigenti sportivi, fino a raccogliere questa proposta nata direttamente dal territorio nella persona di Silvia Gennari. Si è quindi creata una perfetta sinergia con Adriatic LNG e con il Consorzio per lo Sviluppo del Polesine che ha permesso questo importante risultato”.
Un plauso al progetto è arrivato anche dal presidente del Coni Veneto Gianfranco Bardelle, che non ha mancato di ricordare le lacune della “legge Balduzzi”. “Purtroppo questa norma è stata fatta in fretta. Bisognava assolutamente affrontare il problema della sicurezza nei nostri impianti sportivi, però l’errore è stato scaricare la responsabilità di adeguarsi sui Comuni e sulle società sportive. Tutti i fondi necessari per farlo sono sottratti all’attività sportiva e questo, secondo me, è scorretto”.
“Nel momento in cui siamo stati contattati da Silvia Gennari abbiamo subito capito che potevamo e dovevamo fare qualcosa – ha spiegato Lisa Roncon, Relazioni Esterne di Adriatic LNG – Abbiamo intuito che il Coni sarebbe stato l’ente in grado di rappresentare al meglio questa cordata e, grazie anche al Consvipo, sempre attento alle esigenze del territorio, siamo arrivati alla giornata di oggi”.
Da parte di Angelo Zanellato, presidente del Consorzio per lo Sviluppo del Polesine, l’auspicio che “i defibrillatori installati diventino strumenti a disposizione non solo degli impianti sportivi, ma di tutto il territorio. Occorre creare una rete e diffondere la consapevolezza che questi DAE siano fruibili da chiunque si trovi in situazioni di emergenza. In poche parole, occorre portare questo progetto all’ennesima potenza”.
Un coro di ringraziamenti si è alzato dalle amministrazioni comunali coinvolte, rappresentate questa mattina dagli assessori allo sport: per il Comune di Taglio di Po Doriano Moschini, per Porto Tolle Gilberto Vilfrido Siviero, per Loreo Stefania Erdmann e per Corbola Fabrizio Milani. Da parte di tutti un grosso grazie a Silvia Gennari e a chi ha permesso di sviluppare e concretizzare il progetto.

Questi gli impianti sportivi nei quali si procederà all’installazione dei defibrillatori semiautomatici:

COMUNE DI PORTO VIRO
-    palestra scuola primaria “A. Moro”
-    palestra scuola primaria “M.S. Tiozzo”
-    palestra scuola primaria “T.C. Capato”
-    palestra scuola secondaria di primo grado “S.D. Savio”
-    palestra scuola secondaria di primo grado “S. Pio XII”
-    campo sportivo via Piave

COMUNE DI TAGLIO DI PO
-    palestra comunale via Marche (Zona Marina)

COMUNE DI PORTO TOLLE
-    campo sportivo di Polesine Camerini
-    campo sportivo di Ca’ Venier
-    palestra scuola primaria via Giordano

COMUNE DI LOREO
-    campo sportivo
-    campo da tennis via Contea
-    palestra scuola primaria
-    palestra scuola secondaria

COMUNE DI CORBOLA
-    campo sportivo via Pampanini
-    palazzetto dello sport via Don Minzoni

EXTRATIME by SS/ In cover i rappresentanti della trilogia –sinergia pro Defibrillatori: cioè da sx Angelo Zanellato/ ConSviPo , Gianfranco Bardelle/ Coni Veneto, Lisa Roncon/Adriatic Lng.
Poi per quanto riguarda la fotogallery , alcuni flash dell’evento, ricordando peraltro che Silvia Gennari è nota e di casa qui su www.polesinesport.it perchè già Assessore del Comune di Porto Viro.
Citando peraltro in last foto e in piedi da sx tutti i partecipanti : cioè Lucio Taschin , Fabrizio Milani/Corbola, Doriano Moschini/ Taglio di Po, Zanellato & Bardelle & Roncon, Gilberto Siviero/ Porto Tolle e Stefania Erdmann/ Loreo.

Paolo Romagnolo & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it