Eccellenza “Semifinali Retour Match” 2013/14/ Rivincono Cammi Calvisano ( 65-14 vs Viadana) e Vea Femi-Cz Rovigo Delta (31-30 v Mogliano)


26/05/2014

Stratosferico il Cammi Calvisano, di misura i Bersaglieri della Rugby Rovigo Delta. Ne hanno fatto le spese rispettivamente il Viadana e il Mogliano, così sabato prossimo a Calvisano sarà sfida scudetto tra la favorita Cammi e la Vea Femi-Cz.
Tra l’altro tutto in diretta tv su Rai Sport , come accadrà per il match scudetto.
Detto che visto in tv il Cammi Calvisano è scappato via chiudendo praticamente presto una partita che aveva valori ‘troppi distanti’ tra le due squadre,  posso dire che invece allo stadio Battaglini di Rovigo i Bersaglieri si sono ritrovati presto a correre in salita, sia nel primo tempo che poi ad inizio ripresa.
Ma come abbiamo fatto con le ‘semifinali di andata’ così adesso per i retour match vi proponiamo in sequenza kit news il reportage by heart’ Bersaglieri’ di Silvia Stievano per quanto riguarda ...attese, cronaca e commenti del match disputatosi al Battaglini, mentre per la sfida di Calvisano ci affidiamo alla ufficialità del sito della Federugby con tanto di commento, cronaca e tabellini.

ANTEPRIMA NEWS ( di Silvia Stievano , Comunicato n. 205 del 23.05.2014 )/
VEA FEMI-CZ: I BERSAGLIERI CHE SCENDERANNO IN CAMPO DOMENICA PER LA SEMIFINALE DI RITORNO
<< Domenica 25 maggio, alle ore 16, tra le mura di casa dello Stadio “Mario Battaglini” la VEA FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta affronta il Marchiol Mogliano nella semifinale di ritorno del Campionato Italiano d'Eccellenza.

Questa la formazione rossoblù annunciata per l'importante match: Basson, Ragusi, McCann, Van Niekerk, Ngawini, Rodriguez, Frati, De Marchi, Lubian E., Ruffolo, Montauriol, Boggiani, Roan, Mahoney (cap), Quaglio. A disposizione: Manghi, Borsi, Pozzi, Maran, Folla, Bortolussi, Menon, Bergamasco.
Questo il sintetico commento di coach Filippo Frati: “Giocheremo per vincere”.

 

 

Altrettanto sintetica l'affermazione del collega Andrea De Rossi: “Si è parlato anche troppo di questa partita (e non), in settimana. Vogliamo vincere davanti al nostro pubblico e non vediamo l'ora che arrivi domenica”.
Si aggiunge al coro il direttore sportivo Pietro Reale: “Vinca il migliore”./

 

 

VEA FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA  / Comunicato stampa n. 207 del 24.05.2014 )/ VEA FEMI-CZ: TRIBUNA SUD AGIBILE, SI APRE ALLE SQUADRE GIOVANILI POLESANE
<< La Commissione Provinciale di vigilanza sui locali di Pubblico Spettacolo, riunitasi in viale Alfieri questa mattina, ha espresso parere favorevole sull'uso della Tribuna Sud dello Stadio “Mario Battaglini”.

 

 

Pertanto in occasione della semifinale di ritorno di domani, tra VEA FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta e Marchiol Mogliano, la Tribuna Sud verrà destinata per quanto possibile alle squadre giovanili polesane. L'ingresso sarà gratuito per gli atleti Under16 e l'entrata avverrà esclusivamente dal cancello a lato degli spogliatoi della Monti Junior. >>

 

 

MAIN NEWS ( di Silvia Stievano , Comunicato n. 208 , domenica 25.05.2014 )/ VEA FEMI-CZ: ROVIGO VINCE CONTRO MOGLIANO E VOLA IN FINALE
<< La VEA FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta, nella splendida cornice di un “Battaglini” stracolmo di tifosi rossoblù, si è assicurata l'accesso alla finale di Campionato Italiano d'Eccellenza grazie alla vittoria di 31-30 sul Marchiol Mogliano.

 

 

Una partita molto combattuta, che ha visto il Mogliano partire subito agguerrito: la prima meta degli ospiti arriva, infatti, dopo appena 2 minuti dal fischio d'inizio e a firmarla è Onori, bravo ad approfittare di una svista difensiva dei rossoblù. Fadalti, oggi precisissimo dalla piazzola, trasforma la marcatura. Pochi minuti e Rovigo risponde con De Marchi, accorciando solo le distanze poiché la trasformazione di Basson non centra i pali.

 

 

L'estremo rossoblù si rifà però al 10', dopo aver guadagnato un calcio a favore per un fallo in difesa del Mogliano. Il gioco riparte e gli ospiti si fanno pericolosi, tanto che dopo appena un minuto Padovani segna la seconda meta, che Fadalti trasforma per l'8-14. Basson risponde dalla piazzola al 19', dopo un fallo in mischia del Mogliano, e accorcia nuovamente le distanze. Il sorpasso poco dopo nuovamente con De Marchi, in gran forma e meritatissimo man of the match, grazie alla grande prova in touche dei rossoblù che hanno rubato al Mogliano tutto quello che era possibile rubare.

 

 

Gli ospiti non demordono e in attacco guadagnano molti metri fino ad arrivare sotto i pali, dove Barbini segna la terza meta e Fadalti trasforma portando il punteggio sul 18-21. Il primo tempo si chiude con l'ala del Mogliano che centra i pali proprio al 40', dopo un fallo in mischia dei rossoblù, mandando le squadre agli spogliatoi sul 18-24.

 

Nella ripresa Rovigo recupera subito punti grazie al piede di Basson, che al 4' centra i pali (calcio a favore per fallo in difesa del Mogliano). I Bersaglieri premono sull'acceleratore e in attacco si fanno pericolosi, tanto da sfiorare la meta con Ragusi: l'arbitro chiede l'intervento del TMO per verificare il placcaggio alto che ha fermato l'ala rossoblù sulla bandierina e il giudizio è favorevole ai rossoblù. Arriva quindi la meta tecnica per Rovigo, che Basson trasforma senza problemi per il 28-24.

 

 

 

Mogliano, in inferiorità numerica per il giallo fischiato al suo numero 8, non demorde e accumula punti grazie al piede infallibile di Fadalti che mette a segno due piazzati consecutivi (al 15' e al 21') portando la squadra ospite in vantaggio per 28-30. La svolta arriva al 28' con Basson che, dopo un precedente tentativo fallito, centra i pali per il sorpasso 31-30. L'estremo rossoblù ha un'altra, ultima occasione, al 32' ma non è preciso dalla piazzola e il match si conclude sul 31-30. Un punto di scarto che basta alla VEA FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta per l'accesso alla finale di Campionato.

 

 

Alla fine della partita, il man of the match Andrea De Marchi commenta: “Calvisano arriverà in finale con il morale alto, mentre noi oggi abbiamo sofferto. Ma la finale è un'altra partita, a sé, non dobbiamo guardare nessun risultato ma solo concentrarci su questa ultima gara. È stata la mia prima semifinale, sono orgoglioso del pubblico, dello stadio, della città e soprattutto della squadra, dei miei compagni. Questa partita l'ho sentita molto e sono contento di aver dimostrato i frutti del mio lavoro”.

“Faccio i complimenti al mio collega Andrea per come ha preparato le touche, che oggi è stata una fase di gioco praticamente perfetta e ha veramente fatto la differenza – sono le parole di coach Filippo Frati - Molto bravi i ragazzi, che hanno sempre reagito senza mai mollare la presa. Mogliano è cresciuto tantissimo in queste ultime partite, Franchino ha dei meriti enormi per i risultati che ha raggiunto la sua squadra. Sapevamo che sarebbe stata dura, siamo stati bravi comunque a controllare la partita.

Mi dispiace molto per Joe Van Niekerk, che probabilmente dovrà saltare la finale per l'infortunio subìto oggi. Tenere la palla e alzare il ritmo: su questo dovremo puntare nella preparazione in vista di sabato prossimo. Dovremo essere bravi a concedere meno errori rispetto all'ultima volta che abbiamo incontrato il Calvisano”.

 

 

Complimenti a Properzi arrivano anche da coach Andrea De Rossi: “L'aspetto umano è un valore aggiunto nel ruolo di allenatore e Franchino, che dice di non essere un primo allenatore, da quando ha preso in mano il Mogliano ha ottenuto risultati molto importanti: a lui vanno i miei complimenti. Gli ingredienti della finale che ci aspetta non sono proprio a nostro favore: sarà una bella sfida, ma se abbiamo battuto Mogliano possiamo vincere anche contro Calvisano. Di facile non c'è niente, figuriamoci una finale.

Dobbiamo lavorare sugli errori, soprattutto su quelli che hanno portato il Mogliano a segnare le tre mete, ma oggi siamo comunque stati bravi a reagire e a non mollare. Quella di oggi è stata una vittoria importante per noi, per il lavoro e i sacrifici che abbiamo fatto quest'anno, ma soprattutto per il Presidente Zambelli: se lui non ci fosse non ci sarebbe nemmeno la Rugby Rovigo. E non si può dimenticare la città: grazie al pubblico, meraviglioso, che da stamattina ha lavorato per preparare la coreografia e ci ha sostenuto fino alla fine. Questo stadio è un tempio, essere qui una vera fortuna”.

“È stata una gran partita di rugby – ha affermato Franchino Properzi - ed essere applauditi dal pubblico di Rovigo non è cosa da poco. Chapeau a Rovigo, ai giocatori e allo staff, avete un numero 8 da favola e un mediano di mischia fortissimo. Complimenti a Rovigo e in bocca al lupo per la finale con Calvisano”.>>

 



TABELLINO / Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 25 maggio, ore 16.00 / Eccellenza, semifinali ritorno/
VEA FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA VS MARCHIOL MOGLIANO 31-30

Marcatori: p.t. 2' m. Onori tr. Fadalti (0-7), 4' m. De Marchi non tr. (5-7), 10' cp. Basson (8-7), 11' m. Padovani tr. Fadalti (8-14), 19' cp. Basson (11-14), 24' m. De Marchi tr. Basson (18-14), 27' m. Barbini tr. Fadalti (18-21), 40' cp. Fadalti (18-24); s.t. 4' cp. Basson (21-24), 11' m. tecnica tr. Basson (28-24), 15' cp. Fadalti (28-27), 21' cp. Fadalti (28-30), 28' cp. Basson (31-30)

VEA FEMI-CZ RUGBY ROVIGO DELTA: Basson; Ragusi, McCann, Van Niekerk (6' pt. Bergamasco), Ngawini; Rodriguez, Frati; De Marchi (35' st. Folla), Lubian E., Ruffolo; Montauriol, Boggiani (30' st. Maran); Roan (15' st. Pozzi), Mahoney (cap), Quaglio (21' st. Borsi)
a disposizione: Manghi, Bortolussi, Menon
all. De Rossi/Frati

 

 

 

MARCHIOL MOGLIANO: Galon; Onori, Ceccato E. (35' st. Benvenuti), Bacchin, Fadalti; Padovani (1' st. Cornwell), Endrizzi (11' st. Lucchese); Halvorsen, Swanepoel, Barbini (35' st. Petillo); Lazzaroni (21' st. Candiago E.), Maso; Ceglie (34' pt. Ferrari), Costa-Repetto (5' st. Gianesini), Ceccato A. (cap) (27' st. Meggetto)
all. Properzi
arb. Falzone (Padova)
g.d.l. Pennè (Milano), Navarra (Udine)
quarto uomo: Brescacin (Treviso)

TMO: Damasco (Napoli)
Citing Commisioner: Carra (Modena)
Cartellini: 11' st. Halvorsen (Mogliano)
Man of the match: Andrea De Marchi (Rovigo)

Calciatori: Fadalti 6/6 (Mogliano), Galon (drop) 0/1 (Mogliano), Basson 6/9, (drop) 0/1 (Rovigo), Rodriguez (drop) 0/1 (Rovigo)
Note: giornata soleggiata, circa 28°, campo in buone condizioni. Spettatori circa 3500.

Punti conquistati in classifica: VEA FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta 4; Marchiol Mogliano 1 >>



SECONDA MAIN NEWS/ by www.federugby.it , Sabato 24 Maggio 2014 )/ ECCELLENZA, CAMMI CALVISANO E’ LA PRIMA FINALISTA/ AL “SAN MICHELE” BATTUTO IL RUGBY VIADANA PER 65-14 NEL DERBY DI RITORNO

(DOMANI VEA-FEMICZ ROVIGO v MARCHIOL MOGLIANO, ORE 16 DIRETTA RAI SPORT 1 )
<< Calvisano (Brescia) – Il Cammi Calvisano è la prima finalista del Campionato Italiano d’Eccellenza 2013/2014. I gialloneri bresciani allenati da Gianluca Guidi centrano l’accesso al match clou della stagione archiviando in appena venti minuti la semifinale di ritorno contro il Rugby Viadana, aggiudicandosi il derby lombardo 65-14: mai, nei tanti scontri diretti che hanno caratterizzato la lunga rivalità tra le due Società, era stato registrato un divario tanto ampio.

 

Con un XV ospite in difficoltà tra gli avanti – tanti gli assenti tra le prime scelte mantovane - il Calvisano chiudono il match nel primo quarto di gara con una combinazione di mischie, maul e penaltouche che piegano la resistenza degli uomini di Rowland Phillips.
Al giro di boa del match, sopra per 41-7, Calvisano ha già ampiamente chiuso il discorso qualificazione - già ipotecato allo “Zaffanella” una settimana fa con la vittoria per 30-19 – e fatto proprio il diritto a disputare sul campo del Peroni Stadium San Michele, la settimana prossima, la gara che assegnerà l’ottantaquattresimo titolo di Campione d’Italia.
Domani alle 16, al “Battaglini” di Rovigo, derby veneto tra i padroni di casa della Vea-FemiCZ Rovigo ed i Campioni in carica del Marchiol Mogliano, chiamati a ribaltare il 19-22 dell’andata per poter difendere sino all’ultimo atto di stagione.

 

 

LA CRONACA

Subito una mischia per Calvisano a metà campo e subito una punizione contro il pack ospite, Haimona opta per una penaltouche in profondità che mette subito sotto pressione gli ospiti. Calvisano muove ed avanti sino sui cinque metri, Viadana ricorre al fuorigioco ed il XV bresciano chiede un’altra mischia: la superiorità in spinta è evidente e Vivarini va in mezzo ai pali assegnando la meta tecnica. Haimoma fa 7-0.
Viadana, già in difficoltà in prima linea nei primi minuti e con alcune assenze importanti in mischia, perde per infortunio all’ottavo minuto il numero tre Cagna.
Calvisano insiste in attacco, ha una grande opportunità nuovamente da penaltouche ma questa volta gli ospiti, con fatica, riescono ad allontanare il pericolo.
Ma il copione del match non cambia e prima del quarto d’ora Calvisano allunga dalla piazzola con capitan Griffen dopo l’ennesima penalità fischiata contro Pizarro e compagni.
La gara appare a senso unico nel primo quarto di gara, con i bresciani che risalgono ancora il campo dopo un fallo ospite su punto d’incontro: al diciassettesimo, Calvisano chiude i conti muovendo ancora da rimessa laterale con Haimona che salta Vilk e serve De Jager che va sino in fondo per la seconda meta del match, che Griffen trasforma per il 17-0.

 

 

Si riparte, Viadana prova a portarsi nella metà campo avversaria ma perde possesso su una ruck, Griffen vede scoperta la profondità e calcia verso l’area di meta mantovana: un rimbalzo tradisce Apperley che tenta di recuperare e la palla finisce nelle mani del flanker Zdrilich che deve solo toccare in meta. Griffen non sbaglia ed una manciata di minuti dopo va ancora per i pali dopo un tenuto a terra di Viadana: 27-0 dopo ventisei minuti.

Alla mezzora, Calvisano conquista il bonus e sigilla il match. Nuova mischia sui cinque metri viadanesi, dominio del pack calvino e seconda meta tecnica di giornata. E’ 34-0 e la gara è, di fatto, conclusa.
Viadana passa al primo affondo di giornata, dopo trentasei minuti, con Pizarro bravo a servire Sintich al largo evitando il placcaggio di De Jager. Gennari trasforma il 34-7, ma sul finire di primo tempo c’è ancora tempo, per la squadra di casa, per ripetere lo stesso canovaccio già visto: fallo contro il pack ospite, penaltouche, avanzamento degli avanti sulla conquista e meta – questa volta di Haimona – sugli sviluppi al largo. Griffen manda le squadre al riposo sul 41-7.
Guidi fa quattro cambi in avvio di ripresa, cambiando tutta la prima linea e dando mezza partita di riposo al numero otto Steyn, metaman dell’Eccellenza, ma gli equilibri non cambiano e dopo due minuti arriva, da rolling maul, la sesta meta bresciana con il flanker Belardo.

 

 

Viadana costruisce una splendida manovra, innescata come sempre da una penetrazione di capitan Pizarro, al quinto minuto e Robertson vola in mezzo ai pali per il 48-14, subito prima che il “San Michele” tributi un lungo applauso a capitan Griffen, sostituito in vista della Finale di sabato prossimo.
Ancora, Calvisano va oltre la meta dopo il quarto d’ora con il pilone Panico – entrato ad inizio ripresa per Lovotti – bravo ad arpionare un brutto pallone servitogli al largo da Hehea e ad accelerare sin oltre la linea. E segna anche l’ex Azzurro Canavosio, entrato da poco, che rifinisce una nuova manovra al largo in velocità: per Viadana, sostenuta sino in fondo dai propri tifosi, il passivo assume i contorni del tracollo nonostante i mantovani continuino a lottare su ogni pallone. 
Negli ultimi dieci minuti il ritmo inevitabilmente si abbassa ma, nel finale, c’è ancora spazio per la decima meta del Calvisano a firma di Hehea. Finisce 60-14 ed il Calvisano, tra una settimana (ore 20.30, diretta Rai Sport 2) potrà disputare davanti al proprio pubblico la Finale contro la vincente di Rovigo v Mogliano nel match che mette in palio lo scudetto 2013/2014.

 

 

TABELLINO /  Calvisano (BS), Peroni Stadium “San Michele” – sabato 24 maggio/ Eccellenza, semifinali ritorno/

CAMMI CALVISANO VS RUGBY VIADANA 65-14

Marcatori: p.t. 3’ m. tecnica Calvisano tr. Haimona (7-0); 14’ cp. Griffen (10-0); 17’ m. De Jager tr. Griffen (17-0); 20’ m. Zdrilich tr. Griffen (24-0); 26’ cp. Griffen (27-0); 30’ m. tecnica Calvisano tr. Griffen (34-0); 36’ m. Sintich tr. Gennari (34-7); 41’ m. Haimona tr. Griffen (41-7); s.t. 2’ m. Belardo tr. Griffen (48-7); 5’ m. Robertson tr. Gennari (48-14); 16’ m. Panico (53-14); 24’ m. Canavosio tr. Violi M. (60-14); 45’ m. Hehea (65-14)

CAMMI CALVISANO: De Jager; Bergamo, Vilk, Castello (19’ st. Canavosio), Visentin; Haimona (3’ st. Chiesa), Griffen (cap, 7’ st. Violi M.); Steyn (1’ st. Hehea), Zdrilich, Belardo; Beccaris, Cavalieri (39’ pt. Andreotti); Romano (1’ st. Costanzo), Ferraro (1’ st. Gavazzi), Lovotti (1’ st. Panico)
all. Guidi

RUGBY VIADANA: Gennari (18’ st. Amadasi); Robertson, Pizarro (cap), Sanchez (8’ st. Pavan G.), Sintich; Apperley K., Bronzini (26’ st. Travagli); Padrò, Moreschi (26’ st. Manuini), Du Plessis (15’ st. Minari); Pascu, Barbieri; Cagna (8’ pt. Greco), Denti Ant. (43’ st. Gatti), Marchini (43’ st. Manghi)
all. Phillips

arb. Vivarini (Padova)
g.d.l. Liperini (Livorno), Boaretto (Rovigo)
quarto uomo: Laurenti (Bologna)
TMO: Damasco (Napoli)
Citing Commisioner: Marrama (Padova)

Punti conquistati in classifica: Cammi Calvisano 5; Rugby Viadana 0
andata: Rugby Viadana v Cammi Calvisano 19-30 (0-4)

Calciatori: Haimona (Cammi Calvisano) 1/1, Griffen (Cammi Calvisano) 7/7, Gennari (Rugby Viadana) 2/2; Violi (Cammi Calvisano) 1/3
Man of the match: Zdrilich (Cammi Calvisano)
Note: campo in ottime condizioni, giornata soleggiata e calda. 2500 spettatori circa. 

 

 

EXTRATIME by SS/ La cover è per la certificazione by tabellone finale allo stadio Battaglini con tanto di cabina per le riprese televisive e sfondo Campanile della Rotonda, ma soprattutto col 31-30 pro Bersaglieri vs Mogliano.

Poi per quanto riguarda la fotogallery vi proponiamo innanzitutto la festosa immagine della Vea Femi-Cz winner a fine match; con tutti i Bersaglieri dallo staff tecnico del presidente Zambelli ai rossoblu players con sfondo rossoblu tifoseria.
A seguire le immagini trasmesseci ufficialmente by S.S. in gonnella, che mostrano in azione sul campo Rodriguez, poi Frati, quindi una meta by Mogliano ed infine quella ‘tecnica’ by Ragusi, prima di chiudere con lato sx e lato dx ( per esigenze di ‘visibilità’) del poster proposto in apertura e relativo sfondo ‘muraglia-rossoblu’ in formato panoramico.
A seguire la seconda sequenza by stadio Battaglini è tutto del sottoscritto.

Partendo dagli storici Campioni d’Italia 2003/04 Under 21 dei coach Vladimiro Peliello & Giancarlo Capitozzo, in maglia bianca con tanto di ‘scudetto’ celebrativo tricolore.
Quindi il team attuale dei Bersaglieri che rientrano negli spogliatoi dopo il riscaldamento pre match vs Mogliano.
Rientrando nel match giocato tra Rugby Rovigo Delta e Marchiol Mogliano, ecco capitan Mahoney entrare nel match festeggiato …all’uscita del corridoio anche dalle ragazze pon-pon Cheer Leaders.

 

 

 

Con riferimento al primo tempo proponiamo una fase ‘mischia’ , quindi l’infortunio a Van Niekerck e il tabellino che certifica il vantaggio del Mogliano per 24-11.
Per quanto riguarda il secondo tempo ecco Mirco Bergamasco & Company impegnato a bloccare un attacco’ del Mogliano e poi winners in touche con Boggiani.

Tutto fino alla gioia finale by Bersaglieri , quindi premiazione di De Marchi man of the match con sfondo presidente Zambelli e Bergamin della Asm Set.
Una gioia festeggiata a lungo anche nel Terzo Tempo dove abbiamo trovato il trio happy formato dai fratelli Peter & Antonio Pavanello insieme a Favaretto ( uno degli sculettati del team di coach Pellielo).
Per quanto riguarda il match vinto dal Calvisano sul Viadana vi proponiamo un flash simbolico e significativo by sito www.federugby.it, col ‘signore coi baffi’ griffato Cammi…in apertura.
Poi sabato prossimo ci sarà la finalissima, col Calvisano favorito dal pronostico casalingo e un Rovigo che spera di …sovvertire i pronostici.
Anche perché …è una partita ‘secca’ e soprattutto, per la serie via col vento, domenica è un altro giorno e si vedrà.



Silvia Stievano & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it