Ecco by Lucio Taschin il LINK pro società, per segnalare al CONI ROVIGO i ‘nuovi bisogni’ per fare giuste strategie ‘oltre’ coronavirus/ Intanto proseguono Corsi di formazione a distanza grazie alla Scuola Regionale dello Sport


18/04/2020

Per rispondere alle “ 6 Domande” del Sondaggio promosso dal CONI , basta cliccare sul seguente LINK …https://it.surveymonkey.com/r/L9Z9JDW . Chi deve farlo? Le società sportive del Polesine  ovviamente anche tutte quelle del Veneto. Perché farlo? Perché rispondendo alle “SEI DOMANDE “ , le società possono segnalare i loro bisogni ( peraltro destabilizzati dalla situazione Covid-19) giusto per andare oltre questa situazione di coronavirus e “aiutare il Coni e aiutare sé stesse ‘ nello sviluppare prossime strategie più giusto, su cui camminare sapendo cosa fare e dove andare.
Per questo è giusto farlo ‘assieme’ come ben spiega questa segnalazione trasmessaci dallo stesso Lucio Taschin – Delegato Con Point Rovigo ,  e che volentieri pubblichiamo per metterla a conoscenza della società sportive che ci leggono, mentre in calce vi proponiamo un ‘trittico’ comunicati sempre by Coni Rovigo particolarmente coinvolgenti  propositivi , visto i Corsi e le videoconferenze in atto pro Asd e Comuni e col contributo della Scuola Regionale dello Sport.


SONDAGGIO/ ECCO INVITO & LINK BY CONI POINT ROVIGO DI LUCIO TASCHIN ALLE SOCIETA’ PER RISPONDERE AL SONDAGGIO CON SOLE 6 DOMANDE… ( …  https://it.surveymonkey.com/r/L9Z9JDW   )


I bisogni delle Associazioni Sportive Dilettantistiche ai tempi di Covid19
L'attuale situazione legata al Covid19 ha decisamente influenzato lo Sport e soprattutto il mondo delle Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD).

Capire i bisogni, anche guardando il futuro, diventa fondamentale per attuare strategie corrette nella certezza che possiamo diventare più forti di prima.

Il tuo contributo è estremamente prezioso ed importante. Grazie per il tempo che stai dedicando a rispondere all'indagine che ho creato.
Lucio Taschin

Ps: se vuoi maggiori informazioni e ricevere copia poi del report finale scrivi a info@luciotaschin.it

 

 

ECCOVI GIA’ IN ANTICIPO LE DOMANDE A CUI RISPONDERE …

I bisogni delle Associazioni Sportive Dilettantistiche ai tempi di Covid19

Question Title
1. Cosa Ti preoccupa di più oggi per la Tua ASD?


L'incertezza di avere con noi ancora gli sponsor


Come adeguare i comportamenti degli atleti dal punto di vista sanitario


Come adeguare l'impianto dove svolgo l'attività


I costi che sto continuando a sostenere in assenza di attività


Come sarà organizzata la mia attività sportiva nei prossimi mesi


La mancanza di liquidità e l'accesso al credito agevolato


Dove reperire il materiale sanitario (mascherine e disinfettanti ad esempio) che mi potranno servire


Se restituire o meno le quote incassate dagli iscritti finora


Altro (specificare)
 

Question Title
2. Quali sono le azioni che hai pensato o stai pensando di attuare per adeguarti al cambiamento?


Rivedere insieme con il direttivo il piano di attività


Rivedere il budget per il 2020 e forse per il 2021


Investire sulla tecnologia online anche per l'ASD


Cercare nuove forme di coinvolgimento degli sponsor


Adeguare con i  nostri mezzi l'impianto dove svolgiamo attività


Partecipare noi dirigenti a corsi di formazione per saperne di più sugli scenari futuri e su come adeguarci


Far partecipare i nostri tecnici a corsi di formazione


Incrementare la nostra comunicazione anche digitale


Pensare a nuovi servizi


Altro (specificare)
 

Question Title
3. Quali canali usa la tua Asd per comunicare?


EMail


Sito


Newsletter


Facebook


Instagram


Youtube


Twitter


Tik Tok


Altro (specificare)
 

Question Title
4. Da quanto tempo esiste la tua ASD?


Da 0 a 1 anno


Da 2 a 5 anni


Da 6 a 10 anni


Oltre 11 anni

Question Title
5. Che disciplina pratica la Tua ASD?
 
Question Title
6. Inserisci qui un commento o una considerazione se lo desideri.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

 

 

PRIMA MAIN NEWS ( di Paolo Romagnolo, mail Rovigo, 10 aprile 2020 ) / LA SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT INTRODUCE UN SERVIZIO DI FORMAZIONE A DISTANZA PER ATLETI, DIRIGENTI E ALLENATORI DEL MONDO SPORTIVO VENETO

Prosegue l’impegno del Coni e della Scuola regionale dello Sport del Veneto per far fronte all’emergenza coronavirus e al conseguente blocco di tutte le attività sportive. Con l’intento di offrire un contributo concreto ad atleti, famiglie, dirigenti e allenatori, è stato pensato un servizio di “formazione a distanza”, che si concretizza nella pubblicazione sulle pagine istituzionali della Scuola regionale dello Sport del Veneto, all’interno del sito del Coni Veneto (www.veneto.coni.it), di una serie di moduli formativi su temi di sicuro interesse, specie se relazionati al periodo delicato che stiamo vivendo. Un’occasione unica per tradurre questo momento di isolamento domestico forzato in un’opportunità di formazione e aggiornamento che consenta, una volta riprese le attività sul campo, di ripartire con un bagaglio di conoscenze maggiore.

Già la scorsa settimana sono stati caricati nel sito i contenuti di un’interessante opera di Valter Durigon, docente della Scuola regionale dello Sport, sul tema molto attuale dell’allenamento in casa. Ora è la volta di una serie di moduli che saranno pubblicati con cadenza settimanale per trattare temi afferenti la psicologia dello sport. Il percorso durerà in totale sei settimane. Nel dettaglio, la prima uscita di questa settimana tratterà l’argomento della “Creazione degli Obiettivi –Goal Setting”; il modulo comprende anche “Linee guida comportamentali per allenatori, genitori, atleti”, nonché un video introduttivo al programma di “Sviluppo delle Abilità Mentali Fondamentali”.

L’intero percorso formativo è stato realizzato grazie al prezioso supporto di alcuni psicologi docenti della Scuola regionale dello Sport del Veneto. Si tratta in particolare di Gianni Bonas, Alessandro Bargnani, Davide Ghilardi, Andrea Appierto, a cui va il ringraziamento del Coni e della stessa Scuola regionale dello Sport del Veneto.

SECONDA MAIN NEWS ( di Paolo Romagnolo, mail Rovigo, 15 aprile 2020 ) / CONI E COMUNE CHIAMANO A RACCOLTA LE SOCIETA’ SPORTIVE RODIGINE PER CONDIVIDERE IDEE E PROBLEMATICHE IN VISTA DELLA RIPRESA DELLE ATTIVITA’

Nel pieno dell’emergenza coronavirus lo sport rodigino fa squadra per prepararsi alla ripresa delle attività. Ben consapevole che la priorità sia sempre la tutela della salute dei cittadini, il Coni Point di Rovigo continua la sua fondamentale azione per tenere unito un movimento alle prese con l’interruzione delle attività disposta a livello governativo. In questa ottica è stata organizzata ieri sera con la collaborazione dell’assessorato allo sport del Comune di Rovigo una videoconferenza per chiamare a raccolta le società rodigine e condividere problematiche e idee. All’iniziativa hanno partecipato con entusiasmo circa venti realtà sportive della città, tutte grate al Coni Point di Rovigo e al Comune di Rovigo per l’opportunità concessa.

“L’impatto è stato decisamente positivo – spiega Lucio Taschin, delegato provinciale del Coni – Le società hanno risposto con piacere al nostro invito e sono state ben contente di poter discutere insieme le tante tematiche che questo periodo pone sotto tanti punti di vista. Prima di tutto ho fatto a loro presente l’impegno del Coni Point di Rovigo nel far fronte all’emergenza fin dai primi giorni, nel tenere alta l’attenzione sul mondo dello sport; ci siamo mossi a livello provinciale in termini di informazione e indirizzo e abbiamo partecipato attivamente alle scelte fatte in ambito regionale. Ora l’intenzione è quella di condividere le esigenze e le esperienze di tutti per far si che lo sport resti unito e sia pronto ad affrontare il delicato percorso di ripresa. In questo senso è opportuno che ogni società al suo interno si faccia delle domande, ma occorre anche che il Comune di Rovigo inizi a ipotizzare i vari possibili scenari futuri, in modo da anticipare gli eventi per essere pronti a gestire tutte le problematiche economiche, sanitarie e sportive che si incontreranno”.
“E’ emersa forte l’esigenza di creare, una volta superata l’emergenza sanitaria, una sorta di fondo in aiuto allo sport e a tutto il mondo dell’associazionismo che possa beneficiare anche di donazioni da parte delle imprese – continua Taschin – Altra richiesta emersa è legata alla possibilità di un intervento straordinario da parte di Asm Set per garantire alle società sportive sgravi o bonus sulle utenze. Non ultimo, il tema della sanificazione degli impianti e la previsione di piani sanitari da parte delle società in vista di un ritorno agli allenamenti che il ministro allo sport Spadafora ha ipotizzato per il 4 maggio”. Forte dei positivi riscontri avuti, il delegato provinciale del Coni invita anche gli altri Comuni polesani “ad attivare dialoghi con le realtà sportive del territorio coinvolgendo naturalmente anche il Coni Point di Rovigo”.

Tanti altri i temi usciti nel corso della chiacchierata online, cui ha partecipato anche l’assessore comunale allo sport Erika Alberghini. “E’ stato un incontro molto utile e positivo – sottolinea l’assessore - E’ evidente che le società hanno difficoltà non solo dal punto di vista strettamente sportivo, ma anche dal punto di vista economico. Sono spariti degli introiti ma molte spese e costi fissi cono stati mantenuti. Il Comune di Rovigo è consapevole di ciò e sta provvedendo a valutare interventi che vadano incontro alle esigenze di tutti. Non solo provvederemo a pubblicare il bando comunale per le attività sportive, stiamo pensando anche alla sospensione del pagamento del canone di affitto per le palestre e sono in corso valutazioni anche sulla Tari. Sappiamo che lo sport rimane uno dei settori fondamentali per la società e per la tutela della salute, perciò nel momento in cui si potrà riprendere faremo di tutto per essere certi che ogni società riesca a rimettersi in piedi. Anche per questo sarà utile ripetere incontri come quello di ieri sera, magari rendendoli più specifici per settori, considerato che chi frequenta le palestre può avere esigenze diverse rispetto a chi fa attività negli impianti all’aperto. Nel momento in cui avrò qualche altra risposta precisa sarò disponibile a una nuova videoconferenza con le nostre società sportive, sperando che questa modalità di relazionarsi possa diventare anche una buona prassi per il futuro”.

 

 

TERZA MAIN NEWS ( di Paolo Romagnolo, mail Rovigo, 18 aprile 2020 ) / LA FORMAZIONE NON SI FERMA. PRONTI DUE CORSI IN VIDEOCONFERENZA DELLA SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT DEL CONI VENETO
L’emergenza coronavirus non rallenta la missione formativa della Scuola regionale dello sport del Coni Veneto. Sono in rampa di lancio due corsi in videoconferenza che consentiranno a operatori del mondo dello sport di rimanere aggiornati su temi di sicuro interesse, favorendo così il percorso di ripresa dello sport una volta superato il prioritario problema della tutela della salute.
La prima occasione formativa è prevista per il 24 aprile. Un corso di terzo livello dell’area “Sport e management”, dal titolo “Lo sport e la sua 3° Missione”. Sulla cattedra virtuale salirà Roberto Ghiretti, componente della commissione tecnica della Federazione internazionale volley, docente della Scuola Centrale dello Sport e della SRds Veneto e collaboratore con business school e università italiane e straniere. Dopo i saluti del presidente del Coni Veneto Gianfranco Bardelle e del direttore scientifico della Scuola regionale dello sport Dino Ponchio, Ghiretti dalle ore 18 introdurrà il primo intervento “Quale strada/e per il futuro?”. Dopo il question time la seconda relazione “Come declinare la 3° missione sportiva”. L’iniziativa è aperta e rivolta principalmente a dirigenti sportivi e professionisti del settore che abbiano già maturato una preparazione specifica sugli argomenti trattati, ma anche a tutti i tesserati con qualifiche Federali di qualsiasi Federazione sportiva, Disciplina Sportiva Associata o Ente di Promozione Sportiva del Veneto interessati ai temi. Le iscrizioni sono gratuite e verranno accettate, in ordine cronologico, fino al raggiungimento di 100 unità; dovranno essere effettuate on-line dal sito www.veneto.coni.it, nella sezione della Scuola Regionale, previa registrazione nell'area riservata seguendo le indicazioni riportate, entro e non oltre le ore 22.00 del giorno mercoledì 22 aprile 2020. Piattaforma, link della riunione e password saranno comunicati a tutti i partecipanti tramite mail all’indirizzo usato per l’iscrizione.
Il secondo corso è in programma il 28 aprile e si occuperà di “Riscaldamento pre-allenamento e pre-gara”. Si tratta di un aggiornamento di secondo livello rientrante nell’area “Sport e metodologie”. Il via sempre alle 18 dopo i saluti delle autorità. Due i relatori, entrambi esperti della Scuola regionale dello sport del Veneto. Stefano Serranò spiegherà perché “Il risacldamento è parte integrante dell’allenamento”, mentre Cristian Bruno parlerà del valore preventivo del riscaldamento. L’iniziativa è destinata a dirigenti, allenatori, tecnici, operatori sportivi, laureati e studenti in Scienze motorie, e professionisti del settore che abbiano già maturato una preparazione specifica sugli argomenti trattati, ma anche a tutti i tesserati con qualifiche Federali di qualsiasi Federazione sportiva, Disciplina Sportiva Associata o Ente di Promozione sportiva del Veneto interessati ai temi trattati. L’iscrizione è sempre gratuita e va completata entro e non oltre le ore 24.00 di domenica 26 Aprile 2020. Anche in questo caso piattaforma, link della riunione e password saranno comunicati a tutti i partecipanti tramite mail all’indirizzo usato per l’iscrizione.
Per qualsiasi informazione sui due corsi è possibile contattare il numero 0498643073 o scrivere a srdsveneto@coni.it.

EXTRATIME by SS/ In cover ...tutti gli sport sotto l'egida del Coni.

Quindi in fotogallery due immagini che mostrano le Conferenze/ incontri del Coni  pre coronavirus ( senza problemi di distanza) e nella problematica situazione da coronavirus (alla giusta distanza ... in videoconferenza).

 

Paolo Romagnolo & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it