Francesco Zambelli e il suo Discorso di Presentazione Squadre Rugby 2019-20 alla Città di Rovigo e Bersaglieri


23/10/2019

Avrei dovuto scrivere ...alla Città di Rovigo e Bersaglieri tutti! Anche perchè avevamo già proposto altri “Discorsi di Presentazione” da parte del presidente Francesco Zambelli , in altre annate, per quanto riguarda le Squadre che ad ogni inizio stagione devono essere ‘mostrate’ alla Città di Rovigo, non a caso Città in Mischia.
Lo abbiamo fatto sempre per memorizzare la ‘progettualità’ del Mondo Ovale rodigino che ha nella Squadra dei Bersaglieri la sua punta di diamante di un movimento che dovrebbe essere orgoglio della  Città e in filiera con la ‘Prima Squadra’.
Per una Rovigo dove tutti remano la barca verso una unica Direzione, compreso le Squadre Giovanili e compreso l’impiantistica tra Stadio Battaglini e dintorni.
Tutte valutazioni logiche in teoria, ma non ancora diventate realtà nella pratica, nemmeno nella Città in Mischia, tant’è che per arrivare ad una filiera propria partendo dal Settore Giovanile da quest’anno è stata fatta sinergia con la Franchigia Polesine, dove la Rugby Rovigo Delta è in trio col Frassinelle e col Badia Polesine , probabilmente prossimamente con anche il Villadose, mentre per quanto la Monti Jr il discorso si fa …lungo.

Ecco allora che diventa interessante lasciare ai posteri quanto detto dal Commendatore Francesco Zambelli, presidente della Rugby Rovigo Delta, domenica pomeriggio 13 cm , al salone del Grano della Camera di Commercio , di fronte a tutte le squadre e ai massimi Rappresentanti Istituzionali e Sportivi di quella Città in Mischia che verrà …
Ma il discorso del Presidente Zambelli ( 30 anni da protagonista nel Mondo Rugby dei Bersaglieri rossoblu, tra annate da sponsor e da Dirigente/ Presidente) troverà quella concretezza che nel Terzo Millennio ha finora poco avuto nella Città in Mischia?

 

 

 

Ebbene, se pensiamo che il presidente Zambelli parla delle note “Tre Spine” anche in questo Discorso della Montagna , beh …visto che il problema è congenito nell’individualismo corporativo che regna in Rovigo e anche nel Polesine, allora può anche succedere che la Femi Cz Rugby Rovigo Delta vinca il prossimo scudetto.
Però non è detto che la ‘intellighenzia’ della Città in Mischia sia capace di fare ‘squadra e filiera’ , come non è detto che il mecenatismo del commendatore Francesco Zambelli sia eterno, anche come capofila di sponsor orgogliosi di puntare allo scudetto.
Certo i tifosi ci sono, il cuore rossoblu anche , ma la Rovigo  e il Polesine che conto ha già perso troppi ‘punti cardinali’ a livello istituzionale e associativo.
E allora…meditate gente, meditate; se non si fa sinergia tra polesani, non è che il Mondo Ovale della Rugby Rovigo si ridimensioni anche per colpa nostra , oltre che per problematiche socio-economiche di un habitat sempre più rallenty?

 

 


 

MAIN NEWS / IL DISCORSO DI PRESENTAZIONE DEL PRESIDENTE FRANCESCO ZAMBELLI PER LA PRESENTAZIONE DELLE SQUADRE DI RUGBY ALLA CITTA’
CCIAA DI ROVIGO – DOMENICA 13 OTTOBRE 2019

Carissimi tutti…., permettetemi di salutarvi così:
Giocatori e staff, autorità e sponsor, tifosi e simpatizzanti, genitori dei nostri piccoli futuri rugbisti, signor Sindaco di Rovigo, città che ha il rugby quale “bene comune / patrimonio del territorio”,
grazie della vostra numerosa presenza.

 

 

 

Sono 2 le grandi occasioni d’obbligo che dobbiamo rispettare per festeggiare il nostro amato rugby:
- a fine campionato... se sarà stato vinto,
- all’inizio della nuova stagione sportiva, per “incoraggiare”… con tutti voi,… i giocatori, grandi e piccoli, che dovranno nuovamente farci sognare e ripagarci della passione che riponiamo in loro.

Questa occasione ci serve per alimentare, tramite il rugby, il nostro orgoglio di polesani e per darvi la possibilità di comprendere lo stato di quest’arte.

Umberto, il coach, mi ha assicurato di aver allestito la prima squadra in grado di coltivare la possibilità di vincere lo scudetto… e io gli ho garantito che società e tifosi gli daranno tutto il sostegno per aiutarlo a raggiungere questo obiettivo, massimo motivo di vanto per il nostro territorio.
Anche quest'anno ci siamo e corriamo tutti insieme!

 

 

 

Ho detto io…, ma ovviamente penso a tutti voi: amministrazione comunale, sponsor grandi e piccoli, tifosi e sostenitori:
-    l’amministrazione comunale che finalmente dovrà mettere la Rugby Rovigo Delta in condizioni idonee a svolgere serenamente un compito veramente rappresentativo e gravoso;
-    gli sponsor, che sono chiamati a sostenere buona parte del peso economico di uno sport per noi molto costoso…: dobbiamo tenerceli stretti, non finirò mai di ringraziarli!
-    tifosi e sostenitori…, devo nominarli: “Posse RossoBlu”,  “Amici di Boara”, “Borsea Cuorerossoblu” e tutti gli altri, che hanno il ruolo fondamentale, economico e sportivo, di aiutare squadra e società a raggiungere il massimo obiettivo possibile, senza esitazioni, anche con il loro incitamento e appoggio morale, soprattutto nei momenti difficili.

 

 

 

Questa Società che ho l'onore e l'onere di presiedere, è in grado di garantire a “tutto ciò” il massimo supporto… e lo vorrebbe fare!

In questi anni crediamo di aver fatto tanto, tante vittorie sul campo, vinto 3 regular season, giocate 6 finali di cui 3 al Battaglini con oltre 6000 spettatori, vincendone però solo una...: su questo aspetto dovremmo migliorarci!!!  
Perché le finali perse sono il mio più grande dispiacere di questi anni (ovviamente dopo le famose tre spine patite).

Il budget per la stagione sportiva entrante è per la prima volta equilibrato già in partenza, di totale garanzia per i giocatori senior, ma anche per favorire il ritorno in filiera dell’attività junior e di minirugby, condizione questa per me irrinunciabile per continuare  in qualità di presidente. Su questo argomento voglio ricordare di non aver mai detto che il rugby dei “piccoli” non è importante e Vi assicuro che penso esattamente l'opposto; credevo che il mini-rugby fosse solo delegato; occorre invece ribadire che la realizzazione di un campo in sintetico al Battaglini rimane un obiettivo urgente e prioritario per facilitare la promozione del rugby … e in questa direzione vorrei si unissero tutte le risorse disponibili.

 

 

 

Sul piano economico-finanziario devo però dirvi che alcuni costi non pertinenti, sostenuti in questi anni, alcune sopravvenienze passive inimmaginabili, sommate ad alcuni mancati contributi economici, hanno determinato, di fatto, la riduzione del capitale sociale al minimo compatibile e, secondo me, anche la necessità di doverlo ripristinare, anche solo in parte, per poter continuare a progettare il futuro con maggiore serenità.

Per quanto mi riguarda tutto ciò è possibile, senza perdere tempo, ovviamente ripetendo che le forze rugbistiche del territorio devono unire i loro intenti per un rugby di soddisfazione collettiva e di vittorie gratificanti per tutti i polesani che credono nel rugby.

 

 

 

Comunque anticipo che, a fine ottobre, sarà fatta un’assemblea soci per l’approvazione del bilancio 2018-2019, per decidere cosa fare circa il capitale sociale ma prevalentemente per rinnovare le cariche sociali atte a ridisegnare un nuovo quadro direttivo idoneo a un futuro sicuro, ambizioso e di crescita del nostro rugby, che, come già detto, ancora mi sembra possibile.

Vi assicuro che sono pronto sia a continuare che a mettermi da parte... nel qual caso mi piacerebbe non veder distruggere l’idea che ho di un rugby vincente.

Intanto spero possiate incoraggiarci ad andare avanti…, adoperandovi per raggiungere i 700 abbonamenti!!! Sarebbe la prima grande meta della nuova stagione che sta per cominciare, la nostra forza per fronteggiare i “nuovi” avversari che avanzano!

 

 

 

Può darsi che abbia ripetuto cose che già sapete, ma dovevo farlo. Dopo 9 anni (o quasi) di presidenza, dopo tanto impegno economico e intellettuale, mio ma anche di mia moglie Valeria, di Antonio e Carolina, i miei figli, che mi aiutano e supportano costantemente…, spesso sopportandomi…, cui vanno i miei ringraziamenti…, questo ruolo incomincia a pesarmi e necessita del vostro sostegno.

Ringraziamenti sinceri devo farli anche a tutti i collaboratori e le altre persone che, chi più chi meno volontariamente, concorrono alla gloria della nostra società!

E ora fuoco alle micce o meglio spazio ai nostri giganti che dovranno sostenere la “missione” sul campo… e far vivere la Rugby Rovigo Delta.

Grazie per l’attenzione e… forza rossoblu!!!

 

 

 

EXTRATIME by SS/ Passano gli anni ma 30 son lunghi, però quel ragazzo ( di nome Francesco ) ne ha fatto di strada. E’ la storia di tutti a ciascuno il suo… viaggio.
E quello di Francesco Zambelli n casa Rugby Rovigo parte da lontano prima di arrivare …icona dei Polesani nel Mondo;  perciò in cover by intervista Rai Sport, con tanto di sciarpa rossoblu da Presidente dei Bersaglieri targati Femo Cz Rugby Rovigo Delta.
Insomma un lungo viaggio ‘insieme’ quello di Zambelli & Rugby Rovigo, che certifichiamo dall’inizio , dall’anno della sua prima sponsorizzazione, proponendovi in apertura di fotogallery la foto poster degli storici Bersaglieri Campioni d’Italia 1989/90 griffati CZ Cagnoni , con tutti i nomi dei suoi protagonisti , con in prima fila il presidente Enrico Suriani tra Naas Botha e Tito Lupini, due stelle comete per quei Bersaglieri rossoblu.

Come a dire, l’importanza degli Sponsor e della capacità/potenzialità di coagularli attorno ad un progetto da sostenere per essere competitivi a livello nazionale e, perché no, a livello internazionale.
Perciò vi proponiamo in sequenza il gruppo dei noti SPONSOR sul palco di Piazza Vittorio a Rovigo ( ottobre 2015) a fianco del presidente Zambelli per la presentazione della Femi CZ Rugby Rovigo Delta; perciò vi proponiamo il presidente Zambelli ‘ new heart’ che saluta il suo pubblico prima della sfida scudetto 2016 vinta vs Calvisano.

E in sequenza fotogallery, targato Premio Fair Play by Panathlon Rovigo del presidente Bruno Piva , con sfondo Raffaello Salvan evergreen pro Rugby polesano e coautore col sottoscritto e Ivan Malfatto del Libro per i 60 anni del Panathlon e in uscita col titolo “Olimpionici, Paralimpici, Azzurri & Campioni” .

Insomma , tanto onore alla simbiosi tra Rugby Rovigo & Zambelli , tant’è che è stato sempre sponsor , anche quando la Società era in particolare difficoltà , come quando il Fisco batteva cassa per quanto di sua spettanza.

Fermo restando che tutti i Presidenti succedutosi sulla tolda di comando della Rugby Rovigo ( dovrei in nominarli tutti, ma sono noti e già onorati in altre Storytelling qui su questo sito) , meritano rispetto e considerazione per quanto potevano fare secondo le loro possibilità .
Anche se a volta la predisposizione alla critica personalizzata da parte anche della stampa e di addetti ai lavori ha qualche volta puntato il dito sulla gestione di Zambelli patron e presidente, la Rugby Rovigo Delta si è meritata una posizione di rilevo anche tra i ‘grandi’ a livello nazionale al di là delle sue posizioni a volte contrarie rispetto alla impostazione della Dirigenza Federugby guidata da Alfredo Gavazzi.
E così in un mondo in cui si sviluppava la metamorfosi tra Campionato i Eccelelnza, Pro 12, Pro 14 e Sei Nazioni, comunque la Rugby Rovigo era considerata nel Mondo Ovale.
Perciò eccovi testimonianza dell’evento alla Gran Guardia , con da sx Cavriani ( capocronista Resto Carlino di Rovigo), Pastonesi (autore del libro su Maci Battaglini, Amerino Zatta (pres Benetton) , Zambelli ( con in mano la storica ‘borsa’ di Maci) , Vittorio Munari ( ora dg Benetton) , Ivan Malfatto ( responsabile cronaca sportiva de Il Gazzettino Rovigo ed ‘esperto con fair play’ del mondo rugby).
Mentre a seguire vi proponiamo in versione poster il ‘Nuovo Consiglio Direttivo’ ( novembre 2016) della Rugby Rovigo coi suoi noti componenti.
Passando al campo, a dimostrazione del feeling tra squadra, dirigenza e tifoseria, vi proponiamo la recente m storica ‘consegna’ della raccolta fondi partita da Lorenzo Marra per ‘sanare’ una multa, con consegna del ricavato al presidente Zambelli, presenti capitan Matteo Ferro e Bersaglieri rossoblu.

E siamo arrivato alla trilogia attuale che punta allo scudetto 2019 da parte dei Bersaglieri , proponendovi da sx il neo ds Antonio Romeo, presidente Zambelli, coach Umberto Casellato.
Lo stesso che vi proponiamo in last flash insieme a Ivan Malfatto e  nella nota Top Five all’uscita dello stadio Battaglini dopo una storica partita della Rugby Rovigo Delta disputata nella Continental Shield 2017, in quello che orgogliosamente viene definiti  il ‘tempio del rugby italiano’.
Certo  a Rovigo occorre quella ristrutturazione organizzativa che speriamo avvenga nel nome di una vera Città in Mischia che vada oltre la passione e le risorse coagulare da Zambelli.
Intanto nel Pianeta Rugby Italiano questa settimana ci sono state alcune esternazioni importanti sia da parte di Banzato presidente Petrarca e a seguire da parte del presidente Zambelli , entrambi propositivi per fare una nuova Franchigia in Pro 14.
A conferma che il Veneto è sempre in prima fila a carattere nazionale come dimostra lo stralcio dell’intervista rilasciata stamattina (giovedì 24 cm) da Amerino Zatta, presidente del Benetton che allungherà fino al 2014 l’accordo FIR , rilasciata ad Antonio Liviero su Il Gazzettino, e che vi proponiamo tout court in risposta alla domanda “Cosa pensa della disponibilità di Banzato e Zambelli a investire in una franchigia di Pro 14? 
Ecco la risposta di Zatta: << E’ molto positivo che imprenditori come loro manifestino un interesse concreto per il rugby al punto di volere aumentare gli investimenti. Non è una cosa tanta contata nella nostra realtà. Magari e ne fossero altri>>.
Dei meriti dell’azienda Femi CZ di patron Zambelli in campo industriale ( basta citare il recente noto premio internazionale ritirato da suo figlio Antonio ‘Direttore Generale’ …) non è il caso di parlarne in questa sede, ma … la sinergia tra Petrarca Padova & Rugby Rovigo Delta in una unica franchigia è ‘cosa buon e giusta’ , salvo spiazzanti offerte della Federazioni in favore di un solo ‘attore’ piuttosto che del ‘tandem titolare’ della compagnia teatrale …Tuttineri & Bersaglieri ensemble.

Sergio Sottovia
www.polesinesport.it