Grandi leader Spal & Parma, Cittadella & Campodarsego, KO Delta RO a Forlì/ Grandi bomber Riccardo Santi come …Nocciolini


21/12/2015

C’era l’invito per Firenze e avrei incontrato Sousa  & Dalla Valle, Bernardeschi e le Giovanili della Fiorentina al proscenio presented by …musica anni ’60 e Beatles. Non ho risposto e mi sono ritrovato con un altro Sms che mi convocava per la sfida tra Luparense e Union Ripa La Fenadora. Ho scelto questa sfida ‘familiare’ anche perché mi permetteva di giocare finalmente in coppia a tennis in doppio il sabato mattina insieme a mio figlio e poi baipassare Campodarsego e andare a San Martino di Lupari dove la signorilità della Luparense mi ha gentilmente concesso due accrediti , uno in più rispetto al mio richiesta documentata giornalisticamente by www.polesinesport.it
Ed è stata una gran giornata, il mio sabato del villaggio, anche perché poi mi hanno raccontato tutto quanto è successo in casa Viola, nel cerimoniale con Della Valle  rimasto a fare il selfie in teatro anche dopo che i giocatori di mr Sousa  avevano già conclusa la loro ‘ospitata’ per la Festa degli Auguri al Settore Giovanile di cui è Responsabile il dottor Vergine e dove la ‘Primavera’ aveva appena vinto come da pronostico vs Pro Vercelli e si era confermata in corsa per lo ‘scudetto’ di riferimento.

 

 

Insomma, incroci Made in Polesine, compreso quello a San Martino di Lupari ove ho incontrato Giorgio Virzini del Caldiero e anche Alessio & Dario Sottovia family tra campo e tribuna. Dico questo perché Alessio che giocava con l’Azzurra Sandrigo in Eccellenza Girone A, adesso giocherà vicino a casa con la Godigese , peraltro penultima nel Girone B. Poi sul campo c’era Dario Sottovia neo acquisto della LUparense, mentre tra le fila dell’Union Ripa La Fenadora giocava ‘suo cugino’ Andrea Dall’Ara.

 

 

Dico subito che siamo in SERIE D, Girone C,  e che ha vinto addirittura 4-0 la Luparense grazie alla tripletta di Riccardo Santi ( ex Delta Rovigo) e al sigillo finale di Madiotto, lo stesso che in occasione del primo gol aveva ricevuto assist da Baggio ( centrale difensivo della Luparense) e poi aveva innescato bomber Santi su cui ha fatto fallo da rigore Pregnolato espulso per fallo da ultimo uomo.

 

 

Poi la partita ha visto la Luparense restare in 9 per l’espulsione anche di Severgnini appena prima del riposo, poco dopo che anche mr Cunico era stato espulso per proteste.
Insomma, su Il Mattino di Padova si recrimina molto contro le decisioni arbitrali del signor Pennino di Palermo ( anche per un rigore non concesso a Beccaro) affibbiandogli un misero 4 in pagella, ma devo dire che la Luparense ha mostrato troppe ‘colpe proprie’.

 

 

 

Tutto questo in un girone che vede in testa il Campodarsego di mr Andreucci che, due volte in vantaggio e due volte raggiunto, ha impattato 2-2 nel turno casalingo vs il Mestre di mr Tiozzo. Certo il Venezia che ha vinto tennisticamente 6-1 sulla Triestina adesso è ad un solo punto di distanza dalla vetta, ma la matricola Campodarsegio merita tantissimi complimenti , visto anche la sua imbattibilità dopo questo girone d’andata.

 

 

Ricordato che in coda c’è la Sacilese ( schiacciata 6-0 in casa della troppo forte Virtus Vecomp VR, segnaliamo che continua il trend positivo dell’Este di mr Pagan winner 2-0 in casa dell’Abano del neo mr Karel Zeman figlio d’arte e che al Corso allenatori a Coverciano guarda caso era ‘in banco’ col Pagan – chioggiotto.
Con riferimento a zona play off segnaliamo la vittorie del Belluno per 2-1 in casa Liventina, come peraltro il Tamai winner 1-0 vs Levico Terme.
Invece con implicazioni play out segnaliamo la vittoria del Montebelluna per 1-0 sul Dro, poi quella analoga del Giorgione in casa Monfalcone, mentre tra Calvi Noale e Fontanafredda è finita 1-1 salomonicamente.

 

 

A questo punto , ricordiamo che per essere leader in LEGA PRO , la Spal ha vinto 2-0 vs Teramo staccando la Maceratese che invece ha impattato 0-0 vs Arezzo, così come il Cittadella winner 1-0 in casa Cremonese ha scavalcato l’Alessandria che invece ha impattato 1-1in casa Reggiana. Come ricordiamo che nel frattempo il Padova ha impattato 1-1 nel derby veneto con Bassano.

 

 

E dopo questo ‘stacchetto musicale’ tra Polesine Gol & Dintorni, passiamo in SERIE D, Girone D, per ricordare che il Parma si incorona Campione d’Inverno pareggiando in casa solo al fotofinish 2-2 contro la Sanmaurese.
Certo si avvicina l’Altovicentino winner 2-0 vs Villafranca Vr, però rsta sempre a -7 dal Parma.

 

 

E al terzo posto chi troviamo? Il Forlì che si conferma bestia nera per il Delta Rovigo , vista la vittoria larga per 5-1 sui ragazzi di mr Vito Antonelli.  Una prestazione , quella dei polesani, che non è stata affatto gradita dal presidente Mario Visentini che ai taccuini di Luca Crepaldi su Il Gazzettino ha espresso con chiarezza così il suo dissenso :<< Abbiamo preso dei nuovi giocatori, bisognerebbe sfruttarli di più; come è entrato in campo Platone la partita ha preso un’altra piega. Senza offendere nessuno, perché rispetto tutti gli altri componenti…>>
Da segnalare intanto che il San Marino si allontana dai polesani avendo sbancato per 1-0 il campo del Romagna Centro, mentre in fondo registriamo finalmente la vittoria per 2-1 della Clodiense sul Bellaria Igea Marina.

 

 

Ricordato che a centroclassifica è finita in parità 1-1 la sfida tra Legnago e Virtus Castelfranco come peraltro tra Lentigione e Imolese,  segnaliamo a completamento e con implicazioni play out  A completamento con implicazioni play out segnaliamo la vittoria per 2-1 del Mezzolara sull’ArzignanoChiampo, quindi Correggese – Fortis Juventus 1-0 ed infine Ribelle – Ravenna 1-1.
Tutto questo in una domenica dove a livello veneto non si sono giocate le partite di Campionato dalla Eccellenza alla Seconda categoria.

 

 

Ma in questo periodo prenatalizio è comunque doveroso segnalare che questa domenica il VENETO si è costruita una chance per il salto di categoria attraverso la COPPA ITALIA ECCELLENZA.
Merito del Pozzonovo di mr Massimiliano Sabbadin che , dopo il 3-0 nel match di andata ha impattato 1-1 tra tanta nebbia contro la Marosticense; perciò il 3 gennaio 2016 se la vedrà nella finale contro il LiaPiave che in semifinale ha eliminato il Vigasio.
Davvero un bel regalo di Natale per il presidente Zanchi e tutta la società del Pozzonovo, che peraltro è pure quarta nel campionato di Eccellenza, anche se a -8 dal tandem Adriese & Caldiero e a-9 dl Vigasio capolista.

 

 



EXTRATIME by SS/ La cover è per Riccardo Santi 'triplo bomber' targato UR La Fenadora vs Luparense a San Martino di Lupari.
Poi per quanto riguardala fotogallery partiamo dal team Delta calcio Rovigo perché in foto promozionale per il Calendario 2016 con i ragazzi della Associazione Onlus “Uguali …Diversamente” ha sicuramente fatto “PolesineGol” quantomeno sul piano del Fair Play (vedi rubrica specifica) .
A seguire ecco il cerimoniale della “affiliazione” delle Giovanili del Pontecchio con la Spal, grazie all’interessamento di Gianni Taschin e del presidente polesano Lucio Turolla in poso con lo staff dirigenziale e con Argentino Pavanati consigliere della Figc Veneto.
Passando alla mia “domenica In…” campo a San Martino di Lupari ecco alcuni flash del match tra Luparense ( maglia bianca) e Union Ripa La Fenadora, con relativa distinta formazioni giusto per migliorarne la conoscenza ‘numero per numero’.

 

 

A seguire la chiesa di Campodarsego , la location in cui sono originari i gemelli Dario & Alessio Sottovia, oltre che Franco Carraro noto dirigente Figc nazionale e presidente del Milan. E poiché anche mio padre Giovanni e mio fratello Luciano sono nati a Campodarsego, ergo …ecco Sergio in maglia Barcellona negli spogliatoi  e nell’intervallo  del match disputato in Giappone e valido per il Mondiale Club,  vinto domenica mattina vs River Plate grazie a super Messi ( vedi poi gol)  , praticamente argentino …di ritorno nell’occasione.
E da Sergio… a Thiago Motta ecco il giocatore oriundo Made in Polesine certificato titolare col PSG winner nel week end 3-0 vs Caen e già quasi campione di Ligue 1 in Francia.
Infine dulcis in fundo il già citato Lionel Mesi mentre segna il primo gol ( poi c’è stata la doppietta di Suarez) contro i suoi connazionali del River Plate che da bambino …non l’avevano scelto.

 

Sergio Sottovia
www.polesinesport.it