Italrugby KO 15-31 vs Argentina, mentre Rugby Rovigo Delta vince 23-20 al fotofinish con Barion-metamen vs Calvisano leader


19/11/2017

E’ stato il week end dei Puma e dei Bersaglieri. Insomma , se guardiamo i colori, meglio il rossoblu della Rugby Rovigo Delta che l’azzurro Italia.
Fermo restando che il Calvisano resta leader nel Campionato di Eccellenza, bisogna però sottolineare che i Bersaglieri di coach Mc Donnell si sono riproposti per il solito slalom parallelo nella corsa allo scudetto.
Che poi a fine match, nel Terzo Tempo dove si stemperano le pressioni della partita, alcuni giocatori del Calvisano e lo stesso coach Massimo Brunello abbiamo avuto ‘qualcosa da ridire’ per una buona mezzora all’arbitro Liperini, beh questo non va imputato alla mancanza di fair play quanto al fatto che la sconfitta , oltre a ‘bruciare’ non é stata ben ‘digerita' dal Calvisano anche perché perdere contro i Bersaglieri comunque vale sempre come …perdere una finale scudetto.
Mettiamoci anche che gli ‘arbitri’ come ‘categoria’ organizzata, sono di casa a Calvisano, e allora é normale che a questa ‘redazione mobile’ ci sia pervenuta più di una segnalazione dalla tifoseria rossoblu sul fatto che …l’arbitro Liperini ( homo erectus e da solo perché gli assistenti hanno preferito andarsene) abbia avuto poco tempo per rifocillarsi nella Casetta Rosssoblu visto appunto la sequenza degli ‘approcci parlanti’ di diversi giocatori del Calvisano.
Detto questo ecco in sequenza la cronaca ufficiale by Federugby per quanto riguarda il test match perso dall’Italrugby vs Argentina e il reportage completo del big match di Eccellenza tra Rugby Rovigo e Calvisano , tra aspettative e cronaca-commenti by Silvia Stievano –addetto stampa della società rodigina - integrate da tutti i risultati di giornata e relative Classifiche e Prossimo turno nella Appendice flash story , mentre nell’Extratime vi proponiamo qualche ulteriore commento agganciato alla fotogallery e …percezioni post match sia by tv che da …casa rossoblu.

 

 

 

Compresa la soddisfazione del Presidente Zambelli ( detto da lui il suo 'Grandi tutti' non è affatto banale) e quella del tifo rossoblu come sempre straordinario allo stadio Battaglini per una vittoria al fotofinish e da cardiopalma frutto anche di precedenti decisioni dirigenziali ( vedi passaggio da Jason Wright ‘scontento’ a Umberto Casellato ‘contento pro tre-quarti) e di una ‘voglia di successo basata su quella positività’ che appartiene da sempre alle Posse Rossoblu e a Rovigo Città in mischia ma che non sempre può appartenere alla stampa e alla libera critica.
Insomma i Bersaglieri pare si siano adeguatamente ‘amalgamati ‘ con la triade Mc Donnell, Bettarello, Casellato, con una dirigenza che da qualche anno ha dimostrato di …puntare alla finale scudetto.

 

 

 

PRIMA MAIN NEWS ( by www.federugby.it, Sabato 18 Novembre 2017 ) / A Firenze l’Argentina batte l’Italia 31-15 nel secondo dei Crèdit Agricole Cariparma Test Match

Firenze- L’Argentina passa allo Stadio “Artemio Franchi” di Firenze per 31-15, al termine di un match equilibrato fino a dieci minuti dal fischio finale. Gran primo tempo dell’Italia, che con una difesa attenta ed aggressiva riusciva subito a sventare i pericolosi attacchi argentini dei primi minuti. Al vantaggio ospite dalla piazzola con Hernandez al 12’ rispondeva subito Carlo Canna, che portava avanti gli azzurri centrando i pali in due occasioni al 15’ e al 22’. Al 29’ la prima meta dell’incontro è dei Pumas con il trequarti ala Cancelliere, ma successivamente è ancora Carlo Canna a concretizzare un calcio di punizione per superiorità in mischia azzurra, siglando il sorpasso per 9 a 8 al termine della prima frazione. Nella ripresa partita punto a punto al piede tra gli azzurri e i Pumas, ma la meta al 70’ del terza linea argentino Kremer rompeva definitivamente gli equilibri portando gli argentini sopra break. Nel finale di match i Pumas trovavano anche la terza meta dell’incontro con l’estremo Joaquin Tuculet, concretizzando un’azione dei trequarti argentini sull’out di destra. La trasformazione del man of the match di giornata Nicolas Sanchez chiudeva il match sul 15-31 in favore degli ospiti.
La Nazionale si trasferirà domani a Padova in vista del terzo ed ultimo Crédit Agricole Cariparma Test Match di novembre 2017, in calendario sabato 25 novembre alle ore 15.00 contro il Sudafrica. Martedì alle ore 15.00, presso il Centro Sportivo “La Guizza”, casa del Petrarca Padova, è in programma un allenamento aperto al pubblico.

 

 

 

FIRENZE, Stadio “Artemio Franchi” – sabato 18 novembre
Crédit Agricole Cariparma Test Match
ITALIA v ARGENTINA 15 -31 (9-8)
Marcatori: p.t. 12’ cp Hernandez (0-3), 15’ cp Canna (3-3), 22’ cp Canna (6-3), 29’ mt Cancelliere (6-8), 36’ cp Canna (9-8),  44’ cp Sanchez (9-11), 49’ cp Canna (12-11), 54’ cp Sanchez (12-14), 57’ drop Violi (15-14), 59’ cp Sanchez (15-17), 70’ mt Kremer tr Sanchez (15-24), 80’ mt Tuculet tr Sanchez (15-31)
ITALIA: Hayward; Sarto L. (51’ Minozzi), Boni, Castello, Bellini; Canna ( 73’ Mckinley), Violi (61’ Tebaldi); Parisse (c), Steyn, Minto (62’ Licata); Budd (73’ Ruzza), Fuser; Ferrari (61’ Chistolini), Bigi (40’-77’ Ghiraldini), Lovotti (51’ Zani)
all. O’Shea
ARGENTINA: Tuculet; Cancelliere, Orlando (58’ Moroni), Gonzalez-Iglesias, Boffelli; Sanchez (9’-17’ Hernandez), Landajo (60’ Bertranou); Leguizamon (57’ Macome), Kremer, Matera; Lavanini, Alemanno (51’ Petti); Tetaz-Chaparro (64’ Pieretto) , Creevy (cap) (61’ Montoya), Garcia-Botta (44’ Noguera)
all. Hourcade
arb. Peyper (Sudafrica)
Calciatori: Hernandez (Argentina) 1/1, Canna (Italia) 4/4, Sanchez (Argentina) 5/6
Note: Giornata soleggiata a Firenze. Campo in perfette condizioni. Spettatori presenti 21.874
Crèdit Agricole Cariparma Man of the Match: Nicolas Sanchez (Argentina)

 

 

 


 
LA CRONACA DEL MATCH: Il drop di Carlo Canna apre il secondo dei Crèdit Agricole Cariparma Test Match. Argentina che prova subito ad attaccare nei 22 metri italiani, ma gli azzurri sventano l’attacco recuperando l’ovale grazie ad un calcio di punizione a favore. L’Italia reagisce prontamente al primo attacco dei Pumas, trovando un buco nella metà campo ospite con il trequarti centro Tommaso Castello. Un passaggio in avanti non consente però agli azzurri di proseguire l'attacco. Al 12’ arrivano i primi punti del match per l’Argentina, che trova la via dei pali su un calcio di punizione per fuorigioco realizzato dal subentrato Juan Martin Hernandez. Solo un minuto più tardi Carlo Canna pareggia subito i conti dalla piazzola per l’Italrugby, portando il match sul 3-3 a un quarto d’ora dall’inizio di gara. L’Italia sfrutta la superiorità in mischia chiusa nell’inizio di gara guadagnando ancora un calcio di punizione trasformato da Carlo Canna. Allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze dopo ventidue minuti gli Azzurri conducono così sull’Argentina per 6-3. Al 29’ i Pumas trovano la prima meta di gara con il numero 14 Sebastian Cancelliere, che si inserisce in uno spiraglio lasciato aperto dalla difesa azzurra dopo numerose azioni d’attacco. A Nicolas Sanchez non riesce la trasfomazione della marcatura; alla mezz’ora l’Argentina è così avanti sugli azzurri per 8 a 6. Il vantaggio argentino dura appena quattro minuti: l’Italia infatti si riporta avanti guadagnando ancora un calcio di punizione all’interno dei 22 metri per una netta superiorità in mischia. Carlo Canna trova ancora la via dei pali dalla piazzola, portando avanti l’Italrugby 9 a 8 al termine del primo tempo. Nella seconda frazione Sanchez apre le marcature al 6’ dalla piazzola riportando avanti l’Argentina. Pochi minuti più tardi bellissima azione degli Azzurri nei ventidue ospiti con il trequarti ala Leonardo Sarto, placcato a pochi metri dalla linea di meta dei Pumas. Un calcio di punizione concesso dall’arbitro sudafricano Peyper permette a Carlo Canna di riportare gli azzurri sopra nel punteggio 12-11. Al 54’ l’Argentina si rende pericolosa nei 22 degli azzurri con una giocata del trequarti ala Cancelliere costringendo l’Italia al fallo. Nicolas Sanchez trasforma ancora per il momentaneo 12-14. E’ ancora il trequarti centro Tommaso Castello a sfondare nella difesa dei Pumas: sugli sviluppi dell’azione il mediano di mischia Marcello Violi trova la via dei pali con un drop sfruttando un vantaggio a favore concesso dal direttore di gara. Partita punto a punto nella ripresa: al 59’ è ancora Sanchez a centrare i pali dalla piazzola su calcio di punizione. Al 70’ arriva la seconda marcatura dell’incontro per l’Argentina con la terza linea Marcos Kremer, bravo a concretizzare un’azione insistita dei Pumas a pochi passi dalla linea di meta azzurra. La trasformazione successiva del solito Nicolas Sanchez porta gli ospiti sopra break 15-24. Nel finale di match i Pumas trovano anche la terza meta dell’incontro con l’estremo Joaquin Tuculet, concretizzando un’azione dei trequarti ospiti sull’out di destra. La trasformazione del man of the match di giornata Nicolas Sanchez chiudeva il match sul 15-31 in favore della nazionale guidata da Daniel Hourcade.

 

 

 

 

 

 
ANTEPRIMA SECONDA MAIN NEWS ( di Silvia Stievano,Comunicato n. 53 del 17.11.2017) / FEMI-CZ RRD: SCONTRO AL VERTICE, I BERSAGLIERI PER IL BIG MATCH CON CALVISANO
Domenica 19 novembre allo Stadio “Mario Battaglini” di Rovigo va in scena una delle sfide più attese del Campionato Italiano d’Eccellenza. La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta affronta infatti i Campioni in carica del Patarò Rugby Calvisano, in testa alla classifica a sole 5 lunghezze dai rossoblù. Il fischio d’inizio è fissato per le ore 15; a dirigere la partita, in diretta streaming su therugbychannel.it, sarà il livornese Liperini coadiuvato dai giudici di linea Bolzonella e Franzoi e dal quarto uomo Brescacin.
“Ci aspetta un duro scontro al vertice – afferma l’head coach dei Bersaglieri Joe McDonnell alla vigilia della sfida – Calvisano ha anche quest’anno una squadra di qualità ma noi ci siamo preparati al meglio per affrontarla. Veniamo inoltre da due partite molto intense, poiché Mogliano e Lazio contro di noi hanno dato tutto in campo, che sono state un buon banco di prova in vista del big match di domenica. Tre sono gli aspetti fondamentali che dovremo rispettare per raggiungere la vittoria: non perdere il possesso palla, non concedere nulla in difesa ed avere molta disciplina per evitare il più possibile calci contro. Quindi sarà importante mantenere il livello di concentrazione al massimo, per tutti gli 80 minuti. E forti del fatto che, giocando in casa, in campo scenderemo in 16”.
Pochi cambi nel XV rossoblù di partenza rispetto alla scorsa settimana: il reparto arretrato, infatti, vede ancora Barion estremo, Cioffi e Biffi all’ala, Majstorovic e Davies ai centri. Confermati anche Mantelli mediano d’apertura e Chillon a dirigere il reparto degli avanti. Ancora una volta la terza linea sarà tutta rodigina, con capitan Ferro numero 8 e al suo fianco Lubian e De Marchi. In seconda sarà Boggiani a fare coppia con Ortis, mentre Momberg andrà a comporre la prima linea insieme a D’Amico e Brugnara. La rifinitura di domani pomeriggio scioglierà l’unico dubbio dei coach McDonnell e Casellato, in merito alla presenza di Odiete tra i convocati.
Questa, quindi, la formazione dei Bersaglieri che scenderà in campo domenica: Barion; Cioffi, Majstorovic, Davies, Biffi; Mantelli, Chillon; Ferro (cap.), Lubian, De Marchi; Boggiani, Ortis; D’Amico, Momberg, Brugnara. A disposizione: Cadorini, Cincotto, Muccignat, Parker, Zanini, Loro, Modena, Arrigo/Odiete.

 

 

 

SECONDA MAIN NEWS ( di Silvia Stievano , Comunicato n. 55 del 19.11.2017 ) / FEMI-CZ RRD: IL PACK ROSSOBLÙ SCHIACCIA CALVISANO, ROVIGO VINCE 23-20 LO SCONTRO AL VERTICE
La FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta ci crede fino alla fine e vince 23-20 con il Patarò Rugby Calvisano nella settima giornata del Campionato Italiano d’Eccellenza.
Dopo appena un minuto dal fischio d’inizio il Calvisano passa subito in vantaggio grazie ad un calcio a favore, per un’entrata laterale dei rossoblù, che Novillo manda tra i pali. Il Calvisano allunga ulteriormente al 12’ grazie alla meta di Tuivaiti che Novillo trasforma per lo 0-10. I Bersaglieri però rispondono subito dalla piazzola con Mantelli che centra i pali e accorcia le distanze sul 3-10. E il mediano d’apertura rossoblù è di nuovo protagonista al 19’ quando mette tra i pali il calcio a favore fischiato ai Bersaglieri in attacco nei 22 avversari. Il Calvisano gioca agguerrito ma il pack dei rossoblù dimostra la sua superiorità e al 29’ ottiene un calcio a favore che Mantelli piazza per il 9-10. I gialloneri rispondono dalla piazzola con Novillo al 34’ per il 9-13 su cui si chiude la prima frazione di gioco.
La ripresa vede i rossoblù fronteggiare gli avversari con la forza del pacchetto di mischia: dopo diversi calci a favore sui 5 metri avversari, il pack dei Bersaglieri riesce ad ottenere finalmente una meta tecnica al 53’ e il Calvisano viene punito con un giallo al pilone Rimpelli. Tornati in parità numerica, le due squadre si danno battaglia fino al 66’ quando i gialloneri in attacco sui 5 metri rodigini trovano un buco nella difesa rossoblù e Novillo va a schiacciare oltre la linea. Lo stesso poi trasforma per il sorpasso giallonero 16-20. Il pack dei Bersaglieri torna protagonista negli istanti finali della partita ma, nonostante continue mischie sui 5 metri avversari e un giallo a Fischetti del Calvisano, non riesce ad ottenere la seconda meta tecnica. I rossoblù comunque non demordono e aprono il gioco al largo, dove Barion riceve l’ovale che poi schiaccia magistralmente oltre la linea. La trasformazione di Mantelli chiude il match sul 23-20 a favore della FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta.
“Sono molto felice per il risultato – afferma l’head coach rossoblù Joe McDonnell alla fine della partita – ma è importante che anche nelle vittorie si sia consapevoli dei propri errori: oggi abbiamo peccato nella disciplina e in rimessa laterale, dove Calvisano ci ha messo molto in difficoltà con Cavalieri. Faccio i complimenti ai nostri avversari, è stata una partita dura e anche loro meritavano di vincere ma la differenza l’ha fatta la mischia: siamo stati bravi a creare con il pack le opportunità per finalizzare, ci abbiamo creduto fino alla fine. Abbiamo vinto ma dobbiamo continuare a lavorare, dopo la settimana di riposo ci aspettano I Medicei, una sfida delicata soprattutto mentalmente. Dobbiamo tenere i piedi ben saldi per terra e pensare alla prossima grande sfida”.

 

 

 

TABELLINO : Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 19 novembre
( Eccellenza, VII giornata )
FEMI-CZ ROVIGO v PATARÒ RUGBY CALVISANO 23-20 (9-13)
Marcatori: p.t. 1’ c.p. Novillo (0-3), 12’ m. Tuivaiti tr. Novillo (0-10), 15’ c.p. Mantelli (3-10), 19’ c.p. Mantelli (6-10), 29’ c.p. Mantelli (9-10), 34’ c.p. Novillo (9-13); s.t. 53’ m. tecnica (16-13), 66’ m. e tr. Novillo (16-20), 83’ m. Barion tr. Mantelli (23-20)
FEMI-CZ Rovigo: Odiete; Barion, Majstorovic, Davies, Cioffi; Mantelli, Chillon; Ferro (cap.) (59’ Zanini), Lubian, De Marchi; Boggiani (49’ Parker), Ortis; D’Amico, Momberg, Brugnara (67’ Muccignat).
all. McDonnell, Casellato
PATARO’ RUGBY CALVISANO: Chiesa; Bruno (80’ Morelli), Paz, Lucchin, Susio (53’ Giovanchelli); Novillo, Semenzato; Tuivaiti, Zdrilich (61’ Venditti), Archetti; Zanetti, Cavalieri; Leso (67’ Biancotti), Morelli (cap.) (67’ Fischetti), Rimpelli (62’ Susio) (69’ De Santis). All. Brunello
arb.: Liperini (Livorno)
AA1 Bolzonella (Cuneo), AA2 Franzoi (Venezia)
Quarto Uomo: Brescacin (Treviso)
Cartellini: 52’ giallo a Rimpelli (Patarò Rugby Calvisano), 79’ giallo a Fischetti (Paterò Rugby Calvisano)
Calciatori: Mantelli (FEMI-CZ Rovigo) 4/4 ; Chillon (FEMI-CZ Rovigo) /; Novillo (Patarò Rugby Calvisano) 4/4
Note: giornata serena, circa 11°, campo in buone condizioni. Spettatori circa 1800.
Punti conquistati in classifica: FEMI-CZ Rovigo 4; Patarò Rugby Calvisano 1
Man of the Match: Ortis (FEMI-CZ Rovigo)

 

 

 

TERZA MAIN NEWS ( by www.federugby.it,  Domenica 19 Novembre 2017 ) / ECCELLENZA, VII GIORNATA: CALVISANO CADE A ROVIGO. VINCONO PETRARCA E VIADANA

Roma – Prima sconfitta in campionato per il Patarò Calvisano che nel remake delle ultime tre finali Scudetto si arrende 23-20 sul campo del FEMI-CZ Rovigo che resta al secondo posto accorciando le distanze dalla vetta. Approfitta dello scivolone della capolista anche il Petrarca Padova che espugna il campo del Lafert San Donà nel derby veneto di giornata portandosi a tre lunghezze dalla prima piazza.
Torna alla vittoria il Viadana: il XV di Filippo Frati batte 31-17 il Conad Reggio e tiene stretta la quarta piazza valida per un posto ai play-off. Secondo successo consecutivo per le Fiamme Oro che vincono 20-16 in casa del Toscana Aeroporti I Medicei. Primo sorriso stagionale per la Lazio che tra le mura amiche si impone 24-20 il Mogliano Rugby, attualmente fanalino di coda.
 

SAN DONA’ DI PIAVE, Stadio “Mario e Romolo Pacifici” – domenica 19 novembre
Lafert San Donà v Petrarca Padova 14-22 (0-16)
Marcatori: p.t. 4’ m. Cannone tr. Fadalti (0-7), 8’ cp. Fadalti (0-10), 26’ cp. Menniti-Ippolito (0-13), 40’ cp. Fadalti (0-16);  s.t. 54’ m. Derbyshire tr. Crosato (7-16), 66’ cp. Menniti-Ippolito (7-19), 75’ m. Reeves tr. Ambrosini (14-19), 80’ cp. Menniti-Ippolito (14-22)
Lafert San Donà: Reeves; Schiabel (41’ Lupini), Pratichetti, Bertetti, Falsaperla (70’ Bardella); Ambrosini, Crosato (66’ Rorato); Derbyshire, Vian GM, Catelan (66’ Giusti); Erasmus (41’ Van Vuren), Wessels; Michelini (70’ Ros), Bauer (66’ Dal Sie), Ceccato (56’ Zanusso).
All. Ansell
Petrarca Padova: Fadalti; Capraro, Bettin, Riera, Rossi; Menniti-Ippolito, Francescato; Saccardo, Conforti, Lamaro; Cannone, Gerosa (56’ Salvetti); Vannozzi (77’ Delfino), Santamaria, Borean (44’ Scarsini).
all. Marcato
arb.: Schipani
AA1 Blessano, AA2 Giacomini Zaniol
Quarto Uomo: Favero
Calciatori: Crosato (Lafert San Donà) 1/2; Ambrosini (Lafert San Donà) 1/1, Fadalti (Petrarca Padova) 3/3, Menniti-Ippolito (Petrarca Padova) 3/3
Note: giornata soleggiata, campo in buone condizioni. Stadio Pacifici 350 spettatori.
Punti conquistati in classifica: Lafert San Donà 0; Petrarca Padova 4
Man of the Match: Fadalti (Petrarca Padova)

 

 

 

 

 

 

VIADANA, Stadio "Luigi Zaffanella"- Domenica 19 novembre
Rugby Viadana 1970 v Conad Reggio 31-17 (11-3)
Marcatori: p.t. 8’ c.p. Gennari (0-3); 17’ m Silva (5-3); 27’ c.p. Rojas (8-3); 40’ c.p. Rojas (11-3); s.t. 45’ c.p. Rojas (14-3), 49’ m. Amadasi tr Rojas (21-3), 54’ m. Dell’Acqua tr. Gennari (21-10), 57’ c.p. Rojas (24-10), 65’ m Visagie tr Gennari (24-17), 67’ m Rojas tr Rojas (31-17).
Rugby Viadana 1970: Spinelli (75’ Tizzi); Amadasi, Finco, Rojas, Manganiello; Biondelli, Bacchi (65’ Gregorio); Denti And. (cap.), Moreschi (73’ Ribaldi), Wagenpfeil (22’ Gelati), Caila, Orlandi Arrigoni (71’ Chiappini), Denti Ant. (77’ Novindi), Silva (65’ Ceciliani), Bergonzini (63’ Breglia).
All. Frati/Sciamanna
Conad Reggio: Farolini, Costella, Paletta, Suniula, Gennari; Rodriguez (7’ Ferrarini A.), Panunzini (72’ Fontana); Ferrarini, Rimpelli (70’ Fiume), Mordacci (54’ Visagie), Du Preez, Devodier (49’ Dell’Acqua), Celona (54’ Bordonaro), Manghi (79’ Mordacci), Quaranta (70’ Saccà).
All. Manghi
Arb. Manuel Bottino (Roma)
AA1 Stefano Pennè (Lodi) AA2 Filippo Bertelli (Brescia)
Quarto uomo: Riccardo Salafia (Milano)
Cartellini: 57’ giallo Suniula (Conad Reggio)
Calciatori: Rojas (Rugby Viadana 1970) 6/7, Gennari (Conad Reggio) 3/4
Note: giornata soleggiata, campo in ottime condizioni. Stadio Luigi Zaffanella, circa 734 spettatori reali.
Punti conquistati in classifica: Rugby Viadana 1970  4; Conad Reggio 0
Man of the Match: Rojas (Rugby Viadana 1970)

 

 

 

FIRENZE, Ruffino Stadium “Mario Lodigiani” - domenica 19 novembre
Toscana Aeroporti I Medicei v Fiamme Oro Rugby 16 - 20  (9-14)
Marcatori: p.t. 4’ cp Roden (0-3); 9’ cp Roden (0-6); 12’ cp Roden (0-9);  15’ m Roden (0-14); 18’ cp Basson (3-14); 22’ cp Basson (6-14); 30’ cp Basson (9-14); s.t. 42’ cp Roden (9-17); 50’ cp Roden (9-20); 78’ m Basson tr Basson (16-20).
Toscana Aeroporti I Medicei: Cornelli; Lubian (63’ Mattoccia), Rodwell,  McCann, Citi; Basson, Taddei; Greeff, Boccardo, Brancoli; Montauriol (cap), Cemicetti (53’ Chianucci); Battisti (53’ Corbetta), Baruffaldi, Schiavon (53’ Zileri).
All. Presutti, Basson
Fiamme Oro Rugby: Edwardson; Sepe (70’ Quartaroli), Seno, Gabbianelli, Bacchetti; Roden (63’ Buscema), Parisotto; Amenta (cap) (64’ Cornelli), Cristiano, Favaro (63’ Zitelli); Caffini, Fragnito; Di Stefano (40’ Iacob), Moriconi (60’ Kudin), Zago (62’ Iovenitti).
All. Guidi
Arb. Vivarini (Padova)
AA1 Angelucci (Livorno), AA2 Giovanelli (La Spezia)
Quarto Uomo Masetti (Arezzo)
Cartellini: 11’ Giallo a Montauriol (Toscana Aeroporti I Medicei)
Calciatori: Basson (Toscana Aeroporti I Medicei) 4/4; Roden (Fiamme Oro Rugby) 5/6;
Note: giornata di sole, temperatura 15°, campo in buone condizioni. Spettatori 880
Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti I Medicei 1; Fiamme Oro Rugby 4
Man of the Match: Luca Roden (Fiamme Oro Rugby)

 

 

 

ROMA, CPO “Giulio Onesti” Acqua Acetosa- Domenica 19 novembre 2018
Eccellenza- VII giornata
S.S.Lazio Rugby 1927 v Mogliano Rugby 24-20 (17-10)
Marcatori: p.t.15’ mt Ercolani tr Ceballos (7-0), 20’ mt Giazzon (7-5), 25’ mt Bonavolontà D. tr Ceballos (14-5), 32’ mt Giazzon , 40 cp Ceballos (17-10) s.t. 58’ cp Facchini (17-13), 70’ mt Antl tr Ceballos (24-13), 80’ mt tecnica Mogliano (24-20)
S.S Lazio Rugby 1927: Antl; Santoro (75’ Lombardo), Di Giulio, Lo Sasso; Bonavolontà F.; Ceballos, Bonavolontà D. (44’ Giangrande); Cicchinelli, Filippucci, Ercolani; Pierini (8’ Romagnoli), Forgini (55’ Marsella), Cugini (13’ Corcos), Di Roberto (55’ Amendola)
all. Montella
Mogliano Rugby: Facchini; Masato, Zanon (78’ Mornas), Zanatta; De Masi; Da Re, Endrizzi (45’-76’ Gubana); Halvorsen; Corazzi (30’ Manni), Baldino; Maso, Bocchi (46’ Padrò),  Bigoni (Stefani 55’), Giazzon (68’ Nicotera), Vento (65’ Buonfiglio).
all. Dalla Nora
arb. Piardi (Brescia)
AA1 Passacantando (L’Aquila), AA2 Pier’Antoni (Roma)
Cartellini: Al 26’ giallo a Lo Sasso (S.S. Lazio Rugby 1927), al 31’ giallo a Filippucci (S.S. Lazio Rugby 1927), al 78’ giallo a Antl (S.S. Lazio Rugby 1927)
Calciatori: Facchini (Mogliano Rugby) 1/5, Ceballos (S.S. Lazio Rugby 1927) 3/4
Note: Giornata soleggiata, spettatori presenti 650 circa
Punti conquistati in classifica: S.S. Lazio Rugby 1927 4, Rugby Mogliano 1
Man of the Match: Gabriele Cicchinelli (S.S. Lazio Rugby 1927)

 

 

 

APPENDICE FLASH STORY ( by www.federugby.it , 19.11.2017)/ RISULTATI, CLASSIFICA GENERALE, PROSSIMO TURNO

RISULTATI DELL'8° GIORNATA

Rugby Rovigo Delta - Patarò Calvisano 23 -20
Lafert San Donà – Petrarca 14 – 22
Viadana – Conad Reggio 31 – 17
Lazio – Mogliano 24 – 20
Medicei Firenze – Fiamme Oro 16 – 20

 

 

 

LA CLASSIFICA: Patarò Calvisano 29; FemiCz Rovigo 27; Petraca 26; Viadana 20; Fiamme Oro 19; Lafert S. Donà 18; Medicei Firenze 17; Lazio 6; Conad Reggio 5; Mogliano 4.

PROSSIMO TURNO 2/12/2017
Fiamme Oro – Lafert S. Donà
Patarò Calvisano – Lazio
Medicei Firenze – FemiCz Rovigo
Conad Reggio – Mogliano
Petrarca – Viadana

 

 

 

EXTRATIME by SS/ In cover Sergio Parisse capitano della Italrugby vs Argentina.
Il test match che poi onoriamo nella prima parte della fotogallery, mostrando sia coach O’Shea che i noti telecronisti in studio DMax ( da sx Paul Griffen , Daniele Piervincenzi, GB Venditti) , quindi uno sprint dell’azzurro Castello, ma anche il ‘cerchio azzurro’ e il presidente Alfredo Gavazzi della Fir  a far da introduzione al Big match di Eccellenza di cui vi proponiamo tutta la fotogallery trasmessaci by S.S. in gonnella.

 

 


 

Anche qui con i noti giocatori che non hanno certo bisogno di presentazione , da Boggiani a Chillon, da De Marchi a Ferro, da Mantelli-calciatore a Momberg placcato, fino a chiudere con la classica mischia ‘diretta’ dall’arbitro Liperini.

 

Silvia Stievano & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it