La “LETTERA DEI GENITORI” pro “Squadra Agonistica” a Occhiobello in ambito FIN ha prodotto ‘primo incontro’ tra Nuova Sportiva, Padovanuoto, Rovigonuoto e Comune…


09/09/2015

Adesso la Lettera dei Genitori ha ‘smosso’ il mondo del web e dei social, ma soprattutto gli “Attori”  e i “Convenuti” si sono incontrati nel ‘dibattimento’ che per il bene di tutti ha un solo ‘bene’ da salvaguardare. Cioè la salvaguardia della “Squadra Agonistica” agli ottimi livelli attualmente raggiunti in campo nazionale.
Tutto questo documentato dalla mail trasmessaci da Paolo Sasso Delegato FIN della Provincia di Rovigo, che fa riferimento al ‘primo passo’ e alla nuova proposta che Gianni Gross produrrà praticamente a stretto giro di posta.
Perché si arrivi presto ad una soluzione che non intralci la ripartenza della attività agonistica nella piscina di Occhiobello, anche in considerazione del fatto che da giugno 2015 la gestione del Centro Natatorio è passata in tutta legittimità alla Società
“Nuova Sportiva che ha segnalato una sua progettualità che la “Lettera dei Genitori” ritiene
Possa ridimensionare la potenzialità agonistica e gli ottimi risultati raggiunti grazie agli allenamenti e alla gestione organizzata con gli storici tecnici federali Massimiliano Negri e Christian Minisgallo.
Perciò vi proponiamo in sequenza kit le due Main News che pur essendo il problema ancora work in progress, DIMOSTRANO che lo SPORT ha sempre bisogno di una ‘interpretazione autentica che parti dal basso, vale a dire dai figli e dai loro genitori, oltre che dalle Federazioni di riferimento.
Con ‘proposte’ che arrivino anche in sedi istituzionali, come quella ‘rappresentata’ by Gianni Gross in nome e per conto del progetto Team Padova, e che avrà scuramente in Davide Diegoli, uomo di sport e assessore di Occhiobello, la giusta attenzione e sensibilità per favorire i giovani  e lo Sport che ha bisogno di allenamenti e risultati conseguenti, quindi di “Squadra Agonistica” come obiettivo di riferimento anche per i giovani e le famiglie, nel nome di una meritocrazia quanto mai necessaria anche per il …movimento di base non agonistico e pro wellness e salute.

PRIMA MAIN NEWS ( by Paolo sasso – FIN Rovigo, mail  7 settembre )/ LETTERA “PUBBLICA” DEI GENITORI  IN MERITO AL PROBLEMA DELLA “SQUADRA AGONISTICA” DA MANTENERE AGLI STESSI LIVELLI AD OCCHIOBELLO

<< Occhiobello 7 settembre 2015 /
 Alla c.a. Spett. NUOVA SPORTIVA s.s.d. a r.l.
Via G. Donizetti, 33/35
44124 Ferrara(FE)/
sportiva@sportiva.it
mirko.santoni@sportiva.it
isabella.trambaiolli@gmail.com

Spett. Padova Nuoto
Via Decorati al Valore Civile, 2
35142 Padova (PD)
info@columbusthermalpool.it
e.p.c
Spett. Assessore allo Sport di Occhiobello
P.zza G. Matteotti, 15
45030 Occhiobello (RO)
Davide Diegoli
davide.diegoli@comune.occhiobello.ro.it

<< Oggetto: Attività Agonistica 2015-2016 – Impianto Natatorio Comunale di Occhiobello
Inaugurata una decina di anni fa, il Centro Natatorio Comunale di Occhiobello è diventato nel tempo motivo di orgoglio e vanto per tutta la comunità ed un importante centro di aggregazione per bambini e famiglie del Comune di Occhiobello e non solo.
Al successo di tale struttura sportiva hanno contribuito tutti, l’Amministrazione Comunale, la Società di gestione, il Settore agonistico e gli utenti che hanno creduto nel progetto e lo hanno sostenuto nonostante le difficoltà e la crisi generale con la quale tutti noi ci confrontiamo quotidianamente.

Capiamo benissimo che avere un centro natatorio ad Occhiobello, oggi, è un lusso non facile da sostenere, ma visto quello che è stato fatto finora e considerati gli sforzi e sacrifici di tutti è necessario agire per cercare di dare continuità ad un così importante progetto.
Perdere la rotta oggi significa non avere un futuro domani. Nel breve termine, forse, i bilanci si potranno sistemare, ma quando la piscina sarà vuota si cominceranno a ridurre le pulizie, gli orari di vasca, il riscaldamento, si rimanderà la piccola manutenzione, ci si affiderà a tecnici sempre meno esperti e nel giro di qualche anno potremmo assistere al declino della struttura.
Non mancano certo esempi in tal senso.
Il successo di questo ambizioso progetto è stato anche determinato dall’ importanza che il settore agonistico ha assunto nel tempo tesserando ad oggi circa una ottantina di atleti di tutte le età impegnati nel circuito federale FIN Veneto.

Si evidenzia che alcuni di essi, seguiti da tecnici federali, hanno ottenuto notevoli affermazioni anche in campo nazionale.
Questa gestione della squadra agonistica ha creato un processo virtuoso di richiamo in vasca di famiglie e bambini, attirati dalla possibilità di poter sperimentare una disciplina sportiva ritenuta fino a poco tempo fa ad appannaggio solo delle grandi città; il tutto con un’ attenzione e qualità propria di una società che da anni opera nel settore.

 

Nel Giugno 2015 la gestione del Centro Natatorio è passata in tutta legittimità alla Società “Nuova Sportiva” che si pone come nostro nuovo interlocutore. La nuova società di gestione ha sicuramente esperienza ed affidabilità necessari per gestire al meglio il Centro natatorio di Occhiobello e su tale questione il tempo ci darà le risposte speriamo positive.
Purtroppo un primo passo falso è già stato commesso circa la gestione della “Squadra
Agonistica” che, come evidenziato sopra, risulta essere essenziale per la sopravvivenza del Centro Natatorio per l’importante indotto generato.
A seguito della riunione di venerdì 4 settembre 2015 presieduta da un responsabile della società “Nuova sportiva”, è con rammarico apparso evidente che il tema “Agonismo” non sia stato considerato con la dovuta attenzione evidenziando altresì una scarsa lungimiranza della dirigenza sulle conseguenze che il fallimento del suddetto progetto potrebbe avere in termini di business.
In tale sede non sono state infatti fornite indicazioni dettagliate su orari, tecnici, tipo di attività, tipologie di gare ecc… il tutto gestito con estrema superficialità.
La società sportiva “BiBLU”, che dovrebbe gestire la squadra di nuoto, potrebbe non essere in grado di garantire la continuità del progetto portato avanti dai nostri storici tecnici federali Massimiliano Negri e Christian Minisgallo e da noi sottoscritto.
Molti atleti e famiglie che hanno investito nel suddetto progetto si troverebbero inevitabilmente ad un bivio: continuare l’attività sportiva nella Piscina di Rovigo (ci permettiamo di evidenziare l’inevitabile disagio e comunque la perdita di atleti che per svariati motivi non hanno la possibilità di andare quotidianamente a Rovigo) oppure di accettare un inevitabile “ridimensionamento” della qualità della offerta agonistica e con pregiudizio ad una prospettiva di crescita tecnica.
Questa spaccatura tra chi potrebbe andare a Rovigo continuando l’attività con “Padova Nuoto” e chi, per esigenze contingenti, fosse costretto a rimanere ad Occhiobello con “BiBLU” andrebbe ad azzerare anni di costruzione di una squadra di nuoto che conta, ricordiamo, una ottantina di tesserati e ciò che è peggio rischierebbe di avere effetti estremamente negativi ed immediati sulla sostenibilità del progetto “Piscina di Occhiobello” in termini generali.
Una squadra di nuoto poco attraente e di piccole dimensioni che conta pochi tesserati
difficilmente è in grado di ottenere risultati di rilievo e nella logica del “ridimensionamento” si marginalizza fino a scomparire. La marginalizzazione della squadra di nuoto agonistica rischia di essere causa del fallimento del progetto “ Piscina di Occhiobello”.
Quanto argomentato dovrebbe essere motivo di attenta riflessione sia da parte della nuova società di gestione “Nuova Sportiva” sia da parte della “Padova Nuoto” con l’obbiettivo che le due società possano trovare un accordo che dia continuità al progetto agonistico nella Piscina di Occhiobello per come lo abbiamo conosciuto, apprezzato e sostenuto fino ad oggi con impegno, dedizione e sacrificio.
Certi di un vostro positivo riscontro si porgono cordiali saluti.
Firme: Le Fosse Anita ; Merli Marcello ; Romanin Luca >>



SECONDA NEWS ( by Paolo Sasso – Delegato  FIN , mail Rovigo 9/09/2015 )/ RESO CONTO SULL’INCONTRO  ODIERNO E PROSPETTIVE IN BASE ALLA ‘NUOVA PROPOSTA” CHE ANDRA’ A PRODURRE STEFANO BORTOLAMI DI ROVIGONUOTO
TENENDO CONTO DEL PROGETTO CON PADOVANUOTO E…
La vicenda del nuoto ad Occhiobello è ancora in piena evoluzione, c’è stato un nuovo incontro tra la nuova gestione della piscina del comune altopolesana e i genitori degli ottanta atleti delle squadre assoluti,  esordienti e propaganda presente anche il rappresentante di Padova Nuoto e Rovigonuoto Stefano Bortolami . I genitori degli atleti occhiobellesi hanno ribadito la volontà di rimanere nel progetto Team Padova e continuare ad essere nella Rovigonuoto partecipando all’attività della federazione nuoto veneta , il gruppo è estremamente unito e deciso a far valere le proprie giuste ragioni per continuare la crescita dello sport  del nuoto  che in undici anni di attività è arrivato ai massimi livelli nazionali .La riunione ha visto un dibattito acceso ma costruttivo e Stefano Bortolami è stato invitata a presentare una proposta per la continuazione del progetto nuoto Occhiobello con Rovigonuoto e Padovanuoto  e nell’arco di due o tre giorni tale proposta dovrebbe essere formalizzata al signor sindaco del comune altopolesano .La soluzione elaborata da Gianni Gross non dovrebbe discostarsi molto da  quella fatta nelle precedenti riunioni, la gestione della piscina di Occhiobello prevede che la società di gestione  conceda al proprietario  della piscina , cioè al comune di Occhiobello, un pacchetto di ore che lo stesso può gestire e destinare per i propri scopi se tra questi scopi c’è la squadra agonistica ecco trovata la soluzione con cui Padovanuoto e Rovigonuoto potrebbero continuare a gestire  la squadra agonistica di Occhiobello che continuerebbe a far parte del grande progetto Team Padova –Rovigonuoto e a far parte  del più ampio progetto Team Veneto che è la quinta società italiana di nuoto a livello assoluto rimanendo nell’eccellenza del nuoto veneto e italiano .Il sindaco di Occhiobello fra due o tre giorni riceverà la proposta di Padovanuoto e Rovigonuoto cui sta lavorando Gianni Gross e poi prenderà una decisione , decisione importante per  gli ottanta atleti della squadra che devono al più presto riprendere gli allenamenti perché la stagione agonistica 2015/2016 è alle porte e il nuoto richiede  allenamenti quotidiani.
L’interesse  per la soluzione del problema Occhiobello è testimoniato anche dai social , la pagina “salviamo il nuoto a Occhiobello” su facebook ha quasi raggiunto i 500 mi piace e la lettera inviata a Padovanuoto-Rovigonuoto ,Nuova sportiva e assessore allo sport di Occhiobello ha quasi raggiunto le 100 firme .La federazione provinciale in pieno accordo con la federazione regionale e Gianni Gross sta lavorando alla soluzione , crediamo che il signor Sindaco del comune di Occhiobello farà di tutto per trovare una soluzione che possa far rimanere il nuoto occhiobellese ai massimi livelli nazionali e  di poter  continuare a coltivare il sogno olimpico .Il lavoro svolto in questi anni ha dimostrato che il vivaio di Occhiobello è tra i migliori del panorama veneto e nazionale, numerosi i campioni regionali della squadra la cui punta è Ludovica Lugli campionessa  italiana a squadre in acque libere e medaglia di bronzo ai campionati giovanili di fondo, medaglia di bronzo  nei 400 metri stile libero  ai campionati estivi di Roma 2015, nazionale italiana giovanile di fondo e che fa parte della rappresentativa  veneta di fondo sia in acque libere che in piscina.
FIRMATO: Paolo Sasso - Presidente provinciale federazione nuoto >>

 

EXTRATIME by SS/ La cover è per il mix tecnico & baby nuotatori pro …Occhiobello.
Poi per quanto riguarda la fotogallery vi proponiamo in sequenza il Team categoria Occhiobello, il Team Esordienti A by Occhiobello, il Team Esordienti B by Occhiobello, infine il Team Propaganda 2013-14 by Rovigonuoto perché da lì sono partiti tanti ‘campioncini’ di oggi.

 

Paolo Sasso & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it