La Sc. Media di Polesella a “Scuola di Poesia” by Franco Callegaro. Col suo lirismo su Strage di Capaci, la Guerra e


29/05/2012  

Il ‘poeta’ Franco è di casa su questo sito. Ma sopra tutto oltre che ‘poeta’ dal curriculum prestigioso è un ‘signore’ che promuove la “poesia del ricordo e dei valori”. Una prova la sua mail testuale:” Caro Sergio, nella ricorrenza ventennale della strage di Capaci e di Via Amelio, dedico questa mia poesia ai due grandi magistrati morti per la causa della giustizia. Avrei piacere …che tu la pubblicassi sul tuo blog. Ciao, Franco” . Così , per la serie ‘cerchi nell’acqua, gli ho chiesto almeno un’altra ‘poesia’ oltre ad un aggiornamento su … Franco Callegaro poeta e tennista adriese ‘quasi’ altrettanto artista. Eccovi la sua ‘signorile mail di risposta in merito:<< Caro Sergio, grazie per la consueta gentilezza e disponibilità nei miei confronti. Si, sono andato a Cervia. Era un torneo internazionale e, quindi, per me molto impegnativo.
In singolare ho perso subito, ma, in doppio misto, ho passato due turni e sono uscito al terzo turno.
Giovedì prossimo, alle ore 9,00, andrò alla Scuola Media di Polesella ( Prof. Lucia Poletti ) per recitare qualche mia poesia e per collaborare ad una esercitazione scolastica, sempre in tema.
Recentemente ho letto le mie poesie al Centro Giovanile della Cattedrale di Adria, con buona soddisfazione.
M'è capitato anche di leggerle, recentemente, davanti al Vescovo e col Teatro Ferrini pieno di gente. Anche quella è stata una bella soddisfazione.
Accolgo il tuo gentile invito di mandarti qualche mia poesia che sia idonea a commentare, o a far riflettere, su qualche fatto di cui si parli.
Ecco, quella allegata, fa riferimento al terremoto ed alle guerre. Ti saluto con amicizia. Franco>>.

A questo punto mi sono permesso di contattare la insegnante Lucia Poletti e le ho chiesto d trasmettermi un commento/considerazione sulla ‘presenza’ del poeta Franco Callegaro tra gli studenti della Scuola Media ‘Nino Serafini’ d Polesella.
A questo punto , la coppia di insegnati Alessia Vendemiati e Lucia Poletti hanno perfezionato il tutto  spedendoci (in attesa di eventuali foto)  la seguente ‘panoramica’ titolata significativamente “A SCUOLA DI POESIA”…

<< Giovedì 24 maggio, nell’Aula Magna della Scuola Media “Nino Serafini” a Polesella, si è tenuto un incontro tra i ragazzi delle due classi terze con il poeta Callegaro Franco di Adria, accolto dalla Dirigente Scolastica dottoressa Marilena Moscardin.
Già da diversi anni, “Franco”, come lo chiamano i ragazzi, è stato presente nella scuola secondaria di I° grado di Crespino, come figura di riferimento e di guida, nel campo della poesia e oggi, con il suo intervento a Polesella, inizia una nuova collaborazione.
Vincitore di molti premi letterari, è un cultore del mondo classico e nelle sue poesie, tratta principalmente, i grandi temi dell’esistenza umana.
Il poeta si è presentato e ci ha letto alcune poesie tratte dalle sue raccolte, poi ci sono stati uno scambio di opinioni e una serie di domande dei ragazzi su come “Franco” è riuscito a diventare poeta, dove trova l’ispirazione, come struttura il suo lavoro e chi lo consiglia nella sua attività.
Nella seconda parte della mattinata, si sono messi all’opera i ragazzi che in gruppetti, guidati dal poeta, dalle insegnanti organizzatrici Poletti e Vendemiati e dai colleghi Gnani e Laschi, hanno composto poesie, traendo spunto da quelle ascoltate in precedenza e dal proprio bagaglio personale.
Al termine, sono stati letti e giudicati i lavori dal poeta che ha decretato i primi tre classificati: primo Pavanello Nicola, secondo Elia Ravasini e terze Annalisa Trallo e Viola Xhaferaj, “a fatica”, poiché tutti i componimenti risultavano ben articolati e molto belli.
Al termine dell’incontro, il poeta ha letto altre poesie e ci ha augurato di scrivere sempre ciò che proviene dal nostro cuore, per scoprire e conoscere meglio noi stessi.
È stata un’opportunità veramente stimolante che ci ha permesso di apprezzare la poesia e ci ha fornito gli strumenti per “scovare” il poeta nascosto in ognuno di noi!
Un appuntamento da ripetere il prossimo anno, con gli alunni delle altre classi  e un vivo ringraziamento al nostro poeta.>>
Per quanto riguarda questo sito www.polesinesport.it  …non ci resta che proporvi in sequenza le due poesie trasmetterci dall’amico poeta Franco, proprio perché il suo lirismo è quanto mai attuale , sia per il suo invito a non dimenticare la “Strage di Capaci” e sia per il suo ‘lamento/urlo’ nella seconda poesia perché  “ farci del male è davvero insensato…ma non l’abbiamo ancora capito!”.

PRIMA POESIA/  "ANIME SENZA CONFINI"

Avevi un sogno, vero, magistrato?
La convivenza libera e civile,
credevi nella legge e nello stato,
ma è bastato il colpo d’un fucile.

T’avevano intestato una piazzetta,
poi che perduta avevi la tua vita,
se l’erano cavata un po’ di fretta,
con quella targa piccola e sbiadita.

Non so dove tu sia in questo momento,
se stai nel cielo chiaro degli eletti,
ma io vorrei tu avessi un monumento,
che fosse spina e monito agli inetti.

Davanti a te mi chiedo, magistrato,
se so davvero fare la mia parte,
se merito quel sangue che hai versato,
se gioco onestamente le mie carte…

perché sono i giganti come te,
che fanno ed hanno fatto la nazione,
non sono i parassiti od i lacché,
o chi vende parole a profusione.

Tu sei salito sulle alte cime
ed hai veduto oltre l’orizzonte,
tu avevi un’anima senza confine
e, al male, mai abbassavi la tua fronte.

Onore a te, onesto magistrato,
e che tu, in pace, possa riposare,
per me tu sei quel fiore sopra il prato…
che mai non smetterà di profumare.


APPENDICE NEWS ( by www.ilpopoloveneto.it ) NOTE BREVI SU GIOVANNI FALCONE / GIORNATA DEL RICORDO / DOMENICA 23 MAGGIO 2012/

Giovanni Falcone (Palermo, 18 maggio 1939 - Palermo, 23 maggio 1992). Magistrato ucciso dalla mafia. Nella strage di Capaci persero la vita anche: Francesca Morvillo (moglie del giudice Falcone) e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.


“Si può benissimo avere una mentalità mafiosa senza essere un criminale”. Giovanni Falcone

“Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana”. J. F. Kennedy (citazione che Giovanni Falcone amava spesso ripetere)

“A questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali, continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”. Giovanni Falcone

“Non è retorico né provocatorio chiedersi quanti altri coraggiosi imprenditori e uomini delle istituzioni dovranno essere uccisi perché i problemi della criminalità organizzata siano finalmente affrontati in modo degno in un paese civile”. Giovanni Falcone

“Il coraggioso muore una volta, il codardo cento volte al giorno”. Giovanni Falcone


“Hanno chiuso cinque bocche, ma ne hanno aperte cinquanta milioni”. Maria Falcone >>

SECONDA POESIA/ "FRA NOI, ASSIEME"

<< Eco di spari… e di sorda mitraglia,
tuoni diversi, nel cielo turbato,
non è saetta se il fuoco divampa,
né terremoto, se il suolo ha tremato.
Mi sono chiesto se mai ci pensiamo,
che tutto il male che porta la guerra,
aggrava il peso di tanti dolori
che, ogni uomo, ha qui sulla terra.
Siamo creature dai mille talenti,
ci son tesori su questo pianeta,
ma terremoti, cicloni, tempeste,
ci fan vedere che ha l’anima inquieta.
Anche se un giorno ci fosse l’amore
e la concordia su tutta la terra,
se la violenza sparisse per sempre
e non ci fosse più traccia di guerra…
ci resterebbe comunque quel giogo,
ch’ è la violenza che ha la natura,
quando scatena, con forza inaudita,
tutta la rabbia che il tempo matura.
Ne abbiamo tanti di lutti e dolori
in questo viaggio ch’è presto finito,
farci del male è davvero insensato…
ma non l’abbiamo ancora capito!>>



APPENDICE/  CURRICULUM DI FRANCO CALLEGARO (NATO AD ADRIA IL 19/10/1942)

<< Dicembre 2004 – Primo premio al Concorso nazionale
“ Ermete Marangoni ” di Taglio di Po (Ro) con la poesia: IL DELTA DEL PO;
Giugno 2005 – Terzo premio al Concorso nazionale di poesia “ L’irraggiungibile altrove “ di Trieste con la poesia: FRA NOI, ASSIEME;
Ottobre 2005 – Secondo premio nel Concorso Internazionale di Poesia “ Ripa Grande “ di Roma  con la poesia: SAN FRANCESCO;
Ottobre 2005 –Premio speciale nel Concorso Nazionale di Poesia di Costa di Rovigo con la poesia: LA DISCOTECA;
Lendinara(Ro) con una silloge di 15 poesie;
Febbraio 2006 – Primo premio ex equo nel Concorso Nazionale di poesia “ TOTUS TUUS “ di Patti ( Messina ) nella Sezione: Poesia di ispirazione religiosa con la poesia: IL GABBIANO KAROL;
Marzo 2006 – Premio speciale della Giuria del Premio Daniela Cairoli di Rovello Porro ( Como ) con la poesia: MISERIA ;
Marzo 2006 – Premio speciale: “ Il Convivio “ nel Premio Internazionale di poesia:  S.Maria della Luce di Mattinata (FG)
Con la poesia : L’URLO DEL CUORE ;
Aprile 2006 – Secondo premio al Concorso Nazionale di
Poesia :  “ Una poesia per il Papa “ – S.Margherita Ligure – con la poesia : MUCHO MAS ;
Maggio 2006 – Terzo premio ex equo al Concorso nazionale di Poesia “ Andrea da Pontedera “ – Pontedera ( Pisa ) - con la mini silloge a tema misto ;
Maggio 2006 – Terzo premio al Concorso Nazionale di Poesia
“ S. Leonardo Murialdo “ di Roma con la poesia : LA NUOVA FRONTIERA ;
Maggio 2006 – Primo premio al Concorso Nazionale di Poesia
“ Ottavio Nipoti “ di Ferrera Erbognone ( PV ) con la poesia : IL BAMBINO SOLDATO ;
Agosto 2006 – I classificato al Concorso “ Poesia in Tassina “ di Rovigo, con la poesia : LO SCALATORE;
Ottobre 2006 – Secondo premio al Concorso Letterario Internazionale “ Giovanni Gronchi “ di Pontedera ( Pisa )
per una silloge nella Sezione: Opere di alto contenuto sociale ed umano;
Luglio 2007- Secondo premio al Concorso nazionale   “Fanfulla da Lodi “ con la poesia: TURISMO PERVERSO;
Settembre 2007 – Secondo premio al Concorso Nazionale
“ Luigi di Liegro “ – ROMA- con la poesia: SAN FRANCESCO;
Marzo 2008 – Premio speciale della Giuria nel concorso internazionale di poesia di Arona con la poesia: L’extraterrestre;
Maggio 2008 – Menzione d’onore nel Concorso Nazionale
“ Racconta  il tuo sport “ di Roma con la poesia: Il tennis è come la vita;
Giugno 2010 – Premio speciale nel Concorso del CONI di Roma con la poesia: l’Olimpiade;
Febbraio 2011- III premio nel concorso Nazionale “ Ketty Daneo “ di Trieste con la poesia: La cava di zolfo;
Settembre 2011 – Primo premio nel Concorso” Massa, città fiabesca “ sul tema: I 150 anni dell’unità d’Italia, con la poesia: Per voi, fratelli;
Ottobre 2011- Finalista ( primi cinque ) nel Concorso di Massa con la poesia San Francesco;>>

 

EXTRATIME by SS/ La cover è realativa ad un’altra performance ‘prodotta’ dal poeta Franco Callegaro nella Scuola di Crespino ( eccolo tra le insegnati Lucia Poletti e la sua omonima Callegaro, altrettanto adriese come lui) .
Aggiungo solo che sempre nella Scuola Media di Crespino ho assistito allo straordinario ricordo 'familiare’ da parte della straordinaria moglie del magistrato Borsellino (di cui vi darò conto prossimamente in altra rubrica, perché si collega ‘direttamente’ alla citata strage di Capaci).
Per quanto riguarda la fotogallery partiamo onorando  anche il “Franco artista/tennista” (eccolo premiato assieme al tennista Andreotti by maestro Nicola Martinolli). Quindi con riferimento alla Scuola di Polesella , ecco il relativo …Palazzo del Municipio, e con riferimento alla poesia sulla Strage di Capaci proponiamo in chiusura la foto di Giovanni Falcone, il magistrato che – l’ha ricordato Franco nel suo incipit poetico – “aveva un sogno”.


Alessia Vendemiati, Lucia Poletti, Sergio Sottovia
www.polesinesport.it