La Sips “Pro Segugio - L. Zacchetti” a Badia ha premiato Giancarlo Stievano, Nicolino Banzato e il campione reg. Fabrizio Zanirato/ Guest star Paolo Agostini, Luppi, Fogapaleo e ‘cinghialai’ di Bologna Osteria Grande


E’ stata una cena sociale di ‘respiro nazionale’ quella che si è svolta a Badia, organizzata dalla Pro Segugio polesana, al ristorante Le Magnolie dove tra l’altro il titolare Giancarlo Stievano è un segugista pluridecorato. Basta guardare le presenze interregionali e il fatto che sia stata consegnata una targa speciale ai ginghialai di Bologna Osteria Grande guidati da Claudio Nanetti.
Ma per sapere tutto quanto è successo tra Segugio & Dintorni, col cane e il suo ‘canettiere’ protagonisti anche a livello di cultura sportiva da promuovere durante tutto l’anno, basta leggere il reportage by Franco Rizzi che vi proponiamo tout court.

Che poi questa rubrica chiamata Tommy abbia un cagnolino come 'fedele compagno di viaggio' nel nome della verità, beh questo l'abbiamo spiegato nel primo articolo d'apertura.

MAIN NEWS ( di Fracno Rizzi , mail 07.06.2015)/ BADIA P.-CENA SOCIALE DELLA PRO SEGUGIO POLESANA, SEZIONE DI RESPIRO NAZIONALE
La Società Italiana Pro Segugio, o Sips L. Zacchetti, società specializzata dell’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana, può contare su prestigiosi trascorsi sin dalla nascita nel 1920  (rifondazione nel 1954) ad opera di Luigi Zacchetti.
Da sempre la Pro Segugio è impegnata in seminari, convegni ma specie in prove pratiche di lavoro onde diffondere questa cultura sportiva. Il segugio è un cane specialista per natura orientato ad assecondare la volontà del canettiere senza perdere la propria peculiarità di cane sagace rotto a tutte le fatiche.


Proprio per queste qualità, esaltate da prove di lavoro da febbraio a settembre (quando è chiusa la stagione venatoria), vere e proprie gare a fini benefici in cui si esaltano i valori sportivi, ma specialmente in inverno sul prelievo nembrottiano, il segugio e la sua caccia (solo l’orecchiona), trionfano! Ma  questa è praticata secondi i crismi che le sono propri ed inconfondibili, non dando e non potendo dare fastidio a nessuno. L’avifauna e mammiferi diversi dalla lepre non sono cacciati, sia nelle prove di lavoro che durante il periodo venatorio. A tal proposito il decalogo Sips è rigido.

La Sips polesana, presieduta da Fabrizio Zanirato, è una delle più importanti sezioni italiane vantando oltre 200 aderenti impegnati ognitempo in svariate attività.
Sabato 6 giugno presso il badiese e suggestivo ristorante Le Magnolie (il titolare Giancarlo Stievano è un segugista pluridecorato) oltre 250 persone hanno partecipato alla cena sociale annuale, l’ennesima conferma della vitalità del gruppo rodigino.
Si è partiti dall’aperitivo della Casa  per proseguire tramite l’antipasto a base di prosciutto crudo di Montagnana con misticanza e mousse di formaggi di malga.
Un bis di primi (risotto mantecato  con punte d’asparagi e gamberetti; garganelli alla crema di formaggi e speck) per arrivare alla tagliata di manzo all’aceto balsamico con rucoletta (contorni: patatine rustiche, zucchine trifolate, peperoni alla griglia) e finire con dolce e spumante recioto, oltre al caffè; rinomati i vini serviti (Gambellara classico Monte Comon, cabernet Campo d’Autunno).

Abile regista della riuscita serata conclusasi con le premiazioni sociali e una ricca lotteria benefica il presidente polesano Fabrizio Zanirato. Varie le autorità Pro Segugio intervenute: i presidenti provinciali Giancarlo Luppi (Ferrara), Adolfo Fogapaleo (Padova) e Paolo Agostini (Venezia).
Paolo Agostini in qualità di presidente regionale ha fatto un breve e applaudito intervento in cui ha esaltato la passione e perizia degli amici segugisti da Melara a Porto Tolle.
I premiati: Giancarlo Stievano, Nicolino Banzato e il campione regionale Fabrizio Zanirato. Una targa è stata consegnata ai ginghialai di Bologna Osteria Grande guidati da Claudio Nanetti.
La Pro Segugio polesana invita tutti alle due prossime prove di lavoro di luglio: domenica 12 a Fasana (Adria) e sabato 25 a Castelnovo Bariano.

EXTRATIME by Sergio Sottovia/ La cover è per il dolce ‘Segugio”., amico dell’uomo e ancor più del suo ‘canettiere’ in promotion cultural-sportiva
Quindi a seguire vi proponiamo tutta la fotogallery trasmessaci by.F.R, segugio lui stesso come cronista storico oltre che professore all’Einaudi di Badia.
Giusto per onorare tanti nomi ‘targati, noti e sopracitati nel reportage, dal presidente microfonato e campione regionale Fabrizio Zanirato a Giancarlo Stievano, da Nicolino Banzato a Claudio Nanetti che ha ritirato la targa ai ‘ginghialai’ di Bologna Osteria Grande.

Franco Rizzi & Sergio Sottovia   
www.polesinesport.it