Maestri del Lavoro a Rovigo by 'Console' Vallese onorano in Provincia gli ‘insigniti’ Donegà, Rondina, Slaviero + ‘benemerenza’ a Beretta/ Come già Tognon, Scarpante, Marangon in Municipio a Porto Tolle


Ci sono delle news che vanno proposte come somma geometrica per rendere onora ad una mission che viaggia tra Memoria & Futuro, come sta facendo da anni la Federazione dei Maestri del Lavoro, a Rovigo e in Polesine.

Come già abbiamo raccontato per quanto ‘fatto’ da anni, dal Consolato di Rovigo, andando nelle scuole per incontrare gli studenti. E così adesso , dopo aver raccontato tanti eventi promossi dai vari “Consoli” che onoriamo anche in fotogallery, adesso vi raccontiamo la parte più istituzionale dell’annata scorsa 2023, quella dei Maestri del Lavoro sotto la gestione del “Console” Erminio Vallese in staff col suo Consiglio Direttivo.

Anche perché , sommando il passaggio dei Maestri del Lavoro a Porto Tolle ( cicerone Luigino Zanetti , a novembre sia in Municipio che nel Delta Po)  al passaggio altrettanto istituzionale a Palazzo Celio , sede della Provincia di Rovigo, rendiamo onore sia ai nuovi Maestri del Lavoro ‘insigniti’ nel 2023 che alle ‘benemerenze’  significativamente conferite dalla stessa Associazione.

A chi? Ad alcuni Personaggi ‘meritevoli’ sia a Porto Tolle in sinergia con l’indicazione del sindaco Roberto Pizzoli e con la significativa presenza di Enrico Ferrarese presidente della Provincia di Rovigo.

A questo punto , rimandandovi in calce al nostro tradizionale Extratime, per ulteriori nostri comenti agganciati anche alle immagini della fotogallery, vi proponiamo le due news , in sequenza cronologica dalle due sopracitate location, anche perché sinergia istituzionale e sociale ( vedi anche le ‘benemerenze ‘assegnate in loco) , ma soprattutto on the road... viaggiando tra la gente per spirito di servizio e nient’affatto auto-celebrativo.

 

 

 

PRIMA NEWS – A PORTOTOLLE  ( di Erminio Vallese , Municipio Porto Tolle, 25.11.2023)/ DISCORSO DEL “CONSOLE” ERMINIO VALLESE DURANTE LA FESTA ANNUALE DEI MAESTRI DEL LAVORO POLESANI IN MUNICIPIO A PORTO TOLLE/ 

Visita di cortesia al Sig. Sindaco  e Cerimonia di consegna degli Attestati di Riconoscenza a cittadini meritevoli del Comune di Porto Tolle- Municipio di Porto Tolle 25/11/2023 ore 10,30

EGREGIO SIGNOR SINDACO, porgo il saluto dei Maestri del Lavoro polesani e La ringrazio per aver accolto la nostra richiesta per questa visita di cortesia e per la cerimonia che seguirà, nell’ambito della nostra Festa annuale. Saluto le autorità cittadine, tutte le Maestre ed i Maestri del Lavoro ed i loro familiari che sono arrivati sin qui da varie parti del Polesine, la signora Tognon Isabella, i signori Scarpante Luciano e Marangon Franco che riceveranno l’ATTESTATO DI RICONOSCENZA da parte del nostro Consolato su proposta del Sindaco e tutti gli intervenuti a questo incontro di amicizia.

 

 

 

 I Maestri del Lavoro sono donne e uomini che hanno ricevuto la decorazione della  Stella al Merito del Lavoro, un’onorificenza concessa dallo Stato ai lavoratori dipendenti che, come attestato dall’azienda di provenienza, si siano distinti per “laboriosità, perizia, buona  condotta morale”, questo è scritto nella legge n. 143 del  5 febbraio 1992. Tale legge è intervenuta per adeguare ai tempi una Istituzione sorta già il 30 dicembre 1923 con il Regio decreto 3167 del Re Vittorio Emanuele III, quindi quest’anno tra circa un mese la “Stella”  avrà compiuto 100 anni. Per festeggiare in modo solenne questo anniversario il Presidente della Repubblica Mattarella ha voluto una Festa dedicata esclusivamente ai Maestri del Lavoro, che si terrà al Quirinale il 5 dicembre prossimo ed in contemporanea in varie sedi regionali, per noi Venezia, per la consegna delle decorazioni e dei brevetti alle nuove Maestre e nuovi Maestri del 2023. 

 

 

 

Ecco così introdotto il motivo del nostro essere qui questa mattina nel palazzo municipale di Porto Tolle, come facciamo ogni anno peregrinando dall’Alto al Centro al Basso Polesine, per omaggiare l’Istituzione Comunale che ci accoglie e far sentire tutto il sostegno morale e la vicinanza dell’Istituzione Magistrale. A tal proposito, sapendo quanto il Comune di Porto Tolle sia impegnato su questo tema,  vorrei esprimere la solidarietà dei Maestri del Lavoro polesani ai lavoratori del settore della pesca di questo territorio, così gravemente colpito dall’impatto dell’azione del granchio blu, che sta creando enormi problemi economici al comparto. 

 

 

 

Parlavo prima del Centenario della Stella al Merito del Lavoro e vorrei sottolineare un aspetto importante della storia della nostra Istituzione: laddove fino a qualche decennio fa l’essere insigniti della Stella aveva un significato di testimonianza personale di una vita lavorativa vissuta in modo esemplare,  dal 2000 in poi la testimonianza è divenuta comunitaria, si è allargata ad un impegno civile rilevante, c’è stato un salto di qualità nella consapevolezza di essere portatori di valori importanti che non possono essere tenuti nascosti. Trovo in questo pensiero la ragione per riflettere sul significato profondo dell’essere Maestri del Lavoro, che per noi va oltre le motivazioni di legge espresse sopra e concerne le parole Responsabilità, Impegno e Passione.

 

 

 

Queste parole sono tradotte nell’attività che viene svolta negli Istituti scolastici da oltre 20 anni in Italia e da 15 anni nella nostra provincia dai Maestri del Lavoro, attraverso la Testimonianza formativa nelle Scuole. Tale Testimonianza volontaria si fonda sull’esperienza lavorativa dei nostri Maestri e riguarda la cura e la crescita tecnico-professionale dei giovani per facilitarli nell’inserimento nel mondo del lavoro.

Si esplica inoltre attraverso incontri volti ad informare gli studenti su tematiche che riguardano la Legalità e convivenza civile, la sicurezza sui luoghi di lavoro, la lotta alla discriminazione sul lavoro e alla violenza contro le donne, la cura della Salute, l’educazione stradale, l’uso degli strumenti digitali e altre ancora. 

 

 

Si tratta del progetto “Scuola Lavoro Sicurezza” che nella nostra provincia  ha coinvolto circa 16.000 studenti dal suo inizio nel 2008 e circa 1.000 studenti quest’anno, negli Istituti tecnici e professionali compreso il “Colombo” di Porto Tolle. Una bella definizione di questa attività è che i Maestri del Lavoro sono “artisti del dono” , perché volontariamente senza chiedere nulla in cambio donano il loro sapere ai giovani, cercando con questo di fare la loro parte per contribuire al miglioramento della società del futuro. 

 

 

 

La cerimonia che faremo tra poco si inserisce perfettamente nel percorso di Testimonianza appena descritto perché va a sottolineare l’impegno, la passione civile, la responsabilità di cittadini portotollesi che, nei diversi campi della cultura, del sociale, della solidarietà si sono messi al servizio della città gratuitamente e volontariamente, e con giusta ragione vengono additati ad esempio alle nuove generazioni.  Rivolgo a loro il nostro compiacimento e la nostra Riconoscenza, una bella parola per dire Grazie per quello che fate e farete ancora , ci sentiamo vicini a voi nel comune impegno per una società più giusta, più umana. 

Grazie

( Console provinciale / MdL Erminio Vallese ) 

 

 

 

SECONDA MAIN NEWS ( C.S. Comune di Porto Tolle, 27.11.2024)/ LA CRONACA DEL COMUNE DI PORTO TOLLE  SULLA FESTA ANNUALE DEI MAESTRI DEL LAVORO POLESANI CON “PREMIAZIONI” DI 3 PORTOTOLLESI MERITEVOLI

Sabato 25 novembre, in occasione della Festa Annuale dei Maestri del Lavoro, il Consolato provinciale di Rovigo della Federazione Nazionale dei Maestri del Lavoro, in sinergia con ROBERTO PIZZOLI, sindaco del COMUNE DI PORTO TOLLE, ha premiato tre cittadini portotollesi con un ATTESTATO DI BENEMERENZA per essersi distinti in ambito lavorativo, culturale e sociale. Il console provinciale Erminio Vallese ha salutato i presenti richiamando i valori fondanti dei Maestri che ritornano peraltro nelle motivazioni del premio: "Coloro che ricevono la decorazione al merito del lavoro sono donne e uomini che si sono distinti per competenza, capacità, impegno e responsabilità, traducendo il lavoro in esperienza di vita piena di relazioni capaci di arricchire la persona e la società". 

 

 

 

Il console, dopo aver espresso solidarietà ai lavoratori del comparto ittico per la grave emergenza in atto, ha sottolineato l’imminente centenario della Stella, e il fatto che dal 2000 in poi la testimonianza si è allargata anche all’ambito civile, per chi si fa portatore di valori civili importanti. "Responsabilità, impegno e passione sono parole tradotte nella testimonianza dei maestri presso gli istituti scolastici attraverso il progetto Scuola Lavoro Sicurezza, che ha coinvolto 16mila studenti dal 2008, tra cui anche l'Istituto Colombo di Porto Tolle".

Come ben espresso dal Console le premiazioni conferite a Carletto Franco Marangon, Isabella Tognon e Luciano Scarpante sono motivate dalla loro opera volontaria al servizio della società: "a loro va il compiacimento e la riconoscenza per aver operato a Porto Tolle in ambito sociale e culturale, per una società più giusta è più umana".

 

 

 

FRANCO MARANGON, da 13 anni presidente di “LUCE SUL MARE ONLUS”, ha contribuito a rendere “UUN PONTE PER...”  una delle più importanti sedi di aggregazione associative della Provincia , che accoglie ogni giorno 20 persone con disabilità provenienti da 6 comuni diversi. Franco ha voluto specificare come questo suo premio valga anche per tutti i volontari che da 17 anni collaborano con lui a sostegno delle persone con disabilità..

 

 

 

ISABELLA TOGNON, pioniera nel territorio di Porto Tolle, e non solo, riguardo progetti di intervento nella sfera delle tossicodipendenze. Nel 2006 fonda a Porto Tolle, in una ex scuola elementare, l'unica comunità terapeutica di fascia A, accreditata della Provincia e dal 2011 attraverso l'associazione Solidarietà dà vita all'EMPORIO DELLA SOLIDARIETA’, all'interno dello stabile di una farmacia dismessa a Ca Venier, che oggi vanta essere l'unico emporio solidale della Provincia. Isabella ha sottolineato come queste sue opere non siano nate per caso, e di come le amministrazioni succedutesi negli anni si siano sempre fidate dei volontari e di come la comunità portotollese si sia sempre dimostrata generosa e solidale.

 

 

 

LUCIANO SCARPANTE , Professore, artista, laureato in scienze biologiche, ha il merito di aver portato, con il gruppo ARTE SENTIMENTALE, la sua arte raffigurante il bassopolesine in mostra in tutta Italia e all’estero. Alla sua COLLABORAZIONE CON DAMIANO LAURENTI si deve la produzione di OPERE LETTERARIE che valorizzano il territorio di Porto Tolle. Luciano ha colto l'occasione per ringraziare di cuore la moglie, tutte le amministrazioni comunali che l'hanno sostenuto e il compagno di pubblicazioni da ormai vent'anni Damiano Laurenti. 

Il Sindaco Roberto Pizzoli si è congratulato con gli insigniti a nome di tutta la comunità, ringraziandoli per il prezioso contributo umano dato a Porto Tolle in questi anni di impegno sociale e culturale.

 

 

 

TERZA MAIN NEWS ( Discorso di Erminio Vallese , a Palazzo Celio- Rovigo 23.01.2024)/ DISCORSO DEL ‘CONSOLE’ ERMINIO VALLESE/ CERIMONIA DI CONSEGNA DEGLI ATTESTATI DI RICONOSCENZA AI NUOVI MAESTRI DEL LAVORO POLESANI ANNO 2023 DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE 

( Rovigo 23 gennaio 2024 – ore 10,30 ) 

CONSEGNA DELL’ATTESTATO DI RICONOSCEMZA AL SIG. BERETTA GIUSEPPE – RESPONSABILE DEL BANCO ALIMENTARE DI ROVIGO

Buongiorno a tutti, saluto e ringrazio il Presidente Ferrarese, i componenti del Consiglio Provinciale dei Maestri del Lavoro di Rovigo, i Consoli emeriti, i Maestri del Lavoro qui presenti e rivolgo di cuore un saluto di benvenuto ai nuovi Maestri del Lavoro polesani per il 2023: Donegà Claudio, Rondina Flavio e Slaviero Claudio insigniti a Venezia il 12 dicembre scorso. Benvenuto nella famiglia dei Maestri del Lavoro!

 

 

 

Mi rivolgo a Voi nuovi maestri , per ricordare brevemente alcuni tratti della figura del Maestro del lavoro, poi vi consegneremo un libretto nel quale viene raccontata la storia della decorazione della Stella al Merito del Lavoro che avete ricevuto, che come sapete ha compiuto 100 anni lo scorso 30 dicembre. Nella legge istitutiva della Stella si legge che essa viene conferita ai lavoratori dipendenti che si sono distinti a giudizio dell’azienda di appartenenza per perizia, laboriosità, buona condotta morale. A fianco di questi cardini della vita lavorativa stanno alcuni valori che completano al figura esemplare del Maestro che son o la capacità, la competenza, la responsabilità, l’impegno , la lealtà.

Pur con tutti i limiti della nostra natura umana, queste qualità vengono riconosciute in alcune persone e non in altre, c’è un di più in sostanza che si esprime nel lavoro anche in quello ripetitivo che queste persone hanno svolto per tanti anni.

 

 

 

Ecco, mi piace pensare che il Maestro del lavoro è colui che ci ha “messo l’anima” , come si dice con una bella espressione, per indicare la persona che dà tutto e mentre dona quello che ha, riceve a sua volta in esperienza e stimolo a migliorare. Allora amici che ne vogliamo fare di questa bella decorazione che portiamo al petto?

E’ solo un oggetto da incorniciare, appendere orgogliosi in salotto? Noi che siamo qui pensiamo che sarebbe un peccato che la nostra esperienza rimanesse solo un bel ricordo della nostra vita , per questo sa settanta anni è nata la Federazione nazionale, per mantenere visibile e sempre attuale il messaggio della Stella attraverso un’attività rivolta ai soci che si esprime nella cultura, nella ricreazione, nei viaggi ma soprattutto nella società al servizio delle giovani leve del nuovo mondo del lavoro. In particolare il Consolato provinciale di Rovigo ogni anno organizza il Progetto “Scuola Lavoro Sicurezza” giunto alla 16^ edizione.

 

 

 

Peraltro rivolto agli studenti degli istituti tecnici e professionali della provincia, con incontri di formazione e informazione riguardo alle più ampie tematiche del mondo del lavoro e della sicurezza nei luoghi lavorativi, della legalità e convivenza civile, della discriminazione e violenza di genere, della salute e stili di vita sani, educazione stradale e ambientale e altri ancora, che sono tenuti dai nostri Maestri e da personale esperto delle istituzioni civili e militari. Fare questo per noi significa impegno e responsabilità nei confronti di coloro che saranno i lavoratori del futuro, aiutandoli nella crescita professionale ma soprattutto trasferendo loro quei valori cui ho accennato sopra perché ne possano fare tesoro da spendere nella loro vita. 

 

 

 

Questo per noi significa la Stella , e proponiamo a voi di sostenere questo cammino da fare insieme , con quello che potete fare anche solo con il sostegno morale, con la condivisione di un pensiero di volontariato gratuito, generoso e attento ai bisogno dei giovani.

A proposito di puro volontariato questa mattina avremo il piacere di premiare con l’attestato di Riconoscenza anche il sig. Beretta Giuseppe responsabile del Banco alimentare di Rovigo per l’opera che da decenni svolge al servizio delle famiglie più povere del territorio, poi ci verrà raccontata la storia di questa associazione di volontariato. 

Tale riconoscimento, istituito dai Maestri del Lavoro di Rovigo, si inserisce bene nella cerimonia di oggi perché coloro che svolgono questo tipo di attività, per noi sono Maestri di vita, portatori di grandi valori come la Solidarietà verso i più poveri e indigenti, persone che hanno un cuore grande ed un grande esempio per tutti.

Grazie.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

 

 

 

BREVE INTRODUZIONE DEI NUOVI MAESTRI DEL LAVORO , LORO CURRICULUIM LAVORATIVO: 

DONEGA’ CLAUDIO/ E’ stato assunto alla Infur For Srl di Rovigo il 22 novembre del 1971. Ha lavorato nella stessa azienda per 51 anni. Negli ultimi 20 anni è stato responsabile ingegneria di processo.

RONDINA CLAUDIO / ha iniziato a lavorare nel 1976 come elettricista dopo essersi diplomato all’Ipsia di Rovigo, è stato poi assunto alla Infur For srl di Rovigo nel 1978, nella quale ha lavorato 41 anni. Ha fatto pare del reparto manutenzione, prima come operaio, poi come capo squadra, responsabile del reparto manutenzione elettrica, infine dal 1994 come responsabile della manutenzione dello stabilimento.

SLAVIERO CLAUDIO/ Ha iniziato a lavorare all’Amtur, azienda del trasporto pubblico di Rovigo, nel 1983. Assunto l’anno dopo a tempo indeterminato è ora dipendente di Busitalia con sede a Padova, pertanto è arrivato a 40 anni di servizio nei trasporti. Per 5 anni ha fatto l’autista , per 23 anni è stato impiegato all’ufficio movimento per la gestione del servizio a Rovigo, prima come Capo movimento, poi come responsabile dell’ufficio. Dal 2012 è Quadro aziendale responsabile della programmazione del servizio nelle provincie di Padova e Rovigo.

 

 

 

EXTRATIME by SS/ In cover Erminio Vallese ‘Console’ dei Maestri del Lavoro di Rovigo, certificato dal relativo labaro, a far da sfondo come in apertura di fotogallery durante la cerimonia svoltasi a Palazzo Celio , sede della Provincia di Rovigo

Quindi nella prima parte della fotogallery tutta una serie di immagini relative alla Festa dei Maestri del Lavoro in tour a Porto Tolle, partendo dal relativo “Programma” e poi da frate Roberto ( della Comunità di Villaregia) mentre celebra la Santa Messa e nel flash che ho scattato insieme ai Maestri del lavoro Polesani presenti.

Passando alla successiva cerimonia in Municipio, eccovi innanzitutto la facciata esterna a far da sfondo alla statua del garibaldino Ciceruacchio , sul cui basamento sono indicati i nomi degli altri garibaldini fucilati a Porto Tolle ( in fuga da Ravenna nel 1849 dov’era morta Anita Garibaldi) .

 

 

 

E con riferimento alle sopracitate “Benemerenze” onoriamo in sequenza le premiazioni di Isabella Tognon, Franco Marangon, Luciano Scarpante, come indicato sui relativi ‘attestati e in foto poster assieme al ‘Console’ Erminio Vallese , al sindaco Roberto Pizzoli e a Luigino “MDL” Zanetti (cicerone dell’evento a livello locale).

Mentre nel flash che ho scattato ai presenti onoriamo anche Damiano Laurenti , sia seduto in sala che in foto-tandem col sottoscritto perché...ci conosciamo bene.

Con riferimento al successivo tour nel Delta Po e specificatamente al Museo ittico di Scardovari, ci basta ricordare con relativo tabelloni alcuni  dei noti film girati in Basso Polesine, con relativo foto sulla civiltà contadina là dove adesso è sempre più tetta-acque tra “Mare e Lagune”, come ben spiegato dalla “guida” ai Maestri del Lavoro che vediamo particolarmente interessati.

 

 

 

 

Come peraltro nella recente cerimonia a Rovigo , a Palazzo Celio, che documentiamo in sequenza fotogallery partendo dal saluto-intervento del presidente Enrico Ferrarese che ha fatto anche ampio focus sull’importanza dei Maestri del Lavoro e dell’Associazionismo e volontariato, meritevoli di essere segnalati-proposti dalla stampa e dai Mass Media perché testimonianze di attivismo positivo, solidale e d inclusivo.

La qual cosa speriamo di fare anche noi con questo reportage completo e in tour  da Porto Tolle alla cerimonia a Rovigo, da dove vi proponiamo a questo punto in sequenza tutte le premiazioni degli ‘insigniti’ Donegà, Rondina, Slaviero + ‘benemerenza’ a Beretta.

 

 

 

 

Circondati dall’affetto e dalla stima anche dei vari past president ‘partecipanti’ , da Paolo Pizzardo a Flavio Ambroglini, a Pietro Munaro e via via tutti gli altri fino a Mario Casazza e lady Simonetta e note signore in sala.

Anche per questo vi proponiamo dulcis in fundo in versione poster tutti i “Premiati” a palazzo Celio , la ‘casa’ della Provincia di Rovigo, col presidente Enrico Ferrarese in sinergia con i Maestri del Lavoro, significativamente on the road anche durante l’anno , tra gli studenti, il mondo del lavoro e pro giovani ( ricordiamo soltanto la precedente cerimonia in Provincia per la consegna delle “Borse di Studio”) 

 

 

 

 

In mission senza voglia di protagonismo ( a volte chi ha troppi incarichi associativi/istituzionali ...storpia) , ma con spirito di servizio, in aggiornamento tecnologico coi tempi attuali senza però puntare al ‘likes’, quanto piuttosto promuovere valori imprescindibili dal ...diritto naturale, perché fondamentali anche in una società moderna che pensa anche ai propri figli e alla salvaguardia della natura-biosfera.

 

Luigino Zanetti & Sergio Sottovia

www.polesinesport.it