Nel PRO 12 Calvisano batte Petrarca, ma é 2°/ SIX NATIONS: Inghilterra batte Italrugby 57-14, bene U20 e OK Italdonne vs Francia


17/03/2019

Vi avevamo già dato conto della larga vittoria targata Femi CZ Rugby Rovigo vs Valsugana e …aspettavamo i risultati della domenica per completare la panoramica della partite dl Campionato PRO 12.
E così i Bersaglieri di coach Casellato restano da soli in vetta, staccando il Calvisano che comunque è stato ‘rock’ nel battere il Petrarca Padova anche se senza bonus.

Come ben spiega il seguente reportage, mentre a conclusione del Six Nations vi proponiamo anche il reportage della sfida Inghilterra vs Italia di O’Shea, con conseguente ‘cucchiaio di legno’ per gli azzurri. Meglio l’Italdonne e l’Under 20 , le prime vincenti e gli azzurrini...quasi,  sempre vs la Francia.
Come da seguente sequenza Main News con relativa fotogallery Federugby ufficiali.

PRIMA MAIN NEWS ( by www.federugby.it, Domenica 17 Marzo 2019 ) / TOP12, LA FEMI-CZ ROVIGO SOLA AL COMANDO A QUATTRO TURNI DAL TERMINE

CALVISANO STACCATO DI UN PUNTO, IL VALORUGBY RISALE IN TERZA POSIZIONE
Roma –Quattro giornate ancora da disputare nella regular season del TOP12, ma gruppo delle semifinaliste ormai virtualmente definito a conclusione della diciottesima giornata del massimo campionato nazionale.
I Bersaglieri rossoblù della Femi-CZ Rovigo, con la vittoria per 45-0 nel derby veneto di ieri sulla matricola Valsugana, restano soli al comando: il Kawasaki Robot Calvisano vince infatti lo scontro d’alta quota contro i Campioni d’Italia in carica dell’Argos Petrarca Padova, ma il 10-3 non basta ai gialloneri bresciani per rimanere appaiati al XV di Casellato, che allunga di una lunghezza.
La sconfitta del “San Michele” costa la terza posizione al Petrarca, che mantiene undici lunghezze di vantaggio sulla prima inseguitrice della zona play-off - le Fiamme Oro Rugby oggi vittoriose 29-24 sul Viadana - ma si vede superare dal ValoRugby, che vince in casa 31-29 contro il Lafert San Donà e mette una pesante ipoteca sulla qualificazione alle semifinali: per i Diavoli emiliani sarebbe la prima volta nella storia.
Rafforzano la sesta posizione i Toscana Aeroporti I Medicei, la formazione fiorentina allenata dal veterano dei tecnici Pasquale Presutti vince 30-14 contro il Verona, impedendo agli scaligeri di allungare su Valsugana e Lazio nella corsa per la salvezza dove le aquile biancocelesti, pur sconfitte 28-22 al “Quaggia” dal Mogliano, riescono a portare a casa due punti bonus che mantengono vive le speranze capitoline.
Sabato prossimo alle 15 la diciannovesima giornata.
TOP12 – XVIII giornata – 17.03.19
Femi-CZ Rovigo v Valsugana Rugby Padova 45-0 (5-0, giocata ieri)
Fiamme Oro Rugby v Rugby Viadana 1970 29-24 (5-1)
Toscana Aeroporti I Medicei v Verona Rugby 30-14 (4-0)
Valorugby Emilia v Lafert San Donà 31-29 (5-1)
Mogliano Rugby v Lazio Rugby 1927 28-22 (5-2)
Kawasaki Robot Calvisano v Argos Petrarca Padova 10-3 (4-1)
Classifica:Femi-CZ Rovigo punti 73; Kawasaki Calvisano72; Valorugby Emilia 67; Argos Petrarca Padova 64; Fiamme Oro Rugby 53; Toscana Aeroporti I Medicei 44; Mogliano Rugby 1969 36; Rugby Viadana 1970 e Lafert San Donà 35; Verona Rugby 23; Valsugana Padova 19; Lazio Rugby 1927* 14
*quattro punti di penalizzazione
Prossimo turno – XIX giornata -  23.03.19 – ore 15.00
Argos Petrarca Padova v Mogliano Rugby 1969
Lazio Rugby 1927 v ValoRugby Emilia
Lafert San Donà v Toscana Aeroporti I Medicei
Verona Rugby v Fiamme Oro Rugby
Rugby Viadana 1970 v Valsugana Rugby Padova
Femi-CZ Rovigo v Kawasaki Robot Calvisano

 

 

 

 

 

TABELLINI
Mogliano Veneto – Stadio “Maurizio Quaggia” - domenica 17 marzo 2019
Top 12, XVIII giornata
Mogliano Rugby v Lazio Rugby 1927 28-22
Marcatori: pt.: 3' m. Guardiano (0-5); 12' m.Faulds, tr. Jackman (7-5); 38' m. Ferraro, tr. Jackman (14-5); 40' m. Pavan, tr. Jackman (21-5); st.: 46' m. Bruno, tr. Ceballos (21-12), 59' m. Caila, tr. Jackman (28-12); 62' m. Guardiano (28-17); 78' m. Bonavolontà F. (28-22)
Mogliano Rugby 1969: Facchini; Pavan, Faulds, Zanatta (51' D'Anna) (73' Marin), Guarducci; Jackman, Gubana (51' Fabi); Bocchi (49' Mengotti), Corazzi (Cap.), Vizzotto; Delorenzi (62' Carraretto), Caila; Michelini (49' Cincotto), Ferraro (66' Ceccato), Di Roberto (41' Buonfiglio)
all. Cavinato
Lazio Rugby 1927: Borzone (50' Bonavolontà F.); Guardiano, Vella (43' Lo Sasso), Coronel, Di Giulio; Ceballos, Bonavolontà D. (43' Albanese) (Cap); Malan, Ercolani, Giancarlini (44' Filippucci); Bruno, Duca; Chalonec (60' Bolzoni), Baruffaldi, Cafaro
all. Montella
arb. Giuseppe Vivarini (Padova)
AA1 Andrea Spadoni (Padova), AA2 Matteo Franco (Udine)
quarto uomo: Antonino Merendino (Udine)
Cartellini: 23' giallo a Faulds (Mogliano), 79' giallo a Lo Sasso (Lazio), 86' giallo a Malan (Lazio)
Calciatori: Jackman 4/5 (Mogliano Rugby 1969); Ceballos 1/4 (Lazio Rugby 1927)
Note: Pomeriggio coperto, clima mite con leggera brezza, terreno di gioco in buone condizioni, circa 500 spettatori.
Punti conquistati in classifica: Mogliano Rugby 1969 5; Lazio Rugby 1927 2
Man of the match: Edoardo Ferraro (Mogliano Rugby 1969)
Reggio Emilia, Stadio Mirabello – domenica 17 marzo 2019
Top12 XVIII giornata
Valorugby Emilia v Rugby San Donà 31-29 (14-16)
Marcatori:p.t. 6’ cp. Lyle (0-3), 8’ cp. Lyle (0-6), 16’m.Paletta tr Farolini (7-6), 22’m.Crosato tr Lyle (7-13), 26’ cp. Lyle (7-16), 34’ m.Costella tr Farolini (14-16); s.t. 2’m.Derbyshire tr Lyle (14-23), 59’ m.Amenta tr Farolini (21-23), 61’ cp. Lyle (21-26), 73’ m.Festuccia tr Farolini (28-26), 76’ cp. Lyle (28-29), 78’ cp. Farolini (31-29)
Valorugby Emilia: Farolini (cap); Costella, Paletta, Vaega, Caminati (50’ Gennari); Rodriguez, Panunzi (78’ Fontana); Amenta, Messori (55’ Rimpelli), Mordacci; Dell’Acqua, Balsemin (68’ Festuccia); Du Plessis, Manghi (41’ Gatti), Muccignat (52’ Quaranta) .All. Manghi
Rugby San Donà: Lyle; Schiabel, Pratichetti, Iovu (71’ Bertetti), Crisantemo (68’ Balzi); Owen, Crosato (70’ Reeves); Jack, Derbyshire (cap), Catelan (72’ Zuliani); Stander (52’Ceglie), Riedo; Ros (65’ Pasqual), Nicotera (50’ Dal Sie), Ceccato. All.Green
Arb.: Bolzonella (Cuneo)
AA1 Pennè (Milano), AA2 Russo (Milano)
Quarto Uomo: Salafia (Milano)
Cartellini: 55’ cartellino giallo Jack (San Donà)
Calciatori: Farolini (Valorugby Emilia) 5/5, Lyle (Rugby San Donà) 6/6
Note: Spettatori 600 circa. Giornata soleggiata, 15°.
Punti conquistati in classifica: Valorugby Emilia 5, Rugby San Donà 1
Man of the Match: Davide Farolini (Valorugby Emilia)
Roma, Caserma “Stefano Gelsomini” – Sabato 18.03.2019
TOP12, XVIII GIORNATA
Fiamme Oro Rugby v Viadana Rugby 1970 29-22
Marcatori: p.t. 5’ cp Di Marco (0-3); 8’ cp Biondelli (3-3); 16’ m. Vaccari tr. Biondelli (10-3); 26’ m. Vaccari (15-3); 33’ m Ruffolo tr Di Marco (15-10); 38’ m. D’Onofrio G. tr Biondelli (22-10); 43’ m Guillemain tr Di Marco (22-17) s.t. 44’ m Tupou tr Di Marco (22-24); 62’ m. D’Onofrio G tr Biondelli (29-24)
Fiamme Oro Rugby: Biondelli; D’Onofrio G., Vaccari (66’ Gabbianelli), Forcucci (62’ Quartaroli), Masato; Ambrosini, Marinaro (66’ Parisotto); McCarthy (70’ Faccenna), Cristiano (cap) (41’ De Marchi) Bianchi; D’Onofrio U., Fragnito (66’ Faccenna); Vannozzi (49’ Iacob), Moriconi (67’ Kudin), Mariottini (49’ Iovenitti)
All. Castagna
Viadana Rugby 1970: Spinelli; Bronzini, Menon, Pavan (59’ Ormson), Corcoran (23’–33’ Denti); Di Marco, Gregorio; Tupou, Gelati (77’ Mannucci), Ruffolo (59’ Moreschi); Guillemain, Devodier (63’ Chiappini); Brandolini (66’ Novindi), Ribaldi (41’ Silva), Breglia (41’ Denti).
All. Frati
Arb. Marius Mitrea (Udine)
AA1: Emanuele Tomò (Roma) AA2: Franco Rosella (Roma)
Quarto Uomo: Paolo Paluzzi (Roma)
Cartellini: 23’ giallo Breglia (VIA)
Calciatori: Biondelli (FFOO) 4/5; Di Marco (VIA) 4/4
Note: spettatori 250 ca. , Giornata assolata temperatura 20°
Punti conquistati in classifica: Fiamme Oro Rugby 5; Viadana Rugby 1970 1
Man of the Match: Giovanni D’Onofrio
Firenze, Ruffino Stadium “Mario Lodigiani” – domenica 17 marzo
TOP12, XVIII giornata
Toscana Aeroporti I Medicei v Verona Rugby 30 - 14   (13-7)
Marcatori: p.t. 12’ cp Newton (3-0); 23’ m Rossi tr Mortali (3-7); 35’ m Lubian tr Newton (10-7); 40’ cp Newton (13-7); s.t. 42’ cp Newton (16-7); 58’ m Grobler tr Newton (23-7); 67’ m Furia tr Mortali (23-14); 74’ m Biffi tr Newton (30-14).
Toscana Aeroporti I Medicei: Biffi (78’ Reale); Cornelli, Rodwell, Cerioni, Lubian (55’ Mattoccia); Newton, Rorato (60’ Esteki); Greef, Boccardo, Cosi (68’ Chianucci); Maran (cap.), Grobler (75’ Savia); Montivero (53’ Battisti), Giovanchelli, Schiavon (61’ De Marchi).
All. Presutti, Basson, Minto
Verona Rugby: Mortali; Buondonno, Pavan (59’ Geronazzo), Quintieri, Cruciani T.; McKinney, Navarra (74 Cruciani M.); Riccioli (cap), Rossi (62’ Girelli), Salvetti; Bernini (62’ Signore), Groenewald (55’ Zanini); Greeff (62’ Artuso), Silvestri (76’ Bertucco), Furia (76’ Fioravanzo).
All. Grant Doorey
Arb. Matteo Liperini (Livorno)
AA1 Manuel Bottino (Roma), AA2 Lorenzo Imbriaco (Bologna)
Quarto Uomo: Andrea Laurenti (Bologna)
Cartellini: nessuno
Calciatori: Newton (Toscana Aeroporti I Medicei) 6/6; Mortali (Verona Rugby) 2/2;
Note: pomeriggio primaverile, circa 19°. Campo in buone condizioni. Spettatori circa 780.
Punti conquistati in classifica: Toscana Aeroporti I Medicei 4; Verona Rugby 0;
Man of the Match: Carel Greeff (Toscana Aeroporti I Medicei)

Calvisano, Centro Sportivo San Michele – Pata-Stadium – domenica 17 marzo 2019
TOP12 , XVIII giornata
Kawasaki Robot Rugby Calvisano v Argos Petrarca Rugby 10-3 (7-3)
Marcatori: p.t. 14’ m. Andreotti tr. Pescetto (7-0); 39’ m. cp. Fadalti (7-3) ; s.t. 53’ cp. Pescetto (10-3)
Kawasaki Robot Calvisano: Chiesa (63’ Bordoli)  ; Van Zyl, Panceyra-Garrido, De Santis (63’ Lucchin), Bruno; Pescetto, Casilio (65’ Semenzato) ; Vunisa, Casolari, Martani (63’ Zdrilich)  ; Van Vuren, Andreotti (57’ Cavalieri) ; Leso (69’ Gavrilita) , Morelli (53’ Manfredi) , Fischetti (57’ Brarda).
All. Massimo Brunello
Argos Petrarca Rugby:Ragusi; Capraro, De Masi, Bettin (39’ Fadalti), Coppo; Zini, Su’a; Trotta, Manni (63’ Michieletto) , Conforti (cap.); Galetto (41’ Saccardo) , Gerosa (50’ Cannone) ; Scarsini ( 50’ Mancini Parri), Santamaria (41’ Cugini) , Rizzo (72’ Braggiè) .
All. Andrea Marcato
Arb.Federico Boraso (Rovigo)
AA1 e AA2:Gianluca Gnecchi (Brescia), Giorgio Sgardiolo (Rovigo)
Quarto uomo:Marco Panin (Rovigo))
Calciatori: Pescetto 2/3; Ragusi 0/1; Fadalti 1/2.
Cartellini: giallo: Ragusi (14’, 32’); rosso: Ragusi (32’), Bruno (39’)
Note: Cielo sereno, temperatura primaverile, campo in ottime condizioni. Spettatori 1700 circa.
Man of the match: Michele Andreotti.
Punti conquistati in classifica: Calvisano 4 ; Petrarca 1.

SECONDA MAIN NEWS ( by www.federugby.it, Venerdì 15 Marzo 2019 ) / ITALIA U20, NON BASTA LA RIMONTA FINALE: A BIELLA LA FRANCIA VINCE 35-31

NAZIONALI AZZURRE/ Biella – Nella quinta ed ultima giornata del Sei Nazioni Under 20 non basta la rimonta nel finale all’Italia U20 per avere la meglio sui pari età della Francia, Campioni del Mondo in carica, che a Biella si sono imposti 35-31 in un match pieno di emozioni.
Dopo il minuto di silenzio in onore delle vittime del truce attentato odierno in Nuova Zelanda si parte con drop d’inizio francese. E’ subito Italia: con una pressione sui ventidue francesi ottiene un’introduzione in mischia. Da questa, dopo alcune fasi di sfondamento centrali, la palla arriva all’estremo Jacopo Trulla che con un’azione individuale deposita la palla in meta per il momentaneo 5-0. La Francia reagisce e tra il 10’ e il 13’ chiude in difesa gli Azzurrini che riescono a mandare al mittente la minaccia. Al 26’ Italia ancora vicinissima alla meta grazie ad un’intercetto a pochi metri dai pali, ma un controllo sfortunato dell’ovale vanifica il tutto. Al 28’ azione alla mano francese che con tre passaggi riesce ad avanzare e liberare il mediano Viallard che deposita in mezzo ai pali per la prima meta ospite con Smaili che trasforma portando in vantaggio gli ospiti sul 7-5. Gli Azzurrini – stasera in maglia bianca – non sembrano aver sofferto il sorpasso e ancora un avanti a pochi centimetri dalla linea di meta nega a Drudi il controsorpasso. Al 36’ la Francia trova la seconda meta con un’azione nata da una touche e finalizzata da Lemardelet e trasformata da Smaili che vale il 14-5 all’intervallo.

 

 

 

 

Ad inizio ripresa nell’arco di tre minuti la Francia incrementa il parziale a proprio favore con le mete di Pinto e Dumortier, trasformate da Smaili, che valgono il momentaneo 28-5 e un contestuale bonus offensivo. Nella girandola di sostituzioni che coinvolge entrambe le squadre gli Azzurrini accorciano le distanze con Marinello che tra il minuto 52 e il minuto 58 sale in cattedra realizzando due mete e, con la trasformazione di Da Re (la prima fallita da Fusco), il XV di Roselli si porta sul 17-28. Al 66’ un errore nella metà campo francese porta alla meta in volata di Moefana che riporta a distanza di sicurezza i transalpini con la trasformazione di Smaili sul 35-17. Nel finale gli Azzurrini premono sull’acceleratore trovando le due mete di Mba tra il 68’ e l’80’ che portano in casa Azzurra due punti ma non riescono a cambiare l’esito finale del match.
 
Biella, Stadio “Pozzo – La Marmora” – venerdì 15 marzo
Sei Nazioni U20, IV giornata
Italia U20 v Francia U20 31-35 (5-14)
Marcatori: p.t. 5’ m. Trulla (5-0); 28’ m. Viallard tr. Smaili (5-7); 38’ m. Lemardelet tr. Smaili (5-14).  s.t. 41’ m. Pinto tr. Smaili (5-21); 43’ m. Dumortier tr. Smaili (5-28); 52’ m. Marinello (10-28); 58’ m. Marinello tr. Da Re (17-28); 66’ m. Moefana tr. Smaili (17-35); 68’ Mba tr. Da Re (24 -35); 80’ m. Mba tr. Da Re (31-35).
Italia U20: Trulla; Lai, Moscardi, Mazza (60’ Mori), Mba; Garbisi (45’ Da Re), Citton (41’ Fusco); Finotto (63’ Butturini), Ruggeri (cap), Goldin (47’ Koffi); Parolo, Stoian; Nocera (45’ Alongi), Marinello (66’ Bonanni), Drudi (45’ Michelini).
All. Fabio Roselli
Francia U20: Tiberghein (76’ De Nardi); Pinto, Moefana, A. Vincent (cap), Dumortier; Smaili (67’ T. Vincent), Viallard (60’ Coly); Lemardelet (53’ Hocquet), Zegueur, Hirigoyen; Vanverberghe, Maravat (71’ Warion); Burin (28’ Lotrian), Zarantonello (41’ Barka), Eglaine (49’ Beria).
All. Sebastien Piqueronies
Arb. Ben Blain (Scozia); g.d.l Mike Adamson (Scozia), Ross Mabon (Scozia)
Calciatori: Garbisi (Italia U20) 0/1; Smaili (Francia U20) 4/4; Fusco (Italia U20) 0/1; Da Re (Italia 20) 3/3
Note: Cielo sereno, temperatura gradevole 17° circa, campo in ottime condizioni. Spettatori 3000 circa.
Man of the match: Cheikh Tiberghien (Francia U20)
Punti conquistati in classifica: Italia 2; Francia 5
Tabellino a cura di Paola Giachetti (Biella Rugby).
Match press officer di giornata Marco Pasquetti (C.R. Piemonte)



TERZA MAIN NEWS ( by www.federugby.it, Domenica 17 Marzo 2019 ) / ITALDONNE STORICHE, SECONDO POSTO NEL 6 NAZIONI

A PADOVA BATTUTA LA FRANCIA 31-12 DAVANTI AI 3500 DEL PLEBISCITO
di Gianluca Galzerano, Addetto Comunicazione Comitato Regionale Veneto
Un’Italia da sogno centra meritatamente vittoria e secondo posto finale nel Six Nations al termine di una partita dominata dal primo all’ultimo minuto, lucida nella lettura difensiva, chirurgica nella gestione del possesso, prepotente sul confronto fisico contro le pur strutturate ospiti transalpine. Subito aggressivo il XV azzurro al primo possesso da kick-off, le ragazze di Di Giandomenico  attaccano in avanzamento con 13 fasi ma un in-avanti sotto i pali salva le ospiti dalla prima meta.

 

 

 

 

La risposta francese è timida, l’Italia ha più fame e guadagna un immediato turn-over lavorando bene sui punti di collisione, ma le transalpine si scuotono ed attorno al 10’ si installano in territorio italiano mettendo una buona pressione sulla difesa. Il match è ora aperto, con entrambe le mediane a giostrare sul doppio fronte allargato: al 20’ fiammata azzurra, la Madia trattiene di un tempo il pallone innescando la Rigoni sul controtempo difensivo, l’avanzamento è notevole, poi i due punti d’incontro centrali dentro i 22 fanno da base al tentativo sulla destra, con la Stefan che riceve tagliando l’angolo di corsa prima del tuffo vincente che vale il primo vantaggio.

Segue una lunga fase di equilibrio nella fascia centrale, la Giordano esce male da un contrasto ed è costretta al cambio mentre la Francia prova ad accelerare negli ultimi 5’, trovando ad un giro di lancette dal riposo la meta del pareggio, con l’ala Boujard ad accelerare sul corridoio di destra dopo l’assist della Saluzzo sul lato cieco. Il XV azzurro non ci sta e torna a giocare in avanti, con le terze scatenate attorno ai raggruppamenti: la difesa è costretta al fallo, la Sillari indica i pali ed il penalty va a segno per l’8 a 5 che spedisce le squadre al riposo.

Seconda frazione: rientra la Giordano, per la panchina francese tre cambi tecnici. L’abbrivio resta nettamente azzurro: al primo possesso le avanti di Di Giandomenico arano terreno ed avversarie spingendosi dentro i 22 in attacco, le transalpine sono fallose all’ingaggio e la Sillari va nuovamente per i pali, firmando l’11 a 5.
La Francia non trova la chiave del match, subendo la maggior concretezza azzurra in fase di conquista: poco dopo il quarto d’ora l’assalto azzurro rompe gli argini francesi, lavorando una serie di pick’n’go che la Bettoni trasforma in oro toccando oltre la linea per la terza marcatura pesante, poi convertita dalla Sillari nel parziale di 18 a 5. E’ un’Italia dominante in tutte le fasi di gioco, che la Francia non riesce ad affrontare palla in mano: la mediana cambia così tattica provando più volte il cross-kick largo, e al 65’ va a segno con l’ala Jason. La reazione è immediata e veemente: l’Italia attacca a metà campo creando il mismatch, la Rigoni prende palla e con una finta penetra la difesa volando per 50 metri marcando il punto 26.
Non basta ancora: si va a caccia della quarta meta, quella del bonus, quella del secondo posto nel Torneo: la neo-entrata Tounesi rompe due placcaggi, poi sul placcaggio arriva in sostegno la Furlan che alza le frequenze spinta da tutto il pubblico lasciandosi tutta la difesa  dietro per il 31 a 12 che chiude la contesa mandando in Paradiso le Azzurre mentre le francesi masticano amaro.

 

 

 

 

Padova, Stadio del Plebiscito – domenica 17 marzo 2019
Women Six Nations, V giornata
Italia vs Francia 31-12 (8-5)
Marcatrici: p.t. 20’ m. Stefan, nt (5-0); 39’ m. Boujard, nt (5-5); 40’+4’ c.p. Sillari (8-5); s.t. 5’ c.p. Sillari (11-5); 19’ m. Bettoni, t. Sillari (18-5); 30’ c.p. Sillari (21-5); 65’ m. Jason, t. Tremuliere (21-12); 70’ m. Rigoni, nt (26-12); 76’ m. Furlan, nt (31-12)
Italia: Furlan ©; Muzzo (76’ Sarasso), Sillari, Rigoni, Stefan (50 caps); Madia (77’ Busato), Barattin (76’ Magatti); Giordano (34’ - 41’ Cammarano), Franco (79’ Fedrighi), Arrighetti; Duca (79’ Sberna), Ruzza (74’ Tounesi); Gai, Bettoni (74’ Turani), Giacomoli (48’ Cammarano)
All. Di Giandomenico
Francia: Tremouliere; Boujard (72’ Menager), Yengo, Vernier (41’ Imart), Jason; Bourdon, Saluzzo (41’ Coudert –  77’ Ambongouilat); Hermet ©, Diallo (67’ Gros), Berthomieu (72’ Pellegris); Forlani, Ferer; Joyeux, Thomas (68’ Soloch), Traore (41’ Arricastre).
All. Cherouk
Arbitro: Sara Cox (RFU)
GdL: Laura Pittingale (RFU), Clara Munarini (RFU)
Quarto Uomo: Simone Boaretto (FIR)
TMO: Leo Colgan (IRFU)
Cartellini: 54’ giallo a Diallo (FRA)
Calciatrici: Sillari (ITA) 4/6; Tremouliere 1/2
Note: Giornata nuvolosa, temperatura 11 gradi, spettatori presenti 3500
Woman of the Match: Giada Franco (ITA)
 


QUARTA MAIN NEWS ( by www.federugby.it , Sabato 09 Marzo 2019 ) / GUINNESS SEI NAZIONI 2019, A TWICKENHAM L'INGHILTERRA SUPERA 57-14 L'ITALIA


Londra – A Twickenham nella quarta giornata del Guinness Sei Nazioni l’Inghilterra batte 57-14 l’Italia.
Avvio arrembante dei padroni di casa che mettono in difficoltà l’Italia che riesce in due occasioni a sventare le offensive avversarie con Padovani prima e con un passaggio in avanti di Vunipola poi che fa svanire l’opportunità. Il XV di Eddie Jones riesce a sbloccare la partita all’ottavo minuto di gioco con una maul ben orchestrata e finalizzata da George sul lato mancino d’attacco. Passano tre minuti e l’Italrugby con una lunga azione corale vanno in meta con Allan che finta il passaggio all’esterno e va in meta. La successiva trasformazione del 10 Azzurro porta il risultato sul 7-7.
Partita vibrante e piena di emozioni all’inizio con  padroni di casa che riescono subito a riportarsi in vantaggio con May che sfrutta la sua velocità per sorprendere la difesa avversaria e andare in meta solitaria. Farrell trasforma spostando il parziale sul 14-7. Al 20' dopo un'azione nata da una touche a centrocampo l'Inghilterra trova la terza meta del match con Tuilagi che si invola in solitaria sul lato destro del campo. Farrell trasforma per il momentaneo 21-7. Il numero 10 inglese sfrutta un calcio piazzato a proprio favore centrando per la quarta volta in altrettante occasioni i pali aumentando il divario con gli avversari. L’Inghilterra trova la meta del bonus offensivo con Shields che sfrutta una incursione di Tuilagi per andare in meta in mezzo ai pali.  Farrell non sbaglia e al 32' il parziale è 31-7. Nel finale di tempo l’Italia con una incursione di Hayward prima – il cui calcio lungo non ha premiato Esposito a causa del rimbalzo dell’ovale - e con una lunga azione corale poi non riesce ad accorciare le distanze.


Azione ripetuta degli Azzurri ad inizio ripresa che a cinque metri dalla linea di meta commettono un errore in fase di impostazione con Tebaldi che lancia il contrattacco avversario fermato da Allan. Al 46' il XV di Jones incrementa il proprio score con seconda meta personale di Tuilagi che sfrutta un'azione partita da Farrell dal lato mancino d'attacco e conclusa sul versante opposto. Il numero 10 inglese non trasforma: parziale 36-7. L’Italia reagisce con un’azione che vede coinvolti tutti i giocatori neo entrati e che porta Morisi sul lato mancino d’attacco in meta dopo un grande assist di Allan. Lo stesso numero 10 trasforma accorciando le distanze sul 36-14 al minuto 55. Girandola di cambi per entrambe le squadre con l’Italia che ridisegna il suo assetto tattico negli ultimi 20 minuti di gioco con Lovotti spostato in terza linea in seguito all’uscita dal campo di Parisse in favore di Traorè. Nell’arco di tre minuti i padroni di casa riescono a segnare due mete tra il 64’ e il 67’: prima Kruis stoppa un calcio di Palazzani andando in meta in mezzo ai pali, poi il neo entrato Robson sfrutta una incursione di Cokanasiga sull’ala portando il risultato sul 50-14 con le due trasformazioni di Ford. Nel finale la meta di Shields trasformata da Ford inchioda il risultato sul 57-14.
Nel primo pomeriggio di domani la Nazionale farà rientro a Roma dove da lunedì inizierà la preparazione del quinto ed ultimo match del Guinness Sei Nazioni 2019, in calendario allo Stadio Olimpico di Roma sabato 16 marzo alle 13.30.

 

 

 

 

 
Londra, Twickenham Stadium – sabato 9 marzo 2019
Guinness Sei Nazioni 2019, IV giornata
Inghilterra v Italia 57-14 (31-7)
Marcatori: p.t.8’ m. George tr. Farrell (7-0); 11 m. Allan tr. Allan (7-7); 15’ m. May tr. Farrell (14-7); 21’ m. Tuilagi tr. Farrell (21-7); 25’ c.p. Farrell (24-7); 32’ m. Shields tr. Farrell (31-7); s.t. 46’ m. Tuilagi (36-7); 55’ m. Morisi tr. Allan (36-14); 64’ m. Kruis tr. Ford (43-14); 67’ m. Robson tr.  Ford (50-14); 79’ m. Shields tr. Ford (57-14)
Inghilterra: Daly; Cokanasiga, Tuilagi M. (62’ Slade), Te'o, May; Farrell (cap) (61’ Ford), Youngs (61’ Robson); Vunipola B., Curry (55’ Wilson), Shields; Kruis, Launchbury (66’ Hughes); Sinckler (55’ Cole), George (58’ Cowan-Dickie), Genge (58’ Moon).
All. Jones
Italia: Hayward; Padovani, Campagnaro (23’ Castello) (33’ McKinley), Morisi (61’ Palazzani), Esposito; Allan, Tebaldi; Parisse (cap) (61’ Traorè), Steyn, Negri (48’ Polledri); Budd (48’ Sisi), Ruzza; Ferrari (48’ Pasquali), Bigi (48’ Ghiraldini), Lovotti.
All. O’Shea
Arb. Nic Berry (Aus)
Calciatori: Farrell (Inghilterra) 5/6, Allan (Italia) 2/2; Ford (Inghilterra) 3/3
Note: Pomeriggio freddo, campo in ottime condizioni. Presenti 82.022 spettatori
Punti conquistati in classifica: Inghilterra 5; Italia 0
Man of the match: Cokanasiga (Inghilterra)

EXTRTIME by SS/ In cover e contro cover in versione poi panoramica l’azzurro Lovotti placcato a Twickenham dagli inglesi durante la partita Inghilterra vs Italia.

Mentre all’interno delle rispettive Main News, vi proponiamo come fotogallery il Tabellino Risultati dell’intera giornata Pro 12, quindi in azione gli azzurrini dell’Under 20 quasi vincenti vs Francia , poi l’Italdonne invece vincente e in duplo flash sempre by Federugby e orgogliosamente certificativo del secondo posto conquistato.

 


Sergio Sottovia
www.polesinesport.it