Nella Cronoscalata Alpe del Nevegal 2016 vince Capraro/ Per la Citroen Saxo di Michele Mancin 6° posto davanti a Bommartini rivale storico


03/08/2016

Sono state tante la variabili meteo che si sono verificate nella 42esima Cronoscalata Alpe del Nevegal, e anche per questo Michele Mancin con la sua Citroen Saxo non è andato oltre il 6° posto nella classe A1600.
Peccato perché l’appuntamento bellunese, aperto sia alle auto moderne che alle storiche, vantava molteplici validità: Trofeo Italiano Velocità Montagna, Austrian Championship Climb, Slovenia and Triveneto Hill Climb Trophy, Campionato Triveneto e Coppa Abarth Classiche.
Però se vogliamo leggere il bicchiere ‘mezzo pieno’ , allora più che ricordare la vittoria di Capraro, andiamo che il pilota polesano Mancin ha comunque preceduto il suo storico rivale Bommartini lasciando ancora a Michele e alla sua Citroen Saxo il ruolo di ‘favoriti’ in questa categoria 1600 gruppo A, anche se a questo punto la Classifica propone altri competitors per la vittoria finale.
Ma di tutto quanto è successo a Michele Mancin nelal Cronoscalata Alpe Nevegal, ve ne parla come segue il reportage di Fabrizio Handel con la sua consueta collaudata professionalità ed esperienza nel mondo dei motori.

ANTEPRIMA NEWS ( di Fabrizio Handel, mail 27.07.2016) / MANCIN È INSAZIABILE, ORA L'ALPE DEL NEVEGAL
Nemmeno il tempo di assaporare il fresco trionfo in salsa croata che il pilota di Rivà punta a regalare la doppietta, in terra bellunese, alla scuderia Mach 3 Sport.
Rivà (Ro), 27 Luglio 2016 – Non si è ancora spento l'eco dei festeggiamenti in quel di Rivà, per il recente successo nella Cronoscalata di Čabar di Domenica scorsa, che Michele Mancin si prepara ad affrontare una nuova sfida in un contesto decisamente più familiare.
Il prossimo weekend infatti il portacolori di Mach 3 Sport sarà di scena, al volante della consueta Citroen Saxo gruppo A, alla quarantaduesima edizione della Cronoscalata Alpe del Nevegal.

L'appuntamento bellunese, aperto sia alle auto moderne che alle storiche, può vantare molteplici validità: Trofeo Italiano Velocità Montagna, Austrian Championship Climb, Slovenia and Triveneto Hill Climb Trophy, Campionato Triveneto e Coppa Abarth Classiche.
Questo ricco piatto si tradurrà certamente in un parco partenti di primo livello con il pilota polesano che cercherà di bissare la vittoria in classe A1600 centrata qualche giorno fa a Čabar e magari tentare una capatina nelle zone nobili della generale di gruppo.
“La Saxo è ancora calda” – racconta Mancin – “e grazie anche ad un breve periodo di relativa calma in ambito lavorativo abbiamo deciso di sfruttare l'occasione ed essere al via dell'Alpe del Nevegal. Una nuova sfida ma questa volta la trasferta che ci vedrà impegnati sarà decisamente più agevole. È chiaro che il risultato ottenuto in Croazia ci ha galvanizzato e quindi siamo motivati al massimo per tentare di ripeterci anche qui nel bellunese”.

Se la Cronoscalata di Čabar vedeva Mancin all'esordio assoluto di certo all'Alpe del Nevegal la musica cambia: il percorso di gara, rimasto invariato rispetto al 2015, è infatti ben conosciuto al rivarese che in questa occasione potrà sfruttare al meglio l'esperienza maturata in anni di partecipazioni.
Nella passata stagione il pilota di Mach 3 Sport ha mancato di un soffio la vittoria, finita per pochi decimi nelle mani di Bommartini, pertanto la voglia di riscatto è particolarmente sentita.

 “L'Alpe del Nevegal, a mio avviso, non presenta particolari difficoltà di carattere tecnico” – aggiunge Mancin – “ma rimane comunque un tracciato molto veloce. Vi sono alcuni punti cruciali che devono essere interpretati bene perché è li che si fa la vera differenza. Abbiamo affrontato questa salita varie volte, sia con la 205 prima che con la Saxo nel recente passato. È stata una delle mie prime uscite quindi mantengo un ricordo speciale di queste strade. Lo scorso anno siamo stati protagonisti, assieme all'amico e rivale Bommartini, di una lotta molto accesa che, purtroppo per noi, ci ha visti chiudere secondi per pochi decimi. Scorrendo l'elenco provvisorio abbiamo visto con piacere il suo nome tra i partenti e quindi dobbiamo prepararci al meglio, in queste ultime giornate che ci separano dalla gara, perché vogliamo riscattarci. L'elenco risulta particolarmente ricco e di elevata qualità. Non sarà facile puntare in alto nella classifica generale del gruppo A ma questo tracciato ci piace parecchio e se assieme ai ragazzi di Mach 3 Sport lavoreremo bene sin dalle prove siamo certi di poter dire la nostra”.

MAIN NEWS ( di Fabrizio Handel, mail 03.08.2016) / WEEKEND IN SALITA PER MANCIN SUL NEVEGAL
Il pilota di Rivà lotta a lungo contro il meteo e le noie tecniche, prontamente risolte dallo staff di Mach 3 Sport, che ne rallentano il passo soprattutto nella prima tornata.
Rivà (Ro), 03 Agosto 2016 – Il bel successo ottenuto recentemente alla Cronoscalata di Čabar non è stato di buon auspicio per il successivo appuntamento, tenutosi domenica scorsa, con la salita dell'Alpe del Nevegal.
L'evento bellunese, che festeggiava quest'anno l'edizione numero quarantadue, non ha portato fortuna a Michele Mancin il quale ha vissuto un fine settimana, decisamente travagliato, alternato da condizioni meteo che cambiavano in modo repentino alle quali vanno ad aggiungersi alcuni problemi di natura tecnica che non gli hanno permesso di esprimersi al meglio.
Il portacolori di Mach 3 Sport chiude comunque con un positivo sesto posto di classe A1600, su tredici partenti, al volante della Citroen Saxo gruppo A.
Che non fosse l'occasione ideale per tentare una doppietta lo si era inteso sin dalla giornata del Sabato quando, nella prima manche di prova, Mancin notava un lieve calo di potenza.
Nella convinzione che si trattasse di una sensazione sbagliata il pilota di Rivà, dopo aver apportato alcune migliorie nel setup della Saxo, ripartiva per la seconda salita di test ma il problema di erogazione continuava a farsi sentire.

“Dopo la sessione di prova ci siamo accorti di un calo alla pressione della benzina” – racconta Mancin – “e abbiamo quindi deciso, con i ragazzi di Mach 3 Sport, di smontare il pescante del serbatoio per controllare che tutto fosse a posto. Non abbiamo rilevato particolari problematiche ad eccezione di un po' di sporcizia nel filtro e nel serbatoio. Abbiamo lavorato duro sino alle otto e mezza di sera ma eravamo certi di aver risolto e ci siamo quindi preparati per la gara.”

Il giorno seguente la partenza di gara 1 diventa una vera roulette: mentre Mancin attende il proprio turno alla service area inizia a piovere copiosamente, costringendo i meccanici a rivoluzionare l'assetto per portarlo in configurazione da asfalto bagnato.
Una volta ultimate le operazioni la Citroen Saxo del polesano si avvia verso l'allineamento ma, più il tempo passa, più la pioggia si riduce di intensità, fino a smettere, lasciando spazio al sole e al vento che asciugano rapidamente il manto stradale.
Con pochi minuti a separare Mancin dallo start i ragazzi di Mach 3 Sport si superano, riuscendo a sostituire le coperture ed apportando alcune regolazioni all'assetto della vettura.
Giunto in tempo per lo start di gara 1, dopo una buon primo tratto, il rivarese lamenta dei vuoti di benzina fuori dalle curve che gli fanno incamerare secondi pesanti, allontanandolo dai primi.
Rientrati alla service area la Saxo viene controllata a fondo ma, vista l'assenza di danni a primo impatto, si decide di caricare nel serbatoio trenta litri di benzina per viaggiare in sicurezza.
“In gara 2 è tornata protagonista la pioggia” – aggiunge Mancin – “ma abbiamo comunque staccato un buon tempo, nonostante fossimo abbastanza sconfortati, precedendo di un secondo Bommartini, ma comunque distanti dal vincitore Capraro. Purtroppo le gare sono così.”

EXTRATIME by SS/ In cover Michel Mancini all’interno dell’abitacolo di ‘casa Citroen Saxo,
Poi in fotogallery proponiamo dapprima il pilota polesano in foto sulla sua Citroen Saxo n.123 come da Edizione 2015 (, vista laterale , immagine a cura di Nicola Biondo) , mentre relativamente alla  Cronoscalata Alpe Nevegal 2016  vi proponiamo Michele sulla sua Citroen Saxo numero 131 (immagine a cura di Stefano Temporin) stavolta vista di fronte.

Fabrizio Handel & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it