Pioggia-gol in Serie D/ Risorge Delta Rovigo col neo mr Antonelli, sprofonda Clodiense; pari fireworks tra ex in Mestre – La Fenadora


15/10/2015

Domenica ero andato a vedere il Delta Rovigo di mr Bagatti allo stadio Gabrielli anche perché al mercoledì poi avrei dovuto vedere la sfida tra Mestre e Union Ripa La Fenadora nel turno infrasettimanale. Tutto per effetto delle ‘valutazioni comparate’ e di quelle ‘esperienze dinamiche’ che sono necessarie e indispensabili per garantire una ‘informazione’ più completa e significativamente storica sul Calcio Veneto.
E così ieri mattina , dopo aver partecipato presso la Polistudio di Ceregnano all’incontro “Comunicare la Sicurezza” promosso dall’Ordine dei Giornalisti del Veneto ( rientra nell’ambito egli appuntamenti di formazione professionale giornalistica continua) , mi sono mangiato ‘due banane’ e pronti via fino a Mogliano per vedere ‘attentamente’ la sfida tra il Mestre di mr Luca Tiozzo, bomber Gherardi etc e l’Union Ripa La Fenadora di mr Lauria e dei difensori Dall’Ara & Ianneo e bomber Riccardo Santi.
Insomma , anche per memorizzare storicamente tutti i risultati di questo turno infrasettimanale di SERIE D, eccoci qui con questa estemporanea panoramica, partendo comunque dal Girone D, dove era atteso il responso dello stadio Gabrielli di Rovigo visto che il Delta Rovigo del neo mister Vito Antonelli cercava la resurrezione dopo il ‘fresco’ esonero di mr Massimo Bagatti. E come succede spesso dopo ogni cambio allenatore, il Delta Rovigo ha stravinto rifilando ‘quaterna secca’ alla Sanmaurese grazie alla doppietta di bomber Pera dopo il gol iniziale di Gattoni  e il gol finale di Castellani.

 

 

Adesso non resta che continuare per mister Antonelli e per il Delta Rovigo del presidente Mario Visentini, come è successo l’anno scorso quando dopo i ‘relativi esoneri’ e gli arrivi di mr Rossi prima e mr Tiozzo poi hanno rivisto vincere e convincere il team della Visentini family.

 

 

Sinceramente penso che a centrocampo ci sia bisogno di alcune variazioni sul tema, visto che per necessità di ‘passo’ ci sarebbe bisogno di giocatori del ‘ritmo e dell’inventiva ‘ di Lauria e Laurenti, ma potrebbe anche succedere che , visto questa annata ‘quasi scappata via’ pro Parma, ci si ‘accontenti’ di una buona stagione di transizione, senza richiedere ‘specifici tasselli tecnici’ per mixarli in modo prolifico con l’andamento lento, nei fraseggi’ del centrocampo attuale.

 

 

Ovviamente salvo convinzioni diverse che spettano allo staff tecnico rodigino, in primis alla troika Mario & Lorenza Visentini con ds Fabrizio Zuccarin sul fronte di …quel che può offrire il mercato.
Anche per ovviare al fatto che in estate questa Delta Rovigo ( ma speriamo di essere smentiti dal campo) è stata ristrutturata troppo ex novo, senza affidarsi ad alcuni ‘noti e collaudati campioni’ già in casa tra …centrocampo e trequarti campo.

 

 

Intano domenica sono arrivati tre punti speciali perché fanno morale e classifica , per il Delta Rovigo di mr Antonelli , mentre a livello veneto registriamo il pareggio 1-1 tra Legnago e Mezzolara 0-0, il pareggio 1-1 dell’Altovicentino in casa Lentigione, mentre sprofonda all’ultimo posto la Clodiense battuta 2-0 in casa Romagna Centro
Segnalato altresì la vittoria del forte San Marino per 1-0 sul Villafranca come quella della capolista Parma nel posticipo in casa del Ribelle, segnaliamo i seguenti altri risultati: Forlì – Correggese 1-3; Imolese – ArzignanoChiampo 4-3; Ravenna – Bellaria 2-2 e infine Virtus Castelfranco – Fortis Juventus 5-0.

 

 

Restando ovviamente sempre in SERIE D, ma passando nel Girone C, segnaliamo il pari 2-2 dell’Abano in casa contro la capolista Venezia di mr Paolo Favaretto.
Fermo restando che in scia ha pareggiato 1-1 il Campodarsego di mr Andreucci nel big match vs Virtus Vecomp Vr di mr Fresco, hanno vinto sia il Calvi Noale ( 3-0 come previsto sul Dro ultimo) e il Levico Terme ( largo 4-0 sul Giorgione). In una giornata di pioggia e di gol, a partire dalla vittoria della Luparense San Paolo per 4-3 a Montebelluna, quindi il 3-2 della Liventina vs Monfalcone.

 

 

Da ricordare altresì la significativa vittoria della Triestina per 2-1 a Fontanafredda, mentre il Belluno ha vinto per 2-1 la sfida contro l’Este di mr Pagan.
E per la serie partite fireworlks segnaliamo a completamento gli ultimi due pareggi scoppiettanti; quello 2-2 tra Tamai e Sacilese e più rotondo 3-3 tra Mestre ed Union Ripa La Fenadora.

 

 

Un match che sono andato a vedere direttamente sul campo di Mogliano e di cui pertanto …posso parlare maggiormente a ragion veduta per esperienza diretta.
Per la cronaca ecco la sequenza delle reti come sono sttae ‘ufficializzate’ : vantaggio Guzzo per gli ospiti (34' pt), pareggio Migliorini per i locali (37' pt) ; sorpasso by Gherardi per il Mestre (rigore 43' pt, con espulsione del portiere Salsano) ; pareggio ospite Madiotto (13' st) ; vantaggio al 30’ st by bomber Santi di testa su sviluppi corner (anche se Tuttocampo ‘segna’ Ianneo) ; pareggio definitivo Andrea Nobile (35' st)  per il Mestre di Luca Tiozzo.

 

 

Da segnalare che è apparso più ‘mobile’ l’Union Ripa La Fenadora di mr Renato Pinter Lauria mentre il Mestre ha dimostrato maggior esperienza.
I gol? Il primo in mischia di testa by Guzzo su calcio d’angolo, un regalo difensivo il pareggio del ‘furbo’ Ferrari che si è ‘meritato’ il fallo al limite dell’area poi trasformato in gol all’incrocio con la punizione calciata da Migliorini ( ex Delt PTR) .
Di furbizia in furbizia ecco ancora lo ‘zampino’ d Ferrari bravo a ‘scattare’ oltre il tandem centrale feltrino Ianneo & Guzzo . Chi doveva scalare? Il difensore centrale dx visto che il lancio in verticale era partito dal centrocampista di dx mestrino.

 

 

Ma ciò non è successo; poi il portiere Salsano è uscito senza strisciare a terra in tuffo per impattare col corpo, visto che il terreno era scivoloso. Insomma è rimasto in piedi ad ‘incocciare’ appena dentro l’area l’impatto col Ferrari – furbo nel tocco a seguire oltre il portiere prima dell’impatto.
Come da regolamento espulsione del portiere , sostituito dal bravo Scaranto; quindi rigore trasformato da Enrico Gherardi ( ex Delta Rovigo).

 

 

Detto che sono stati belli i successivi gol targati Union Ripa La Fenadora ( il primo col tiro a giro all’incrocio con Madiotto, il secondo col colpo di  testa di Riccardo Santi  ex Clodiense e Delta Rovigo.  Pensate: in 10 gli ospiti hanno recuperato e fatto sorpasso sul Mestre di mr Tiozzo. Ben i giovni dell’Union Ripa che hanno continuato a giocare, mentre mr Tiozzo ha sostituito Gherardi col più agile Florian, determinante peraltro nel tiro ribattuto da Scaranto su cui è ‘scattato’ Andrea Nobile per il tap in decisivo pro 3-3 salomonico.

 

 

Ma cos’è che non è andato in occasione di questo gol? Diciamo che Florian ha controllato di petto e si è girato per il tiro, senza trovare adeguata pressione-ostacolo da parte del suo difensore centrale; poi l’esterno dx dell’Union Ripa Fenadora può rammaricarsi per non essere ‘rientrato subito’ in copertura al momento del tiro di Florian che ‘poteva ‘ essere ribattuto dal portiere.

 

 

Pagliuzze in un occhio? Penso proprio di no, anzi … a ciascuno i suo! Come a dire che , le potenzialità sono da Serie D, ma se si migliora anche in situazioni come queste allora certi giocatori possono giocare anche in Lega Pro. Praticamente consigli non tanto per gli acquisti, ma per i diretti interessati, dai giocatori agli allenatori che …possono far crescere al meglio i loro giovani giocatori.
Poi c’è il modus in rebus e così, ci risentiamo alla prossima puntata, cioè domenica prossima con la nostra solita completa panoramica anche su tutti gli altri campionati, compresi dall’Eccellenza alla Terza categoria compresa.

 

 

Mentre a completamento di questo nostro straordinario appuntamento infrasettimanale segnaliamo che in PROMOZIONE si è disputata la sfida valida per il TROFEO REGIONE VENETO , col Badia di mr Piccinardi che ha perso 3-1 in casa della Seraticence e perciò si ferma qui la corsa della squadra polesana.

 

 

EXTRATIME by SS / La cover è per Enrico Gherardi che avevo salutato domenica allo stadio Gabrielli di Rovigo , perché col suo Mestre aveva giocato nell’anticipo di sabato e perché a Mogliano l’ho fotografato ‘marcato ‘stretto’ dal difensore targato Union Ripa La Fenadora.
Poi per quanto riguarda la fotogallery partiamo dalla sede della Polistudio a Ceregnano  dive questo mercoledì c’è stato il corso aggiornamento per Giornalisti organizzato dall’ODG del Veneto.
Nello specifico ecco innanzitutto il ‘signore coi baffi’ Paolo Aguzzoni da Badia perché mi ha coinvolto nella visita culturale della villa Morosini-Bragadin-Polistudio ascoltando il ‘Cicerone’ suo amico sempre badiese.
Quindi il ‘trio relatori’ con da sx Marco Petternella, Maria Eleonora Buratti, Lorenzo Belloni presidente Polistudio e già della Camera di Commercio Rovigo.
Come detto nella storica villa lungo il Canalbianco …come da certificazione ‘albero genealogico’ delle casate proprietarie.
Passando al calcio giocato nel turno infrasettimanale vi proponiamo by sito Sport.Sky la foto team del Parma winner a Ribelle con tutte le didascalie che ne certificano la ‘provenienza’.
Poi un trittico flash che ho scattato domenica scora al Gabrielli di Rovigo giusto per onorarne i protagonisti della vittoria infrasettimanale, A partire da bomber Pera , quindi in tandem da sx cap Nigro e Gattoni infine in trio da sx Busetto, Castellani, Cerchi-portiere.

 

 

Invece per quanto riguarda la sfida infrasettimanale di Mogliano partiamo dal saluto iniziale a centrocampo da parte del team Union Ripa La Fenadora, quindi‘sopra l’ombrello’ Andrea Dall’Ara al centro vs Stefano Casarotto ‘n.11’ arancione del Mestre.
A seguire i festeggiamento dell’Union Ripa La Fenadora dopo il primo gol segnato by Guzzo, poi quelli del Mestre attorno a mister Luca Tiozzo dopo il gol del pareggio di Migliorini. Per quanto riguarda il gol del primo sorpasso by Mestre vi proponiamo come Anteprima l’espulsione del portiere ospite Salsano ( esce allargando le braccia) e la gioia gol di Enrico Gherardi dopo aver trasformato il rigore del 2-1 per i lagunari veneziani.
Per quanto riguarda l’eurogol secondo pareggio by Madiotto ecco i relativi festeggiamenti da parte dei players della Fenadora ( primo a dx Dall’Ara).
Ma poiché è stato davvero un match scoppiettante e con tanti protagonisti, eccovi la relativa distinta con nomi e cognomi e data di nascita di tutti gli attori che hanno ‘interpretato ‘ ciascuno a modo loro, la partita di Mogliano con classico pareggio salomonico ma fireworlks.

Sergio Sottovia
www.polesinesport.it