Porsche Carrera Cup / A Imola ( gara 2) sfuma la vittoria di Alessandro Balzan


06/07/2010

La ‘testina’ d’apertura è quella di Alessandro Balzan ‘primo’ sul podio di Imola nella gara 1. Gli spetta, come NUMER ONE. Lascio stare i miei bla bla bla. Dico solo che domenica pomeriggio ero ad Albarella e al suo/mio amico A.Z. sono stato felice di dire che “Balzan aveva dominato a Imola nella gara 1”. Alimentando aspettative per la gara 2.

Quella che avrei voluto vedere in tv sul Canale Nuvolari, quella che avrei voluto mettere subito domenica sera su questo sito, per SERVIRE il team Balzan. Il resto lo racconta ‘vivo live’ l’inviato speciale Michele Guerra dentro una gara 2 speciale, tant’è che cedo il passo alla ‘simbiosi’ e sotto le foto lascio la didascalia targata …War – Car, una guerra prodotta da altri, anzi da Sonvico e che ha messo fuori causa lo sfortunato Alex & altri protagonisti. Cos’è successo, domenica 4 luglio? Ecco cosa ci racconta …Mickey Mouse.


<<Imola (Bologna) – Un vero disastro è quanto ha saputo mettere in atto il pilota comasco Andrea Sonvico (Bonaldi Motorsport), nella gara 2 del Carrera Cup di Imola. Partito in seconda fila dietro a Enrico Fulgenti (Petricorse Motorsport) in virtù del capovolgimento delle prime otto posizioni di arrivo in gara 1, Sonvico presa la testa della corsa attorno al quarto giro mentre subiva l’attacco di Stefano Comandini (AB Racing), il pilota lombardo con la sua Porsche andava sul cordolo di bordo pista che gli procurava lo scoppio della gomma anteriore destra con conseguenti danni alla vettura costringendolo al ritiro.

 

Da qui in avanti avveniva il misfatto da parte di Sonvico; volente o nolente con la propria Porsche danneggiata dallo scoppio del pneumatico che a sua volta causava la perdita di liquido, il pilota della Bonaldi Motorsport effettuava un intero giro di pista per raggiungere i box, danneggiando il fondo della pista, che successivamente scatenava dietro di lui una pericolosa carambola che malamente coinvolgeva Christian Passuti (Antonelli Motorsport), Vito Postiglione (Petricorse Motorsport), Balzan e Massimo Monti (Antonelli Motorsport), terminando entrambi fuori pista quasi contemporaneamente.

Episodio negativo che mandava su tutte le furie l’intero collegio dei commissari sportivi di Imola che adottavano la mano pesante nei confronti di Sonvico escludendolo dalla manifestazione. Epilogo fortunatamente senza danni per i piloti coinvolti nella carambola, era il pilota romano Comandini a passare per primo sotto la bandiera a scacchi seguito da Fantini e Fulgenzi a completare il podio di gara 2. Grande rammarico per Alessandro Balzan, che dopo il successo conquistato in gara 1 iniziava a sentire il gusto della rimonta.

Purtroppo è riuscito a risalire una sola posizione per lui dopo il successo del sabato ritrovandosi quarto a quota 60 punti, con un gap dal leader Postiglioni di diciannove lunghezze e tre gare dal termine del campionato si preannuncia un finale incandescente, incoscienti permettendo.
Classifica dopo quattro prove di otto round: 1 V.Postiglione pt.79, 2 C.Passuti 70, 3 A.Frassineti 64,
4 A.Balzan 60, 5 S.Comandini 59, 6 M.Fantini 40, 7 J.Sutton 36, 8 A.Sonvico 35, 9 M.Monti 34, 10 A.Bonacini 20.
Classifica Team: 1 Ebimotors pt.102, 2 Petricorse MS 87, 3 Antonelli MS 81. >>



EXTRATIME/  Completando l’incipit, segnalo che nella fotogallery , a windows dall’alto in basso, abbiamo messo il sorriso ai box di Alex con la sua fidanzata Alice. Quindi le fasi della corsa con la ‘black car’ di Alex protagonista comunque sul circuito di Imola, come dimostrano i sottotitoli. Ma abbiamo chiuso riproponendo il chiusura fotogallery , dopo l’arrivo vittorioso di Alex in gara 1, il relativo podio completo di ‘sorrisi e coppa’ tra gli applausi dei ‘coinquilini’ podio.

 

Vale come augurio, per il rush di Alex nel proseguo della Porsche Carrera Cup, in una stagione in cui la Fortuna è stata finora più una dea ‘sbandata’ che bendata. Ma …io sono sereno ( lo so che conta poco e Balzan non ha bisogno di me), perché la Fortuna alla fine va ai più forti. E la Porsche Carrera Cup è solo una tappa della vita sportiva che per Alex sarà in escalation, metabolizzando anche tappe sfortunate.



Michele Guerra & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it