ROVIGO CALCIO/ Il comunicato di mister Carmine Parlato sottolinea “mancanza di chiarezza nel rapporto tra Scerra e Calanca”. E “la squadra, i tecnici e gli addetti alla prima squadra esprimono il loro disgusto” per iscritto


Amarezza per la telenovela biancazzurra. E venerdì 11 febbraio 2011, i giocatori non si sono allenati. Questo il titolo su La Voce di Rovigo :” Senza soldi per la benzina, i giocatori dicono stop”. E nel sottotitolo la spiegazione “ Situazione drammatica, non c’è l’ombra degli stipendi. Comunicato durissimo di mister Parlato”.

Una verità amara. Pochi giorni prima Gigi Patrian mi dice:<< Ci vediamo al bar di fronte allo Stadio Gabrielli così mettiamo a punto la prima puntata del programma televisivo “LUNEDI IN CAMPO” ( canale 855 Sky e canale digitale 692). Trattasi della trasmissione che poi è andata in onda su FREE CHANNEL per Premia Free, con la partecipazione di Vito Antonelli, l’arciere del Rovigo Calcio, con Renzo Sarti opinionista sull’Adriese e dintorni, con Cristiano Masotti ds dell’Union At, con Mattia Cavallaro ds del Boara Pisani, con Simone Braggion (282 gol in carriera) bomber del Boara Polesine.
A condurla Stefano Viafora con Gigi Patrian ‘anchor man’ col sottoscritto seduto a fianco sul sidecar a parlare step by step in viaggio nelle varie categorie, dall’Eccellenza fino alla Seconda e dintorni.
Ebbene, tornando all’incontro nel “Bar del Calcio” ho incrociato Claudio Dondi il nuovo dirigente che riferiva ‘ speranze e promesse’ della gestione Claudio Calanca, ai ‘preoccupati addetti ai lavori del Calcio Rovigo ( cioè Martinelli & Company).
Poi ho all’interno del bar ho salutato ( senza chiedergli niente) Giorgio Giuliano, una storia da responsabile settore giovanile biancazzurro e uomo di fiducia del presidente Francesco Scerra.
Ebbene, si sa, i problemi del Calcio Rovigo sono sulla bocca di tutti gli sportivi del capoluogo e del Polesine. Ma la verità è una storia e i problemi da risolvere, in capo a chi ne ha la responsabilità, sono tanti e pesanti. Perciò niente accuse al passato perché per certi versi Francesco Scerra è come se fosse ‘Atlante’ con sulle spalle il ‘mappamondo’ del Rovigo Calcio. In un mondo polesano dove il Calcio ritengo non abbia le ‘potenzialità economiche’ per sostenere una squadra ‘costruita per vincere, salire e restare  in Serie C2’.
A questo proposito magari in tanti possono pensarla da ‘tifosi sognatori’ però i tempi attuali sono quelli che ‘propongono’ ripartenza-ridimensionamento, perché così è la realtà di una sinergia socio -istituzionale "appena sufficiente".
E la realtà ‘dirompente’ è quella di venerdì scorso 11 febbraio 2011 allo Stadio Gabrielli era rappresentata dalla solo presenza dirigenziale di Giorgio Giuliano, delegato del presidente Scerra e che si è incontrato con la squadra (per mezz’ora).
Spiegando gli ‘ultimi eventi societari’ in capo alla gestione del presidente Scerra e spiegando che “ la situazione relativa a questa annata calcistica come da accordi spetta alle gestione Calanca far fronte agli impegni presi”.
Sta di fatto che poi, assente l’influenzato Claudio Dondi a rappresentare Calanca, c’è stata una lunga riunione negli spogliatoi di tutta la squadra a cui ha fatto seguito questo testuale comunicato:<<La squadra, i tecnici e gli addetti alla prima squadra esprimono il loro disgusto per questa situazione che si protrae ormai dall’estate scorsa. Ad oggi tante chiacchiere e pochi fatti anzi solo fatti negativi, mancano gli stipendi, il gas ma anche gli alimenti quotidiani. Nonostante tutto questo la nostra professionalità non è mai mancata purtroppo questi eventi ci condizionano, difficile venire ad allenarsi quando vengono a mancare anche i soldi della benzina per spostarci. Questo poi incide anche nelle partite ufficiali dove però nonostante tutto abbiamo sempre saputo esprimersi con grande professionalità tenendo comunque alta l’immagine del Calcio Rovigo e di questa Città. La mancanza di chiarezza nel rapporto tra Scerra e Calanca non fa altro che peggiorare la situazione per il futuro nostro e del Calcio Rovigo ma per quanto ci riguarda non faremo mai mancare alla città e ai tifosi la nostra professionalità restando in attesa di qualche risposta speriamo immediata da parte di chi vuole portare avanti le sorti di questa società. Speriamo che tutti ci aiutino in questo percorso per il bene dello sport e del calcio a Rovigo. Cogliamo l’occasione per ringraziare tutte quelle persone che comunque ci hanno sostenuto in questo periodo con il loro affetto e sostegno morale”.

Una verità drammatica per il Rovigo Calcio, che va al di là del risultato domenica dell’Union Quinto. Insomma ciò che abbiamo riferito sopra è ‘STORIA’ mentre per la ‘sola cronaca, Vi proponiamo i tabellini del match vinto dai trevigiani per 2-1 in sorpasso spiegato come segue sul sito www.venetogol.it  :<<Dopo una fase di stanca al 35' arriva il pareggio. Paolini mette in area un cross basso che la difesa ospite non riesce a rinviare facilitando il tap-in vincente di Roman Del Prete. Quando sembra tutto finito lo stesso attaccante tira da oltre 30 metri senza pretese ma Covi si fa scivolare la palla sotto le gambe e combina il patatrac.>>
RETI: pt 21' Doukara; st 35' e 48' Roman Del Prete.
UNION QUINTO (4-2-3-1): Tomei 6; Sartoretto 7.5, Scappin 6.5 (st 42' Nichele sv), De Checchi 6.5, Stancanelli 6.5; Tonizzo 7, Vidotto 6.5 (st 26' Spadotto 6.5); Salzano 6 (st 23' Morbioli 6.5), Roman Del Prete 7.5, Paolini 6.5; Falco 6. Allenatore: Tomei.
ROVIGO (4-3-3): Covi 4.5; Dionisi 6, Ruopolo 6, Niccolini 6, Elitro 6; Stendardo 6.5 (st 16' Veronese 6), Barbi 6.5, Antonelli 6.5; Rapella 6 (st 19' Cazzadore 6), Doukara 6.5 (st 38' Carofiglio sv), Zanardo 6. Allenatore: Parlato.
ARBITRO: Maggioni di Lecco 5.5.
NOTE Ammoniti: Dionisi, Paolini, Elitro, Covi. Recupero: pt 2', st 3'. Calci d'angolo 6 a 3 per l'Union Quinto. Spettatori 250 circa.>>
EXTRATIME by SS/ La cover non dimentica il tandem Scerra- Parlato winner per la promozione in Serie C2. E per una ’questione di fiducia nel futuro’ proponiamo poi la foto dei protagonisti della prima serata televisiva ( lunedì, 11 febbraio 2011) nello studio di Prima Free per “Lunedì in campo” con da sx, Masotti, Braggion, Antonelli, Viafora, Patrian, Sottovia, Sarti, Cavallaro.



Sergio Sottovia
www.polesinesport.it