Sean Maloney, ex ‘seconda linea’ a Rovigo e giornalista Fox Sports Australia, spiega Rio 2016 & Aussie 7s... for "XX Petternella" femm


03/09/2016

Il rugby visto da vicino  visto da lontano non sono due situazioni diversa per Sean Maloney.
Semplicemente perché avendo giocato da ‘seconda linea’ nella Rugby Rovigo 2006/07 e raccontando adesso “ THE RUGBY” come commentatore della  palla ovale di Fox Sports Australia ha praticamente completato le ‘due facce di una stessa medaglia’.
Per questo e per altri motivi è stato intervistato da Enric Quaglio sul Grande Rugby e specificatamente su Rio 2016 e il Rugby Seven al femminile in vista del XX Torneo Mirko Petternella” di Rugby Seven Femminile in programma in data 25 cm allo stadio Battaglini e organizzato by Le Rose Rovigo Rugby con un impatto di livello internazionale.
Anche per questo eccovi tout court in Main News il reportage by E.Q. con allegata Appendice News giusto per ricordare by wikipedia quali sono stati i compagni di ventura di Sean Maloney a Rovigo con la maglia rossoblu in quella ‘difficile’ stagione 2006/07 per i Bersaglieri .
Per tutto il resto , compreso i precedenti blow up pubblicati su questo sito www.polesinesport.in in questa stessa rubrica…  chapeau al R/ femminile anche da parte di Sean Maloney commentatore televisivo australiano, anche perché ( vedi fotogalley ) la golden medal a Rio 2016 è stata appannaggio delle Aussie 7s women.

MAIN NEWS  ( di Enrica Quaglio by Le Rose Rovigo Rugby, mail 03.09.2016)/ INTERVISTA A SEAN MALONEY EX ‘SECONDA LINEA’ RUGBY ROVIGO E GIORNALISTA FOX SPORTS AUSTRALIA SPIEGA RIO 2016 & AUSSI 7S IN VISTA DEL “ XX TORNEO "MIRKO PETTERNELLA" 7S FEMMINILE A ROVIGO

Sean Maloney è un nome che ai più potrà risultare nebuloso o sconosciuto, ma si tratta in realtà di un ex giocatore di rugby, transitato anche per il nostro Campionato, da seconda linea nel Rovigo in una delle stagioni forse più particolari nel recente passato rossoblu.
Oggi, appesi gli scarpini al chiodo, è diventato uno dei più quotati ed esperti giornalisti down under, tanto da essere nel team di commentatori della palla ovale di Fox Sports Australia. Siamo andati alla riscoperta del suo passato in Polesine e alla scoperta, invece, del rugby australiano di oggi, in particolar modo quello a sette.

“Ho amato tantissimo i momenti passati a Rovigo. Ho davvero dei ricordi indelebili della mia stagione 2006/2007. Fu un’annata difficile, dove lottammo per non retrocedere. Ricordo una partita importante che dovevamo giocare. Segnammo e dovevamo solo ripartire. La palla arrivò a me, la passai a Manuel Contepomi che la calciò in touch. Ricordo ancora quel momento preciso. Così come la pizza in via Savonarola dove vivevamo. Buonissima”.
Il rugby australiano nel Seven sta vivendo un momento straordinario.
“Le Olimpiadi di Rio sono state una fase epica per il rugby australiano. È stato davvero incredibile. Chiunque abbia seguito le ragazze quest’anno, sapeva che avevano una marcia in più rispetto alle avversarie ma questo non vuol dire nulla quando ti stai giocando una medaglia d’oro olimpica. Ci sono stati tantissimi altri atleti australiani dati per favoriti, come ad esempio nel nuoto, che non ce l’hanno fatta. Quello che mi è piaciuto di più del traguardo raggiunto dalle ragazze è stata la loro esecuzione. È stato un capolavoro di
testa, abilità e preparazione. Gli uomini, invece, hanno delle buone qualità, ma purtroppo tutti in Australia hanno riconosciuto che il loro cammino è stato davvero duro”.
Chi è stata la giocatrice che più si è fatta valere secondo te?
“Charlotte Caslick è stata nominata migliore atleta del torneo e credo sia giusto. Detto ciò, però, il motivo per cui Charlotte ha avuto questo riconoscimento ed ha avuto così tante opportunità per fare ciò che ha fatto, è grazie alle altre sei ragazze australiane sul campo, che son altrettanto brave e mettono in apprensione allo stesso modo tutte le difese”.
Com’è stata vissuta l’impresa in Australia?
“Grande eccitazione. Abbiamo tutti urlato e gioito per queste ragazze. Sono fantastiche. Io personalmente ho guardato la finale con mia figlia di cinque anni e lei ora vuole giocare come Chloe Dalton e le altre ragazze”.

Da seconda linea, non devi aver avuto grandi possibilità nel Seven, ma quali sono le caratteristiche del gioco e dei giocatori?
“Mi piace il fatto che devi essere più preparato in ogni singolo aspetto del gioco, altrimenti tu e la tua squadra sarete sconfitti. Tutto è amplificato. Sbagli una pulizia in ruck? Turnover. Sbagli un placcaggio? Meta contro. Sbagli un singolo passaggio? Sei costato una meta fatta alla tua squadra”.

Rio sembrerebbe essere stato un grande inizio, ma comunque solo l’inizio...
“Si, Rio è stato il calcio d’inizio per qualcosa di veramente speciale nel mondo del Seven. Ma sono sicuro che già Tokyo sarà una cosa folle”.

APPENDICE FLASH STORY ( by wikipedia) / RUGBY ROVIGO : ROSA STAGIONE 2006/07 CON SEAN MALONEY “SECONDA LINEA”…
Ruolo ala: Diego Furin, Giacomo Gnesini, Andrea Bacchetti e Cristian Săuan.
Ruolo centro: Manuel Contepomi, Dino Ferracin, Emanuel Pellegrini (gioca anche come ala e mediano di mischia), Jacob Gaina, Rocco Salvan e Andrea Bettarello.
Ruolo estremo: Pablo Calanchini (gioca anche come ala e come centro), Norman Di Maura (gioca anche come ala).
Ruolo mediano di mischia: Filippo Flagiello e Leandro Lobrauco.
Ruolo mediano d'apertura: German Bustos e Mattia Martinelli.
Ruolo pilone: Ignacio Esteban de Bialoskursky, Rik Dolcetto, Alfredo Gasparini, Juan Pablo Orlandi, Carlos Parra, Matteo Sclosa.
Ruolo tallonatore: Flavio Damiano (gioca anche come pilone), Daniele Gatti (gioca anche come terza linea).
Ruolo seconda linea: Stefano Baldo, SEAN MALONEY, Filippo Montalto e Tommaso Reato.
Ruolo terza linea: Niccolò Badocchi (gioca anche come seconda linea), Gareth Davies, Gonzalo Leguizamon, Marco Barion, Stefano Oliviero, Santiago Padrò, Charles Wyllie, Pietro Aggio.

EXTRATIME by SS / In cover Sean Maloney commentatore griffato Fox Sports Australia.
Poi in fotogallery due flash by Rio 2016 perchè si parla di Rugby Seven Femminile, lo sport che ha regalato alle Aussie Girls la meritatissima medaglia d'oro.


Enrica Quaglio & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it