Skating Club Rovigo è “Stella d’Oro al merito Sportivo” by Coni Roma/ E Lady Roberta Ponzetti é “Palma di bronzo”


26/11/2014

Due è meglio che …one.  Non è uno spot pubblicitario, è la realtà in casa Skating Club Rovigo. Già era straordinaria la “Stella d’Oro” by Coni Roma allo Skating Club Rovigo, ma la combinata con la “Palma di bronzo” al tecnico Roberta Ponzetti mette un ‘sigillo prezioso’al MERITO di Persone & Associazioni che da ‘sempre’ sono al servizio dello Sport , anzi della Formazione & Educazione dei Giovani per essere poi “Signori” in ambito socio-istituzionale nel territorio di riferimento , inteso come …Testimonial in the world.
Per questo non vogliamo rubare il centro della scena allo Skating Club Rovigo & Roberta Ponzetti, ma vi proponiamo tout court il professione reportage by Paolo Ponzetti, anche se nell’occasione il ‘by heart’ sia familiare che come vice-presidente della società è tenuto …sotto controllo.
Anche per questo, al di là dei ricordi personali con Giampaolo Parini e con Marilisa Zancanaro nel nome del padre Cesare “Campione & Signore” tra Pattini & Football, mi piace completare il ‘corpus’ istituzionale con due Appendici Flash Story by sito societario perché  qualificano nella sua forma interpretativa più autentica sia la Story dello Skating Rovigo che l’evoluzione’ professionale-organizzativa di Roberta Ponzetti ‘tecnico evergreen’ in casa …pattini da corsa.

MAIN NEWS ( di Paolo Ponzetti , mail 26.11.2014) / ASD SKATING CLUB ROVIGO: E’ D’ORO IL PREMIO CONI ALLA SOCIETA’, CONSEGUITA LA PRESTIGIOSA “STELLA” AL MERITO SPORTIVO/ E “PALMA DI BRONZO” PER L’ALLENATRICE ROBERTA PONZETTI

 

 

<< "Stelle d’Oro al merito Sportivo per l’anno sportivo 2013 in riconoscimento delle benemerenze acquisite dal sodalizio in tanti anni di attività". Con questa motivazione il Coni ha conferito allo Skating Club Rovigo la massima onorificenza sport.
L’emozionante comunicazione è giunta alla società rodigina di pattinaggio corsa ha firma del presidente nazionale del Coni Giovanni Malagò che ha aggiunto: "L’onorificenza vuole attestare di fronte al mondo sportivo i meriti degli atleti, dei tecnici e dei dirigenti della Società ed esprimere insieme la più sentita gratitudine del Coni per il contributo offerto alla crescita e all’affermazione dello sport italiano".
Per lo SKATING CLUB ROVIGO si tratta di un traguardo eccezionale raggiunto in una lunga storia iniziata nel lontano 1961 quando venne fondato il club. La Stella d’oro giunge dopo quelle di bronzo (1987) e argento (1994), ma non è l’unica che il Coni nazionale ha conferito.
Infatti al Responsabile tecnico ROBERTA PONZETTI è stata conferita la "Palma di bronzo" per la brillante carriera prima di atleta e soprattutto poi di allenatore "per la passione che mette nell’insegnare ai propri allievi, dai piccoli di 6 anni a quelli che vestono la maglia azzurra e conquistano titoli e medaglie a livello nazionale e internazionale".

 

 

Due riconoscimenti che sono stati accolti con entusiasmo al termine di una stagione che ha visto la società lavorare sodo giorno per giorno al fine di cercare di terminare il Pattinodromo Adriatic LNG e i due atleti, Mattia Diamanti e Riccardo Passarotto, vestire la maglia dell’Italia ed essere protagonisti al Campionato mondiale di inizio mese in Argentina. «Meglio di così questa stagione non poteva andare - commenta il presidente Federico Saccardin - è stato un susseguirsi di soddisfazioni ed emozioni e il riconoscimento da parte del Coni nazionale ci induce a cercare di fare ancora meglio. Vogliamo condividere la Stella d’Oro con quanti, da quel lontano 1961, hanno lavorato e si sono sacrificati per portare avanti con passione la società. A loro siamo infinitamente».
Felice e sorpresa l’allenatrice Roberta Ponzetti: «Ringrazio quanti hanno portato avanti la candidatura ad iniziare dall’ex presidente provinciale del Coni, Paolo Rondina, per questo significativo riconoscimento. Un bel premio che voglio dividere con la mia famiglia, tutti gli atleti del club e con quanti, con passione e umiltà, lavorano giornalmente affinché lo Skating Club Rovigo migliori sempre di più».



PRIMA APPENDICE FLASH STORY ( by www.skatingclubrovigo.it , datato Martedì 25 Ottobre 2011) / PRECURSORI
<< In città il pattinaggio a rotelle ha sempre avuto una grande tradizione. Dall'arrivo di Cesare Zancanaro in piena epoca fascista, con l'attività effettuata sotto l'egida della Gil, centinaia di rodigini si appassionano al rotellismo. Ci sono testimonianze di manifestazioni di artistico (protagoniste Dirce Baldoin, Bruna Gianese, Ninì De Lotto) al Salone del Grano della Camera di commercio, di gare di corsa (impegnati Luigi Cecchinato, Bruno Granata, Guido Beretta, Antonio Grigolato, Carmen Balduin, e sempre Bruna Gianese e Ninì De Lotto con la squadra del Comando federale di Rovigo) in varie zone della città, di partite di hockey disputate nella palestra delle Magistrali in via Carducci (Antonio Grigolato, Bruno Passadore, Arrigo Menarello, Oscar Merlo, Orlando Traversi, Vanzetti, Toso) o al dopolavoro dello stabilimento Val di Susa.
Sul rettilineo della Rovigo-Lendinara si svolgono le gare di corsa di 500 e 1000 metri e pure di 30 chilometri. Antonio Grigolato è atleta di livello internazionale, ma con la maglia del Guf Rovigo si mettono in evidenza anche Cecchinato, Merlo, Beretta e con quella del Dopolavoro Rovigo Liliana e Ludovico Goggia, Maria Luisa Rosato, Bruna Gianese, Lina Romanin, Antonietta Cornetti, Mario Cappellozza, Silla Giomo e Giorgio Bellini, atleti che magari nello stesso giorno disputano sia la gara di corsa su strada che quella d'artistico.

 

 

 

Il vero boom si ha negli anni 50 quando le ruote con le sfere (i cuscinetti arriveranno negli anni 70) sono tenute ferme da morsetti in ferro e quando l'agognata costruzione della Pista di Viale Trieste (oggi colpevolmente abbandonata e "rasa al suolo") favorita dall'intervento del padre di Gianna Piglia, fornisce un notevole impulso all'attività. Così nasce la Società Hockey Pattinaggio "Francesco Granata" Rovigo a lungo presieduta da Giordano Campice. L'artistico si sviluppa attorno alle prodezze di Gianna Piglia che nel 1958 conquista la medaglia d'argento ai campionati del mondo. I vari Nereo Rossi, Romolo Astolfi, Gastone Gasparetto, Gianni Nonnato, Marilisa Zancanaro, Giorgio Reale, Luciano Buoso e tanti altri sono protagonisti delle gare di corsa allenandosi su strada lungo la non ancora trafficata Lendinara-Rovigo-Adria. Dalle ruote in ferro ecco le ruote in legno bloccate dai bulloni, ruote di acero o melo per non usurarsi. Molti atleti praticano la corsa e giocano a hockey (Vallini, Rizzato, Lazzarini, Adami, Zago, Nonnato e Rossi) con eccellenti risultati.
Alla fine degli anni 50 Rovigo vanta atleti nazionali (Zancanaro) e di Prima categoria (c'erano Prima, Seconda e Terza in base alla capacità) che gareggiano ovunque, da Ferrara a Genova, da Venezia e Roma, da L'Aquila a Terni. Atleti che utilizzano pattini e ruote costruiti da Cesare Zancanaro e che con la figlia Marilisa e Nereo Rossi conquistano numerosi titoli italiani.

 

 

SECONDA APPENDICE FLASH STORY  ( by www.skatingclubrovigo.it) / LA STORIA/  LA GRANDE RIPRESA: ANNI 90
<< ….Importante il 1995 perché in occasione della decima edizione il Pattinodromo viene intitolato ad Arturo Ponzetti. Aumenta l'attività, crescono i risultati e l'attenzione esterna, così nel 1996 Edgarda Cappellato diventa il primo storico sponsor con "Edgarda pratiche automobilistiche" e per la prima volta la divisa è un body giallo-verde-blu. Si amplia lo staff tecnico coordinato da ROBERTA PONZETTI per seguire gli agonisti e soprattutto i tanti allievi delle scuole di pattinaggio. Significativa la giornata di beneficenza del 14 aprile organizzata in favore dell'Associazione bambini cerebrolesi "Mattia Venceslao" con la raccolta fondi al Pattinodromo denominata "Pattinando per loro" che negli anni successivi sarà seguita da altre iniziative analoghe in favore di giovani bisognosi di cure o associazioni come Avis, Aido e Telethon.
L'entusiasmo e l'impegno crescono e le scuole di pattinaggio (dal 1996 anche a Canaro) "sfornano" sempre più atleti che potenziano il settore agonistico, ecco quindi Elena Ferraù, Manuel Cobianco, Massimo Dall'Ara, Andrea Ferrarese, Luca Trombin, Giulia Bonfà, Elia Bellan, Sara e Samuele Frigato, Alberto Medea, Andrea Veronese, Marco Zanaga, Cristina Acquaviva, Nicola Toffoletto, mentre Mirko Contiero e Nico Massaro arrivano da Lusia, e l'anno successivo, il '97, registra il debutto di Linda Ferro, Letizia e Stefania Padovan, Francesca Ferraresi, Federico Zancanaro, Filippo Mirandola, Enrico Frescura, Giorgia Malagugini, Sara Chiarion e Sara Menon.

 

 

L'ampia rosa porta a risultati di prestigio a livello regionale; Laura Sicchieri, Roberto Bonafin, Giada Giandoso, Silvia Businaro e Linda Ferro dal 1996 in poi conquistano molte medaglie in varie edizioni del Gran premio giovani mentre Laura Bonafin eccelle nella categorie superiori.
A fine '96 la società, in collaborazione con il Comitato provinciale Fihp guidato da Paolo Rondina, organizza a Palazzo Roncale il "Gran galà dei campioni" a livello regionale, mentre l'anno successivo si apre con un nuovo sponsor: Nationale Suisse Assicurazioni che affianca Egarda pratiche automobilistiche.
Dopo ben 16 anni di attesa, si interrompe il lunghissimo digiuno tricolore grazie a Valentina Vallin che, sotto la sapiente guida di ROBERTA PONZETTI, nel giugno 1997, a Marina di Grosseto, vince il titolo italiano nei 200 a cronometro su pista categoria Ragazze. Un trionfo ottenuto da un'atleta che pattina da pochissimo tempo… >>

 

 

EXTRATIME by SS/ La cover è per Roberta Ponzetti allenatrice “Palma di bronzo” ma in versione familiare con la figlia e atleta Chiara Visentin.
Quindi nella fotogallery proponiamo innanzitutto il presidente Federico Saccardin perché icona rappresentativa di lungo corso in casa Skating Club Rovigo.
E a seguire in formato poster la “SQUADRA” dello Skating Club Rovigo, tra due significativi ancorché silenziosi yellow man a completare il quadro .
Quindi con riferimento ai due Flash Story ecco Paola Ponzetti crop by sito societario con tanto di didascalia incorporata  assieme alla sua allieva Valentina Vallin ( leggi tricolore datato 1997 dopo 16 anni di digiuno societario). Anche per questo vi ho messo nel quadro ( come fosse un Velasquez) la stessa Roberta Ponzetti in mini-kit con Riccardo Passarotto campionissimo dei giorni nostri.
Sempre a seguire, e per ricordare e onorare poi il ‘cuore’ formativo –educativo societario, vi proponiamo due flash datati 2004, prima on the road con Papa Wojtyla benedicente sulla sedia gestatoria, quindi tutto lo staff e gli atleti by Skating Rovigo ben saldi …in sala Nervi , da polesani attorno al Papa polacco.

 

 

E molto più prosaicamente da Polesani nel Mondo, onoriamo lo Skating Club ‘international’ mostrandovi la certificazione che today questo sito www.polesinesport.it ha superati i 350/mila contatti , grazie anche alle tante Story trasmesseci by Ponzetti & Skating Club Rovigo che abbiamo sentito il dovere di ‘amplificare’ in the world con tanto di firma e interpretazione autentica di …Quelli che la Storia la costruiscono giorno per giorno sul campo come Testimoni di Valori Sportivi ( perciò eccoli in questa rubrica Campioni & Signori).
Infine sul podio mettiamo in sequenza ma ex aequo la foto di Roberta Ponzetti ‘tecnico’ della società del presidente Federico Saccardin poi in flash poker nel giorno della recente presentazione ufficiale in Camera Commercio a Rovigo del  Pattinodromo delle Rose – Adriatic Lng ( vedi Lisa Roncon al tavolo presidenziale assieme anche ad Erika Zanetti e Ct Presti-Italia team) .

Paolo Ponzetti & Sergio Sottovia
www.polesinesport.it