Storie di CANOA e di SPEEDWAY raccontate da Roberto Giannese e Michele Guerra. Per una Pasquetta sportiva ‘fuori porta’


Come i cronisti d’altri tempi, dentro la notizia. Vale per Michele Guerra e le gare di Speedway sull’altipiano del Montellop, vale  per Roberto Giannese e le gare di CANOA all’Interporto. E poiché LORO sono appassionate delle ‘loro’ discipline non ci resta che …cedere la parola alle loro notizie, in questa rubrica dove la verità è quella di Tommy, cioè quelli dei giornalisti che ci mettono il naso. Ricordato che conosco e stimo Sandro Ceciliato ( eccolo in tuta azzurra-canoe nel cerimoniale dei Campionatio Italiani Disabili, settembre 2008) ’anima evergreen del Gruppo Canoe Polesine fin dalla fondazione, a noi non resta che corredare il testo con le relative foto, e quindi ecco le due Tommy – Stories in sequenza.

 

 

PRIMA NEWS by Roberto Giannese/ GRUPPO CANOE POLESINE, ok nel Meeting Internazionale all’Interporto di Rovigo.
Nel K2 Senior medaglia d’oro per la coppia Ilenia Padoan ed Angela Ceciliato.
Trecentocinquanta atleti, in rappresentanza di oltre quaranta  società, hanno partecipato sabato scorso al XXI meeting di Canoe e Kayak, organizzato come sempre dal Gruppo Canoe Polesine. Per la prima volta il meeting si è svolto presso le strutture del porticciolo turistico dell’Interporto di Rovigo, da poco assegnato in concessione alla società sportiva polesana.

 

 

In gara anche atleti in rappresentanza di Germania e Croazia.  Le gare sono iniziate nella mattinata, quando nelle acque del Canalbianco sono scesi gli atleti  delle categorie delle categorie maschili e femminili, C1, C2 e K1 e K2, che si sono affrontate sulla distanza dei 5000 metri. La società di casa ha conquistato la medaglia d’oro con Ilenia Padoan ed Angela Ceciliato ( eccole in foto), nella gara riservata alle ragazze K2 Senior , confermando così il loro ottimo stato di forma dopo il titolo italiano a Torino nella maratona. Sempre nella mattinata, la società di casa aveva ottenuto un ottimo settimo posto con Enrico Zilli ( in foto, ovviamente da solo in canoa) nella gara riservata ai  k1 senior maschile.

 

 

Nel pomeriggio la squadra di casa ha ottenuto un interessante secondo posto nei giovanissimi con Matteo Cavessago già vincitore a Padova alla scorsa gara Interregionale e con questo secondo posto conferma tutto il suo grande potenziale.  Anche le ragazzine Federica Cavessago nona tra le cadette B e Sara Libralon decima nella categoria Allieve B hanno dimostrato grinta e determinazione anche se non hanno raggiunto il podio. La vittoria assoluta del meeting è stata conquistata dalla squadra Croata, mentre il Gruppo Canoe ha chiuso con un ragguardevole tredicesimo posto. L'Associazione Polisportiva Verbano si è aggiudicata la pagaia messa in palio per il trofeo Memorial Luigi Furlanetto, che ogni anno viene assegnato alla società che presenta il maggior numero di iscritti tra le categorie dei giovani. Alle premiazioni sono intervenuti il presidente del Coni, Bruno Piva, la presidente della Provincia Tiziana Virgili, l’assessore comunale allo sport Giovanni Cattozzi, l’assessore provinciale allo sport Leonardo Raito.

Unico rammarico il fatto che le gare per disabili ( nella foto repertorio  2008 Riccardo Strenghetto sprinta sul Caanalbianco con una collega) non si sono potute effettuare, in quanto al porticciolo mancano ancora gli attracchi per la risalita degli atleti, così di comune accordo, per non sfavorire alcuni atleti, le società e gli organizzatori hanno deciso di annullare le gare per queste categorie. 

SECONDA NEWS by Michele Guerra/ SPEEDWAY,  Prima Prova Campionato Internazionali d'Italia a Squadre
PROVA BUONA PER MAIDA, DA DIMENTICARE PER GREGNANIN
Buona prova di Andrea Maida deve migliorare le partenze dallo starter - Sfortunato Marco Gregnanin dopo una caduta costretto al ritiro dalla gara
 
GIAVERA DEL MONTELLO (TV) - Prima prova del campionato a squadre denominato Internazionali d'Italia di speedway sulla pista trevigiana di Giavera del Montello nel lunedì di Pasquetta, ha aperto ufficialmente la stagione 2010 della pista ovale tricolore.

 

 

Cinque le squadre iscritte al campionato in cui ognuna poteva schierare un pilota straniero, in due team erano presenti i piloti polesani Andrea Maida veterano di Loreo bandiera del team friulano Olimpia di Terenzano e il giovane Marco Gregnanin di Rovigo nel nuovo team Hellas Speedway Verona. Gara molto combattuta e spettacolare con le squadre racchiuse in pochi punti per contendersi il successo, la vittoria veniva assegnata nel finale al termine delle venti manche in programma. Di due risvolti opposti le prove dei due polesani Maida e Gregnanin.

 

 

Partenza alla grande per il giovane rodigino che di gran carriera vinceva la prima manche davanti allo sloveno Krajlic, nella sua seconda uscita Gregnanin alla ricerca di superare Carpanese in testa alla manche per vie esterne incappava in una scivolata che terminava violentemente contro la barriera di legno. Soccorso dal personale medico, poco dopo Marco rassicurava tutti mostrandosi in piedi. Purtroppo le conseguenze della caduta non gli permettevano di proseguire la gara. Di tutt'altro opposto la gara del sempreverde Maida; dopo il passo falso della sua prima uscita con la rottura del nastro allo starter gli costava la squalifica dalla manche, nel proseguimento della corsa il pilota di Loreo dava spettacolo con le sue evoluzioni, conquistando punti preziosi per il suo team. Un passo più avanti di tutti nella preparazione il tedesco Martin Smolinski, unico professionista in gara, insieme a Maida, Carpanese e Zambon, gli sloveni Stojs e Krajlic e il danese Vedel sono stati i veri protagonisti di questa prima prova. Al termine della gara Andrea Maida soddisfatto diceva: "Avevo un po' di timore per il fondo pista da poco rifatto dopo la pioggia dei giorni scorsi tuttavia ha tenuto bene. Non ho voluto forzare più di tanto visto che è anche la prima gara della stagione, poi soffrivo un po' sulle partenze allo starter che finora negli allenamenti non sono riuscito a provare. comunque va bene così". Primi due gradini del podio per i polesani con il successo dell'Hellas Speedway Verona di Gregnanin e seconda piazza per l'Olimpia di Maida ( ndr, ricordiamo solo che la moto ‘montava’ il nuovo motore Gpt 754 dell'ingegnere Giampietro Tomezzoli).

 

 

Giusto il tempo per preparare le moto che domenica prossima 11 aprile si ritorna in pista sull'ovale di Terenzano per la prova unica che assegna il titolo di campione italiano a coppie, dove ancora una volta lo spettacolo è assicurato.
Classifica 1^ prova a squadre:1 Hellas Speedway Verona pt. 31 (M.Smolinski D 18, M.Zambon 10, M.Gregnanin 3), 2 M.C.Olimpia Terenzano 23 (A.Krajlic SLO 13, A.Maida 9, P.Scagnetti 1), 3 M.C.La Favorita Sarego 21+3 (M.Carpanese 11+3, M.Tadiello 7, J.Seren 3), 4 M.C.Cialtroni del Nordest 21+2 (H.Vedel DK 10, A.Novello 8, A.Baroni 3), 5 M.C.Lonigo 20 (D.Stojs SLO 13, G.Franchetti 6, M.Marzotto 1).

EXTRATIME/ Solo per segnalare che le foto –speedway riguardano il “podio a fine gara” con da sin. l'Olimpia con Maida, l'Hellas con Gregnanin al centro e La Favorita.
Quindi la foto di Andrea Maida pronto a entrare in pista col suo meccanico fidato "Carletto" Degan. Ed infine la foto del ‘solitario’ Marco Gregnanin in azione.



Roberto ‘canoe’ Giannese & Michele ‘speedway Guerra
www.polesinesport.it