“30 Anni del Campionato più bello del mondo” in Dvd by Germano Bovolenta/ INTER 2007-08 Campione d’Italia


19/04/2014

Come Diderot & D’Alembert, questo è stato per noi Germano Bovolenta con la sua Enciclopedia Universale sui “30 Anni del Campionato più bello del mondo”. Un lungo viaggio multimediale in DVD che taglia il traguardo come fosse un …rosario di perle e coralli. Perché il primo Dvd vale quanto l’ultimo, perché Germano è Germano …dall’inizio alla fine. Globetrotter in bicicletta sulle strade del Delta del Po e globetrotter by trolley sui tanti aerei al seguito di squadre ed Eventi Sportivi internazionali …nel nome della Rosa, la mitica Gazzetta dello Sport per la quale il giornalista Germano Bovolenta ha raccontato “totus suus” il Grande Calcio e i Grandi Personaggi dello Sport.
Ma sinceramente non posso aggiungere altri elogi , altrimenti … si arrabbia e mi prendo le mie.

Piuttosto …guardando la cover by Almanacco dedicata al Giudizio Universale, alla fine di questo nostro lungo viaggio ho pensato ad un Signore del Calcio appena scomparso. Cioè  
il Geometra Umberto Cavallari, un CARO AMICO DELLO SPORT POLESANO col quale ho visto fianco a fianco a Porto Tolle l’ultimo match blasonato tra Delta PT e Spal.
Ecco, chiedo scusa ma… mi piace pensare che il Grande Germano Bovolenta avrebbe ‘riservato’ due righe TRA I GRANDI sulla mitica ROSA per ricordare il GEOMETRA UMBERTO CAVALLARI , lo storico presidente fondatore della PORTOTOLLESE che, da “Campione & Signore” come l’ho raccontato nel mio primo libro Polesine Gol, è salito in cielo ‘lasciandoci in eredità’ tanto amore per lo sport in questa Pasqua di Passione.

Perciò limitiamoci a chiudere col “3O & LODE” dedicato all’ultima tappa di questo viaggio  by ALMANACCO , cioè il suo racconto sul Campionato 2007/08.
Parlandovi di una stagione che sul campo del “Campionato più bello del mondo” ; ha visto la vittoria dell’INTER di mister Roberto Mancini.
Il tutto estrapolato by “Almanacco” a compendio dei “30 Speciali Dvd” che ho visto e rivisto e ancor più visto e piaciuto tappa per tappa, non speedy ma slowly per memorizzare meglio i suoi “Trent’anni” targati “Io ti Amo”.

Per un campionato 2007/08 che è tornato a riproporre un trio prestigioso sul podio ( ORO by INTER, quindi ARGENTO by ROMA, poi BRONZO bianconero by JUVENTUS) ,mentre in sequenza e a completamento della TOP TEN troviamo Fiorentina, Milan, Sampdoria, Udinese, Napoli, Atalanta e Genoa.
Tutto tra conferme e novità , per quel che riguarda le protagoniste di una stagione che oltre ad aver regalato alla Storia del Calcio l’INTER winner , ha messo anche diverse novità sulle panchine ( leggi Luciano Spalletti alla Roma) , ma anche le significative conferme di Carlo Ancelotti al Milan e di Walter Mazzarri alla Reggina.
Tutte ‘eccellenze’ di cui vi parleremo, insieme ad altre, in questa “Trentesima & Ultima” puntata del “Campionato più bello del mondo” , cioè quello italiano che La Gazzetta dello Sport – ripeto - ha ‘messo in mostra’ nei suoi 30 speciali Dvd che hanno avuto la speciale supervisione di Germano Bovolenta.
Un’altra ‘perla-campionato’ proposto in maniera tecnologica ed estremamente professionale by La Gazzetta dello Sport, che ho personalmente visto e rivisto, con tanto di fermo immagine su diversi Personaggi Story che peraltro qui su www.polesinesport.it si sono meritati specifici approfondimenti, nonché particolari link by wikipedia.

Anche per questo eccovi come tutte le settimane e in sequenza cronologica, questo significativo ‘racconto ’ tratto dall’Almanacco stagionale, che non a caso si chiude col GIUDIZIO UNIVERSALE della Cappella Sistina ‘applicato’ all’ultimo campionato della ‘collana-rosario’ griffata Germano Bovolenta.

Un ALMANACCO che il “Signore della Rosa”,  ha caratterizzato ‘a modo suo’, in questa stagione come in tutte le altre, tra titolo e focus.

Un Almanacco dove altresì segnaliamo puntualizzate così in sequenza le rubriche “I COLPI DI MERCATO: I MAGNIFICI CINQUE”, e “TUTTE LE FORMAZIONI- ROSE E PRESENZE”, quindi i “CANNONIERI” , la CLASSIFICA DELLA SERIE A e LA CLASSIFICA DELLA SERIE B , poi LA CURIOSITA’ e  L’UOMO DELL’ANNO ed infine il “DIETRO LA LAVAGNA”.

Peraltro rimandandovi per parte nostra, all’Extratime per qualche altro dato di riferimento all’ Almanacco 2007/2008, mentre vi proponiamo tout court questa “Trentesima e ultima” delle 30 tappe del nostro viaggio, giusto per mettere su podio soprattutto Germano Bovolenta e i ‘suoi’ Protagonisti.

Comprese le seguenti società retrocesse: Empoli/terzultimo, Parma/penultimo e Livorno/ultimo.
Tre società alle quali nulla è valso il cambio dell’allenatore.
E che segnaliamo perché comunque ‘quei mister’ li abbiamo poi trovati ‘protagonisti’ su altre panchine di società della massima serie.
Perciò ricordiamo il ‘balletto delle panchine’ ad Empoli, partito con Luigi Cagni, poi rilevato da Alberto Malesani sostituito sul finire dal ‘rientrante’ Luigi Cagni.
Discorso analogo a Livorno partito con Fernando Orsi, poi sostituito da Giancarlo Camolese peraltro rilevato infine dal rientrante Fernando Orsi.
Discorso quasi analogo al Parma , visto l’esordio con Domenico Di Carlo poi rilevato da Hector Raul Cuper a sua volta sostituito da Andrea Manzo.
Per un campionato che oltre alle già citate squadre ha visto la partecipazione delle seguenti compagini che hanno ‘navigato’ nel mare della tranquillità: Palermo, Lazio, Siena, Cagliari, Torino, Reggina. Invece il Catania di mister Silvio Baldini si è alla fine salvato per il ‘rotto della cuffia’ ( leggi un solo punto di vantaggio sull’Empoli) grazie alla ‘carica’ agonistica e pragmatica del subentrante Walter Zenga il noto portiere interista acrobatico e spericolato nelle uscite ( anche verbali) .

 


 

MAIN NEWS/ ( di Germano Bovolenta) / LA LEGGE DELL’INTER
<<  Milan campione d’Europa, Inter campione d’Italia, Juventus tornata in serie A.
La favorita? Sempre l’Inter, la corazzata.
Campionato ricco e affascinante con sorpresa all’esordio. L’Inter pareggia in casa contro l’Udinese e la Roma si offre subito come antagonista. Ma, al sesto turno, l’Inter travolge all’Olimpico (4-1) la squadra di Spalletti. Nerazzurri in testa e ripetizione della cavalcata dell’anno precedente: campione d’Inverno con 15 vittorie e 4 pareggi.
Nella seconda parte, stesso copione: l’Inter si porta a +11 sulla Roma.
Il campionato sembra chiuso, ma la Roma non si arrende.
L’Interprima attraverso momenti difficili ( quanti infortuni) e poi entra in crisi.
Il finale è spettacolare, si riapre la lotta per lo scudetto e il duello per il quarto posto in Champions ( la Juve è sempre stata terza).
Verdetto all’ultima giornata. L’Inter con un punto in più vince a Parma, grazie ad Ibrahimovic tornato in squadra dopo un lungo infortunio e conquista il terzo scudetto consecutivo ( due sul campo, uno a tavolino).
La Fiorentina acquisisce il diritto di partecipare ai preliminari della Champions.
Il Milan, campione del mondo per club in dicembre, ma altalenante in campionato, deve accontentarsi del piazzamento Uefa assieme a Sampdoria e Udinese.
Bene il Napoli; in Intertoto.
Una buona stagione anche per il Genoa di Marco Borriello, grande rivelazione fra i cannonieri ( 19 reti).
La classifica dei marcatori la vince, per la prima volta ( a 33 anni) , Alessandro Del Piero che segna 21 gol e stacca così di una lunghezza Trezeguet.
Bella e appassionante la lotta per la salvezza. Coinvolge Siena, Cagliari, Torino, Reggina e Catania.
I siciliani si salvano all’ultima giornata e, sempre nell’ultima partita, retrocedono in Serie B il Parma e l’Empoli. Molti allenatori esonerati, soprattutto quelli delle squadre che si sono battute per non retrocedere.
Il caso più clamoroso è quello di Hector Cuper, licenziato dal Parma alla penultima giornata>>.   

 

 

    
SECONDA NEWS ( di Germano Bovolenta) / LA CURIOSITA’? / IL TEMPO DEL FAIR PLAY
( A fin gara i giocatori della Fiorentina salutano sportivamente quelli dell’Inter. Dalla loro iniziativa nascerà nel campionato il rituale del “Terzo Tempo”.)

<< Tutto nasce da una iniziativa della Fiorentina. Per la partitissima del 2 dicembre 2007 in casa contro la capolista Inter, il club annuncia il “Viola fair”: alla fine allenatore e giocatori di casa stringeranno la mano agli avversari.
L’autorizzazione della Lega, per motivi burocratici, non arriva, ma alla fine, nonostante la cocente sconfitta (0-2), il piccolo miracolo di fair play avviene. 
<<Uno stadio che dà il senso di cosa vuol dire lo sport come lo intendiamo noi>>, commenta soddisfatto il patron Diego Della valle.
L’iniziativa, in un calcio troppo spesso funestato da tragedie e truci polemiche, piace e viene sposata dai vertici. Il giorno dopo Antonio Matarrese, presidente della Lega Calcio, annuncia, annuncia l’istituzionalizzazione del “terzo tempo” al termine della partite di Serie A e B. Il 20 dicembre viene deciso che si partirà dalla ripresa dei campionati in gennaio, dopo la sosta natalizia.
L’usanza originale appartiene al rugby, dove da sempre a fine partita i vincitori fanno ala all’uscita degli sconfitti per applaudirli, dopodiché si apre il vero e proprio “terzo tempo”, con le due squadre riunite in una tavola imbandita.
Nel calcio non si poteva ovviamente arrivare a tanto e anche se qualcuno non manca di osservare che in quanto imposta la pratica non sarà spontanea e dunque poco sincera, si tratta di un primo passo verso una sdrammatizzazione del clima agonistico: che spesso trova proprio nell’uscita dal campo delle squadre lo sfogo di risse e battibecchi.>>

TERZA & LAST NEWS ( di Germano Bovolenta) / DIETRO LA LAVAGNA/  AREA AVVELENATA
(La prima pagina della Gazzetta dello Sport il giorno dopo la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri/ CHE INCUBO/ Rissa tra tifosi sull’Autosole, agente spara: muore giovane laziale/ Bergamo, ultrà sfondano le protezioni: sospesa Atalanta- Milan / Guerriglia a Roma: assalto alla polizia, feriti. Devastato i Coni)

<<  Domenica 11 novembre, ore 9.20, stazione di servizio di Badia al Pino sull’A1, nei pressi di Arezzo: sul piazzale: sul piazzale dell’Autogrill si scatena una piccola rissa tra tifosi laziali diretti a Milano ( Inter – Lazio) e juventini ( a Parma per Parma – Juventus).
Quando il tafferuglio si spegne, dall’area di servizio sulla carreggiata opposta in direzione Roma ( distante una settantina di metri) un poliziotto esplode inspiegabilmente due colpi di pistola “ a scopo intimidatorio” : purtroppo uno colpisce al collo Gabriel Sandri, tifoso laziale di 26 anni seduto nella vettura dei tifosi romani, che riparte e si ferma pochi chilometri dopo.
Il ragazzo muore, si scatena il caos. Non si giocano Inter-Lazio e Roma – Cagliari, sospesa Atalanta-Milan per violenze di tifosi che minacciano di invadere il campo: nella Capitale la notte è sconvolta da una spaventosa guerriglia urbana. Il calcio italiano è di nuovo sconvolto.
Ma non è finita. Un girone dopo, la maledizione del dodicesimo turno colpisce ancora. Domenica 30 marzo, area di servizio Crocetta, vicino ad Asti, sull’A21: scontro tra tifosi del Parma diretti a Torino e tifosi della Juventus.
In preda al panico, questi ultimi risalgono sul pullman e l’autista riparte a razzo, non avvedendosi che davanti si piazza un ventisettenne di Parma.
Matteo Bagnaresi, che resta schiacciato dalle ruote.
 Dopo 700 metri di autostrada il mezzo si ferma sotto un cavalcavia, intanto il ragazzo è morto.
Juventus – Parma viene rinviata per lutto. Un’altra vittima legata al pallone allunga una scia di sangue che sembra inarrestabile.>>   

 

 

EXTRATIME by Sergio Sottovia/ La cover è …la Cappella Sistina ‘rivisitata’ con la collocazione dei player protagonisti nella stagione, sia in senso positivo che negativo.
Perciò ecco posizionati nella ‘parte bassa’ ( leggi INFERNO) i giocatori Diana/ Torino, Gilardino/Milan, Miccoli/palermo, Dida/ Miln, Suazo//Inter, Muslera/X, Adriano/Inter;; nella parte “centrale-interlocutoria” ( leggi PURGATORIO) i giocatori Balotelli/Inter, Borriello/Genoa, Acquafresca/Cagliari, Vargas/catania, Hamsik/Napoli; infine nella parte alta (leggi PARADISO) i giocatori Lavezzi/Napoli, Pato/Milan, Del Piero/Juve, De Rossi (Roma, Mutu/Fiorentina, Cassano/Sampdoria.
Ma più in alto di tutti troviamo Ibrahimovic/Inter a rappresentare il SIGNORE del campionato.

Quindi in apertura di fotogallery eccovi, come di consueto, le “Tre Cover” della stagione; cioè “I Magnifici Cinque” , quindi la Top 11 ‘su sfondo campo’ della squadra “Campione d’Italia” (i nerazzurri dell’INTER) , poi il podio della classifica Cannonieri. Tutto come sempre senza didascalie perché nomi  e cognomi sono incorporati nelle stesse foto-figurine.
A seguire soltanto immagini by Almanacco, perché non vogliamo proporvi altre immagini di altri Personaggi Story che abbiamo già personalmente incontrato/raccontato in altre rubriche alle quali peraltro vi rimanda …google o wikipedia by link specifico) direttamente qui su www.polesinesport.it nelle pagine interessate.
Fermo restando che non dimenticherò mai di ringraziare sempre e comunque Germano Bovolenta “Signore” de La Gazzetta dello Sport per avermi concesso la sua specialissima ‘presentazione’ al mio libro Story “Polesine Gol2”.
Ma con riferimento alla 'scaletta' dell'originale "Campionato io ti Amo", eccovi by Almanacco 2007/2008, tra partenza e arrivo, gli essenziali …passaggi più significativi dell’intera stagione agonistica.
Tenendo conto che stavolta non possiamo proporvi il classico “SE LA GIOCANO” perché tutti i Players sono già stati segnalati in cover nella …canonica Cappella Sistina col suo Giudizio Universale guardato a vista ( l’abbiamo detto) da Ibrahimovic SIGNORE & DIO padrone del pallone da calcio tra le sue mani.

Invece, nella rubrica “I COLPI DI MERCATO”, queste sono le figurine Panini dei
“Magnifici Cinque” in senso orario: Mohamed Sissoko/Juventus, Pato/Milan, David Suazo/Inter, Tiago/Juventus, Christian Chivu/ Inter.
Quindi per la serie “the winner is” segue la TOP 11 nerazzurra dell’INTER di Roberto Mancini ( terzo scudetto consecutivo) “Campione d’Italia 2007/2008” , mentre sull’Almanacco sono pubblicate in formato ridotto anche tutte le ‘altre’ FORMAZIONI., sempre su ‘sfondo verde campo di calcio’.
Infine vi proponiamo by podio dei Capocannonieri ‘the winner’ Alessandro del Piero/Juventus (21 reti) tra il secondo David Trezeguet ( Juventus, 20 reti) e Marco Borriello/Genoa ( Roma, 19 reti).
Ricordando altresì che sull’Almanacco ci sono tutte le Classifiche della Serie A e Serie B estremamente analitiche, mentre Germano Bovolenta evidenzia “La Curiosità” ( IL TEMPO DEL FAIR PLAY) e L’Uomo dell’Anno ( Javier Zanetti/ Inter),
Praticamente tutti i “Protagonisti Principali” raccontati  peraltro nelle Tre Speciali Rubriche by Germano Bovolenta e che vi abbiamo proposto in questa “Trentesima & Ultima Puntata” del suo personalissimo Almanacco a corredo dei famosi 30 Dvd intitolati “Campionato io ti amo”.


Germano Bovolenta ( giornalista de La Gazzetta dello Sport)

www.polesinesport.it